Lavoro 29 Gennaio 2018

Osteopatia, Sciomachen (ROI): «Definire le competenze ‘core’ è l’ultimo miglio per il riconoscimento»

Il ROI, l’Associazione di categoria con circa 3mila iscritti ha elaborato con il coordinamento della Società di Pedagogia Medica, una Proposta di “core competence” nel percorso di riconoscimento dell’osteopatia come professione sanitaria

Lo scorso 22 dicembre, il Senato ha definitivamente approvato il Ddl Lorenzin che identifica la professione sanitaria di osteopatia. La legge prevede che entro i prossimi sei mesi vengano definite le competenze, il percorso formativo e le equipollenze per l’esercizio della professione sanitaria di osteopatia.

Il ROI, l’Associazione di categoria più rappresentativa in Italia con circa 3mila iscritti, a supporto del processo di individuazione delle competenze, ha elaborato con il coordinamento della Società di Pedagogia Medica, una Proposta di “core competence” dell’osteopatia. La metodologia è la stessa utilizzata per classificare le competenze di infermieri, fisioterapisti e dietisti italiani. La Proposta ROI di Core Competence” in Osteopatia si inserisce nel percorso di riconoscimento dell’osteopatia come professione sanitaria. L’art. 7 del Ddl Lorenzin, approvato definitivamente da Senato lo scorso 22 dicembre, prevede che nei prossimi sei mesi vengano definite le competenze, il percorso formativo e le equipollenze per l’esercizio della professione di osteopata.

«Con questo documento sulle competenze vogliamo essere propositivi, stimolare il dialogo con le Istituzioni nel percorso di riconoscimento dell’osteopatia come professione sanitaria ed essere un interlocutore serio ed affidabile per la definizione del ruolo dell’osteopata nel contesto delle professioni sanitarie in Italia» ha commentato la Presidente del ROI Paola Sciomachen.

Da marzo a ottobre 2017 un gruppo di lavoro composto da otto osteopati con una comprovata esperienza nella pratica clinica, nella formazione e nella ricerca scientifica e da due esperti della Società di Pedagogia Medica (SIPeM), ha individuato le funzioni e le attività che caratterizzano la professione di osteopata. La metodologia scelta per determinare le competenze dell’osteopata e inquadrarle nel sistema sanitario italiano è il modello di Gilbert, uno schema di progettazione top-down che individua prima le funzioni del professionista in risposta ai bisogni prioritari di salute e poi le declina in specifiche attività.

Prima della stesura del Core Competence dell’Osteopata il gruppo di lavoro ha analizzato i modelli di riferimento utilizzati nei Paesi in cui l’osteopatia è già regolamentata. La metodologia utilizzata, il modello di Gilbert, presentato nella Guida Pedagogica per il personale sanitario dell’OMS, è quella già utilizzata per la definizione delle core competence di infermieri, fisioterapisti, educatori professionali e dietisti italiani. La proposta è stata condivisa con la comunità di partica e gli esperti di formazione attraverso una web-based opinion survey.

«L’osteopatia è una professione radicata e apprezzata in Italia. La nostra missione è sempre stata quella di garantire la qualità dei professionisti iscritti – prosegue la Presidente -. E anche il lavoro sulle core competence osteopatiche va in questa direzione. Oggi è più che mai attuale definire le competenze dell’osteopata, perché siamo passati alla fase attuativa della legge per il riconoscimento della professione. Farlo ci ha permesso di evidenziare le attività distintive e caratterizzanti della professione di osteopata, e di inserire l’osteopatia nel contesto sanitario italiano, con l’individuazione di uno spazio proprio che non si  sovrappone a quello delle altre professioni sanitarie, ma che risponde ai bisogni del malato fragile e delle sue esigenze di cura complesse, attraverso una gestione condivisa fra tutti i professionisti della salute. Un lavoro impegnativo, che ci auguriamo possa essere un valido supporto nel processo di regolamentazione della nostra professione in Italia».

Articoli correlati
Osteopatia e logopedia per i prematuri, al Macedonio Melloni primo progetto in Italia. Silvia Di Chio: «Così aiutiamo i piccoli a tornare a casa prima»
Il progetto permettere ai prematuri di imparare a nutrirsi senza sondino, così da andare a casa in tempi più rapidi di quanto non accada oggi. La vicedirettrice della Patologia e terapia intensiva neonatale: «Verranno applicati degli indici che si rifanno a delle scale adottate appunto negli Stati Uniti, per offrire stimoli ai piccoli e permettere loro di imparare a deglutire e dunque a nutrirsi in autonomia»
di Federica Bosco
Osteopatia, Paola Sciomachen (ROI): «Avviato confronto con Ministero per l’individuazione del profilo professionale dell’osteopata»
«È un passaggio fondamentale per istituire la professione», afferma la presidente del Registro Osteopati d’Italia che aggiunge: «Abbiamo realizzato la prima proposta di core competence dell’osteopatia in Italia, in cui sono classificate le competenze esclusive e caratterizzanti»
4° Congresso ROI: le “prove di efficacia” per migliorare la qualità della cura
Come gestire e utilizzare i dati e i risultati della ricerca scientifica nella pratica clinica quotidiana? Come condividere le “prove di efficacia” che emergono dalla ricerca scientifica con gli altri professionisti della salute e con i pazienti, per una gestione ottimale delle decisioni terapeutiche? Sono le domande chiave a cui il ROI e i suoi […]
Ddl Lorenzin, Cola (Anpo): «Finalmente un riconoscimento per l’osteopatia, ma attenzione alla formazione…»
Paolo Cola, Segretario Nazionale dell’Associazione Nazionale Professionisti Osteopati, si dice soddisfatto del via libera della Camera ma mette in guardia il Ministero sul rischio di osteopati con una formazione al di sotto degli standard internazionali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...