Lavoro 14 Gennaio 2019

Il 15 gennaio OSS in sciopero. Minghetti (Human Caring): «Siamo stanchi di essere sfruttati e inascoltati»

Scoperchiando il vaso di Pandora, il vice-coordinatore nazionale del sindacato denuncia il malcontento della categoria: «Per Ministero e Regioni siamo fantasmi, e nessuno controlla la nostra formazione. Circolano attestati falsi, ci sono ovunque corsi non adeguati e frodi. È il caos. Siamo considerati ‘inferiori’, ma ci vengono assegnate mansioni che non ci competono. E adesso le aziende sanitarie ci impediscono di scioperare»

Immagine articolo

«Siamo stufi di non essere considerati né ascoltati. Non siamo fantasmi. La misura è colma, e questo sciopero è solo il primo di una lunga serie. Finché il ministro della Salute non ci incontrerà, OSS, infermieri generici, puericultrici e OSA faranno finalmente sentire la loro voce». È sul piede di guerra Angelo Minghetti, vice-coordinatore nazionale di Human Caring SHC OSS che ha indetto lo sciopero nazionale di 24 ore per il 15 gennaio. Gli operatori socio-sanitari si riuniranno sotto il ministero della Salute per manifestare il proprio malcontento, e hanno già stabilito che torneranno ad incrociare le braccia il 7 e l’8 febbraio.

LEGGI QUI LA LETTERA INVIATA AL MINISTRO GRILLO

Numerosi i motivi alla base della rabbia dell’intera categoria. E nell’enunciarli, Minghetti scoperchia un vero e proprio vaso di Pandora, facendo luce sulla vita, la formazione e le condizioni di lavoro di almeno 250mila operatori socio-sanitari, ma non si sa precisamente quanti siano gli OSS in Italia.

«Quella dell’OSS – ci spiega Minghetti – è una figura che non viene contemplata nella normativa. Non possiamo essere una professione sanitaria perché, in base a quanto detto dal Ministro, la nostra formazione è inferiore. L’area socio-sanitaria, prevista dalla Legge Lorenzin e in cui dovrebbero rientrare educatori professionali, assistenti sociali, sociologi e OSS, non è stata pienamente attivata perché mancano gli atti normativi necessari a procedere con l’iter. Ma sono 27 anni che aspettiamo, visto che l’OSS aveva diritto ad entrare nell’area socio-sanitaria sin dal 1992, quando è stata approvata la legge 502 che già prevedeva il passaggio e poi, per quanto ci riguarda, mai applicata. Intanto, però, sono stati salvati oltre 20mila professionisti sanitari che lavorano senza titolo. Di OSS, infermieri generici e puericultrici, però nessuno ne parla».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, SCONTRO SU DEROGA PER ISCRIZIONE A ORDINI. GRILLO: «SALVIAMO POSTO A 20MILA OPERATORI». BEUX (TSRM-PSTRP): «NON ISCRIVEREMO ABUSIVI»

«Questa categoria ha bisogno di una dignità professionale e di essere ascoltata – continua come un fiume in piena Minghetti -. Il Ministro sta convocando tutte le categorie per il nuovo Patto della Salute; gli assessori regionali stanno aprendo tavoli tecnici per discutere delle professioni. Nessuno, però, ci ha convocati e ha voluto ascoltare anche le nostre istanze. Allora abbiamo detto basta, e siamo stati costretti ad indire lo stato di agitazione».

Diversi gli ambiti che, a detta di Minghetti, dovrebbero essere rivisti. A partire da formazione e controlli: «La formazione degli OSS in questo momento fa acqua da tutte le parti. Non è mica colpa nostra se la nostra formazione è ‘inferiore’, come dice il Ministro; sono le normative che non ci danno la possibilità di avere una formazione adeguata e, soprattutto, controllata. Circolano attestati falsi, ci sono frodi in continuazione, i Nas scoprono puntualmente corsi di formazione non consoni, che non prevedono nemmeno un’ora di stage. C’è una vera e proprio mafia, qui, e un giro di guadagni in nero impressionante. Chi va in altre regioni per fare gli esami, chi deve dichiarare il falso per potervi accedere. È il caos», racconta Minghetti.

Al contempo, però, agli OSS vengono assegnati mansioni che spetterebbero agli infermieri, «dagli Ecg alle iniezioni intramuscolari. E questo non è abuso di professione? Non è sfruttamento? E sono cose che accadono automaticamente in tutta Italia ormai», prosegue.

Ma gli OSS non ci stanno più, e hanno deciso di alzare la voce. «Peccato, però – racconta ancora Minghetti – che adesso stiamo subendo anche terrorismo. Le aziende sanitarie stanno impedendo ai lavoratori di scioperare, minacciando denunce e commissioni disciplina. Noi non avremo 100mila iscritti, ma il nostro sindacato è stato riconosciuto e lo sciopero autorizzato. Abbiamo allora gli stessi diritti delle altre realtà sindacali e ci faremo sentire, finché il Ministro non deciderà di riceverci e ascoltarci», conclude.

Articoli correlati
I sindacati della dirigenza medica e sanitaria sospendono lo sciopero ma mantengono lo stato di agitazione
Nel corso dell’incontro con l’intersindacale, il ministro della Salute Giulia Grillo ha mostrato l’emendamento che annulla la retroattività del comma 687 della Legge di Bilancio e si è impegnata a far convocare i sindacati dall’Aran. Sul tavolo, anche confronto per lo sblocco della RIA
Contratto medici, intersindacale: «In legge di bilancio pietra tombale sul rinnovo. Scioperi confermati»
«All’insegna della peggiore continuità, il nuovo governo, come i precedenti, utilizza la legge di bilancio per attuare veri e propri golpe ordinamentali ed istituzionali». Non usa mezzi termini l’intersindacale della dirigenza medica e sanitaria che, in una nota, si scaglia contro il governo ed evidenzia il comma 687 della legge di bilancio. Una norma che «nell’assalto […]
Intersindacale medica: «A gennaio due giornate di sciopero per la sanità pubblica e la dignità del nostro lavoro»
Le organizzazioni sindacali della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria del SSN giudicano deludente la manovra economica approvata alla Camera e chiedono sostanziali modifiche al Senato in nome della sanità pubblica e del lavoro dei suoi professionisti. Chiedono inoltre un impegno preciso del Governo rispetto al contratto di lavoro e confermano le iniziative di protesta già annunciate […]
Contratto medici, la protesta continua con stop a straordinari, assemblee e scioperi: «Istituzioni evitino crack SSN»
Le richieste dei sindacati: l'incremento del finanziamento del FSN, un vasto programma di assunzioni ed il finanziamento di almeno 3mila nuovi contratti di formazione specialistica
Contratto medici, Ettore (Fesmed): «Non scioperiamo solo per l’aumento ma per mettere in sicurezza la sanità pubblica»
«Ogni giorno dentro gli ospedali è a rischio la vita», l'allarme del leader sindacale. Sulla carenza di professionisti aggiunge: «Oggi mancano almeno 3mila medici tra ginecologi e neonatologi, specializzazioni tra l'altro rischiose più di altre»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone