Lavoro 14 Gennaio 2019

Il 15 gennaio OSS in sciopero. Minghetti (Human Caring): «Siamo stanchi di essere sfruttati e inascoltati»

Scoperchiando il vaso di Pandora, il vice-coordinatore nazionale del sindacato denuncia il malcontento della categoria: «Per Ministero e Regioni siamo fantasmi, e nessuno controlla la nostra formazione. Circolano attestati falsi, ci sono ovunque corsi non adeguati e frodi. È il caos. Siamo considerati ‘inferiori’, ma ci vengono assegnate mansioni che non ci competono. E adesso le aziende sanitarie ci impediscono di scioperare»

Immagine articolo

«Siamo stufi di non essere considerati né ascoltati. Non siamo fantasmi. La misura è colma, e questo sciopero è solo il primo di una lunga serie. Finché il ministro della Salute non ci incontrerà, OSS, infermieri generici, puericultrici e OSA faranno finalmente sentire la loro voce». È sul piede di guerra Angelo Minghetti, vice-coordinatore nazionale di Human Caring SHC OSS che ha indetto lo sciopero nazionale di 24 ore per il 15 gennaio. Gli operatori socio-sanitari si riuniranno sotto il ministero della Salute per manifestare il proprio malcontento, e hanno già stabilito che torneranno ad incrociare le braccia il 7 e l’8 febbraio.

LEGGI QUI LA LETTERA INVIATA AL MINISTRO GRILLO

Numerosi i motivi alla base della rabbia dell’intera categoria. E nell’enunciarli, Minghetti scoperchia un vero e proprio vaso di Pandora, facendo luce sulla vita, la formazione e le condizioni di lavoro di almeno 250mila operatori socio-sanitari, ma non si sa precisamente quanti siano gli OSS in Italia.

«Quella dell’OSS – ci spiega Minghetti – è una figura che non viene contemplata nella normativa. Non possiamo essere una professione sanitaria perché, in base a quanto detto dal Ministro, la nostra formazione è inferiore. L’area socio-sanitaria, prevista dalla Legge Lorenzin e in cui dovrebbero rientrare educatori professionali, assistenti sociali, sociologi e OSS, non è stata pienamente attivata perché mancano gli atti normativi necessari a procedere con l’iter. Ma sono 27 anni che aspettiamo, visto che l’OSS aveva diritto ad entrare nell’area socio-sanitaria sin dal 1992, quando è stata approvata la legge 502 che già prevedeva il passaggio e poi, per quanto ci riguarda, mai applicata. Intanto, però, sono stati salvati oltre 20mila professionisti sanitari che lavorano senza titolo. Di OSS, infermieri generici e puericultrici, però nessuno ne parla».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, SCONTRO SU DEROGA PER ISCRIZIONE A ORDINI. GRILLO: «SALVIAMO POSTO A 20MILA OPERATORI». BEUX (TSRM-PSTRP): «NON ISCRIVEREMO ABUSIVI»

«Questa categoria ha bisogno di una dignità professionale e di essere ascoltata – continua come un fiume in piena Minghetti -. Il Ministro sta convocando tutte le categorie per il nuovo Patto della Salute; gli assessori regionali stanno aprendo tavoli tecnici per discutere delle professioni. Nessuno, però, ci ha convocati e ha voluto ascoltare anche le nostre istanze. Allora abbiamo detto basta, e siamo stati costretti ad indire lo stato di agitazione».

Diversi gli ambiti che, a detta di Minghetti, dovrebbero essere rivisti. A partire da formazione e controlli: «La formazione degli OSS in questo momento fa acqua da tutte le parti. Non è mica colpa nostra se la nostra formazione è ‘inferiore’, come dice il Ministro; sono le normative che non ci danno la possibilità di avere una formazione adeguata e, soprattutto, controllata. Circolano attestati falsi, ci sono frodi in continuazione, i Nas scoprono puntualmente corsi di formazione non consoni, che non prevedono nemmeno un’ora di stage. C’è una vera e proprio mafia, qui, e un giro di guadagni in nero impressionante. Chi va in altre regioni per fare gli esami, chi deve dichiarare il falso per potervi accedere. È il caos», racconta Minghetti.

Al contempo, però, agli OSS vengono assegnati mansioni che spetterebbero agli infermieri, «dagli Ecg alle iniezioni intramuscolari. E questo non è abuso di professione? Non è sfruttamento? E sono cose che accadono automaticamente in tutta Italia ormai», prosegue.

Ma gli OSS non ci stanno più, e hanno deciso di alzare la voce. «Peccato, però – racconta ancora Minghetti – che adesso stiamo subendo anche terrorismo. Le aziende sanitarie stanno impedendo ai lavoratori di scioperare, minacciando denunce e commissioni disciplina. Noi non avremo 100mila iscritti, ma il nostro sindacato è stato riconosciuto e lo sciopero autorizzato. Abbiamo allora gli stessi diritti delle altre realtà sindacali e ci faremo sentire, finché il Ministro non deciderà di riceverci e ascoltarci», conclude.

Articoli correlati
Al Senato un Ddl per riforma OSS. Guidolin (M5S): «Alzare qualità e uniformare formazione». Sindacati divisi
Nel Disegno di legge presentato dalla senatrice Barbara Guidolin si prevede la revisione del mansionario (fermo al 2001) e l’istituzione dell'elenco nazionale degli operatori socio-sanitari. MIGEP critico verso la riforma, apre la UGL
Operatori Socio Sanitari, Giuliano (UGL): «Valorizzarli attraverso riconoscimento professionale»
La UGL Sanità segue con partecipazione e interesse il percorso legislativo per la riforma professionale degli Operatori Socio Sanitari approdato in Senato. «Da tempo – dice il Segretario Nazionale Gianluca Giuliano – chiediamo un maggiore riconoscimento professionale per i colleghi che svolgono un ruolo fondamentale nell’assistenza dei pazienti a stretto contatto con medici e infermieri. Pensiamo […]
Sanità privata in sciopero: «Mancato rinnovo contratto è schiaffo a dignità». Il 25 settembre assemblea Aiop
Manifestazione sotto la sede Aiop a Roma di un centinaio di operatori della sanità. Cittadini (Aiop): «Siamo in attesa che tutte le regioni varino delibera per erogare i fondi pubblici necessari». Anche Cimop e Ugl hanno incrociato le braccia
Infermieri, Nursing up proclama stato di agitazione. Manifestazione a Roma il 15 ottobre
De Palma: «Sarà lotta dura, se ci costringeranno arriveremo fino allo sciopero»
Sanità privata, Cimop: «Aris e Aiop come gatto e volpe. Del contratto non c’è traccia, scioperiamo»
Dopo la mancata conciliazione, Cimop annuncia un nuovo sciopero per il 16 settembre. De Rango: «Su Sanità privata, Aris e Aiop come il gatto e la volpe»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare