Lavoro 14 Gennaio 2019 12:35

Il 15 gennaio OSS in sciopero. Minghetti (Human Caring): «Siamo stanchi di essere sfruttati e inascoltati»

Scoperchiando il vaso di Pandora, il vice-coordinatore nazionale del sindacato denuncia il malcontento della categoria: «Per Ministero e Regioni siamo fantasmi, e nessuno controlla la nostra formazione. Circolano attestati falsi, ci sono ovunque corsi non adeguati e frodi. È il caos. Siamo considerati ‘inferiori’, ma ci vengono assegnate mansioni che non ci competono. E adesso le aziende sanitarie ci impediscono di scioperare»

Il 15 gennaio OSS in sciopero. Minghetti (Human Caring): «Siamo stanchi di essere sfruttati e inascoltati»

«Siamo stufi di non essere considerati né ascoltati. Non siamo fantasmi. La misura è colma, e questo sciopero è solo il primo di una lunga serie. Finché il ministro della Salute non ci incontrerà, OSS, infermieri generici, puericultrici e OSA faranno finalmente sentire la loro voce». È sul piede di guerra Angelo Minghetti, vice-coordinatore nazionale di Human Caring SHC OSS che ha indetto lo sciopero nazionale di 24 ore per il 15 gennaio. Gli operatori socio-sanitari si riuniranno sotto il ministero della Salute per manifestare il proprio malcontento, e hanno già stabilito che torneranno ad incrociare le braccia il 7 e l’8 febbraio.

LEGGI QUI LA LETTERA INVIATA AL MINISTRO GRILLO

Numerosi i motivi alla base della rabbia dell’intera categoria. E nell’enunciarli, Minghetti scoperchia un vero e proprio vaso di Pandora, facendo luce sulla vita, la formazione e le condizioni di lavoro di almeno 250mila operatori socio-sanitari, ma non si sa precisamente quanti siano gli OSS in Italia.

«Quella dell’OSS – ci spiega Minghetti – è una figura che non viene contemplata nella normativa. Non possiamo essere una professione sanitaria perché, in base a quanto detto dal Ministro, la nostra formazione è inferiore. L’area socio-sanitaria, prevista dalla Legge Lorenzin e in cui dovrebbero rientrare educatori professionali, assistenti sociali, sociologi e OSS, non è stata pienamente attivata perché mancano gli atti normativi necessari a procedere con l’iter. Ma sono 27 anni che aspettiamo, visto che l’OSS aveva diritto ad entrare nell’area socio-sanitaria sin dal 1992, quando è stata approvata la legge 502 che già prevedeva il passaggio e poi, per quanto ci riguarda, mai applicata. Intanto, però, sono stati salvati oltre 20mila professionisti sanitari che lavorano senza titolo. Di OSS, infermieri generici e puericultrici, però nessuno ne parla».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, SCONTRO SU DEROGA PER ISCRIZIONE A ORDINI. GRILLO: «SALVIAMO POSTO A 20MILA OPERATORI». BEUX (TSRM-PSTRP): «NON ISCRIVEREMO ABUSIVI»

«Questa categoria ha bisogno di una dignità professionale e di essere ascoltata – continua come un fiume in piena Minghetti -. Il Ministro sta convocando tutte le categorie per il nuovo Patto della Salute; gli assessori regionali stanno aprendo tavoli tecnici per discutere delle professioni. Nessuno, però, ci ha convocati e ha voluto ascoltare anche le nostre istanze. Allora abbiamo detto basta, e siamo stati costretti ad indire lo stato di agitazione».

Diversi gli ambiti che, a detta di Minghetti, dovrebbero essere rivisti. A partire da formazione e controlli: «La formazione degli OSS in questo momento fa acqua da tutte le parti. Non è mica colpa nostra se la nostra formazione è ‘inferiore’, come dice il Ministro; sono le normative che non ci danno la possibilità di avere una formazione adeguata e, soprattutto, controllata. Circolano attestati falsi, ci sono frodi in continuazione, i Nas scoprono puntualmente corsi di formazione non consoni, che non prevedono nemmeno un’ora di stage. C’è una vera e proprio mafia, qui, e un giro di guadagni in nero impressionante. Chi va in altre regioni per fare gli esami, chi deve dichiarare il falso per potervi accedere. È il caos», racconta Minghetti.

Al contempo, però, agli OSS vengono assegnati mansioni che spetterebbero agli infermieri, «dagli Ecg alle iniezioni intramuscolari. E questo non è abuso di professione? Non è sfruttamento? E sono cose che accadono automaticamente in tutta Italia ormai», prosegue.

Ma gli OSS non ci stanno più, e hanno deciso di alzare la voce. «Peccato, però – racconta ancora Minghetti – che adesso stiamo subendo anche terrorismo. Le aziende sanitarie stanno impedendo ai lavoratori di scioperare, minacciando denunce e commissioni disciplina. Noi non avremo 100mila iscritti, ma il nostro sindacato è stato riconosciuto e lo sciopero autorizzato. Abbiamo allora gli stessi diritti delle altre realtà sindacali e ci faremo sentire, finché il Ministro non deciderà di riceverci e ascoltarci», conclude.

Articoli correlati
CCNL Sanità, Fsi-Usae convoca il Consiglio Nazionale di Federazione e dichiara lo sciopero
«La trattativa è inconcludente». Fsi-Usae dichiara lo Sciopero Nazionale per lunedì 11 ottobre
OSS, Guidolin (M5S): «Bene impegno del ministro Orlando, ora inquadrarli tra i lavori gravosi»
«Esprimo soddisfazione per le parole del ministro del Lavoro sulla vicenda degli operatori socio-sanitari. Il Pd e M5S hanno condotto insieme una battaglia a tutela della categoria riuscendo ad ottenere l’inserimento nel ruolo socio-sanitario per questa platea di professionisti. Ora, però, serve un ulteriore sforzo ed inquadrare il lavoro degli Oss nella cornice dei lavori […]
Dl Sostegni Bis, riconosciuto ruolo sociosanitario di OSS, assistenti sociali e sociologi
Minghetti (Migep): «Buona soluzione, speriamo nell'approvazione del Senato». Giuliano (Ugl): «Ora si dia loro il giusto riconoscimento retributivo»
Carnevali (Pd): «Riconosciuto il diritto al corretto nome dell’inquadramento di assistenti sociali, sociologi ed OSS»
«La Camera dei deputati in sede di conversione del decreto “Sostegni bis” ha approvato l’emendamento, a mia prima firma, che riconosce finalmente il giusto inquadramento normativo agli assistenti sociali, sociologi ed operatori sociosanitari dipendenti del SSN istituendo, così, il ruolo sociosanitario ed affrancandoli dalla vetusta e inidonea collocazione nel ruolo tecnico, in cui erano confinati […]
Il Consiglio di Stato: «L’Oss non è una professione sanitaria». Il Migep: «La partita è ancora aperta»
Quattro gli obiettivi che la Federazione Migep OSS e il sindacato Shc OSS intendono raggiungere con coesione tra tutti gli operatori: istituire un registro nazionale, comporre un tavolo tecnico, inaugurare un osservatorio e rivedere la formazione
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?