Lavoro 28 Maggio 2018

OMCeO Roma, firmato memorandum per aiutare i giovani medici ad accedere al microcredito

Il Presidente Antonio Magi ed il Presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito Mario Baccini siglano un protocollo d’intesa per agevolare soprattutto i giovani ad iniziare la propria attività professionale: fino a 50mila euro senza necessità di offrire garanzie reali per acquisto di macchinari o ristrutturazione di studi medici

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Un protocollo d’intesa per aiutare i medici e gli odontoiatri di Roma, soprattutto i più giovani, ad accedere al microcredito. È quanto il Presidente dell’Ordine della Capitale, Antonio Magi, ed il Presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito, Mario Baccini, hanno firmato nei giorni scorsi. Un prodotto che si rivolge a chi non può offrire garanzie reali, ma attraverso una progettualità vuole creare un’attività.

POTREBBE INTERESSARE: AIOP GIOVANI, MICHELE NICCHIO È IL NUOVO PRESIDENTE: «TECNOLOGIE E FORMAZIONE PER VINCERE LA SFIDA DELLA SANITÀ DEL FUTURO»

«È uno strumento importante – ha spiegato Magi – rivolto soprattutto ai giovani medici che hanno difficoltà ad accedere al credito delle banche non avendo un contratto a tempo indeterminato. Il microcredito permette infatti di avere dei fondi senza dover dimostrare di essere patrimonialmente solidi. Stiamo dando ai giovani medici una possibilità per iniziare la propria attività professionale, anche per l’allestimento o ristrutturazione di uno studio o l’acquisto di un’apparecchiatura».

In particolare, l’intesa prevede la promozione delle opportunità di sostegno economico di giovani tra i 18 e i 29 anni che non studiano, non lavorano e che non frequentano regolari corsi di formazione attraverso la messa a disposizione della Garanzia Giovani. L’Ente Nazionale per il Microcredito promuoverà infatti gli interventi propri del Programma Garanzia Giovani “SELFIEmployment” rivolto a coloro che sono esclusi dal mercato del lavoro e non sono in grado di offrire garanzie al sistema del credito tradizionale. Tali misure di finanza pubblica prevedono per questi giovani la possibilità di accesso a microcrediti e microprestiti (di importo compreso tra 5.000 e 50.000 euro) consistenti in un finanziamento agevolato senza interessi e non assistito da nessuna forma di garanzia reale e/o di firma della durata di 10 anni rimborsabile con rate mensili posticipate.

L’accordo prevede, inoltre, attività di studio, ricerca e ingegnerizzazione finalizzati a individuare, ad esempio, nuovi prodotti microassicurativi specifici per la tutela dei rischi connessi alla professione medica, nonché programmi congiunti di educazione finanziaria, lo sviluppo della cultura professionale, i principi solidali e l’etica sanitaria.

«Partendo dall’Ordine dei medici di Roma – ha commentato Baccini – auspichiamo un effetto domino per la sigla del protocollo con gli ordini regionali, nazionali ed europei, affinché questo strumento economico serva per garantire quella opportunità in più per i giovani professionisti».

Un auspicio condiviso anche dal Presidente Magi, che spera che «l’iniziativa possa estendersi agli altri Ordini provinciali e alla nostra Federazione Nazionale, se il Presidente Filippo Anelli lo riterrà opportuno. Questo accordo – ha aggiunto – è una chance per i nostri giovani iscritti. Siamo contenti perché oggi per il medico giovane, soprattutto dopo la specializzazione, spesso si prospetta un periodo difficile. Questi ragazzi, abituati a percepire uno stipendio da specializzandi, si ritrovano improvvisamente senza nessuna copertura economica e devono confrontarsi con il mercato del lavoro. L’accesso ad una forma di credito che gli consenta di avviare un’attività professionale è fondamentale, così come ritengo sia fondamentale l’azione di tutoraggio che consente al medico di avere un consulente che lo guidi in modo corretto all’accesso al credito e alla creazione di un’attività in proprio», ha concluso.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, UN INCONTRO PER DIRE “NO” ALLA VIOLENZA. PATRIZI E MAGI (OMCEO ROMA): «AZIENDE NON LASCINO SOLO OPERATORI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Contenziosi, Magi (OMCeO Roma): «Bisogna eliminare cause in tribunale e arrivare a mediazione tra medici e pazienti»
Il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute e parla dello sportello che ha istituito per dare supporto sia ai medici che ai cittadini: «Così aiutiamo i camici bianchi che vengono denunciati e spieghiamo ai pazienti che ritengono di aver subito un danno se ci sono le condizioni per chiedere un risarcimento»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Foad Aodi (Amsi): «È nata la “Rete delle Università italiane per il Corno d’Africa” su impulso del Vice Ministro Emanuela Del Re
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-Mai) insieme al Movimento internazionale interprofessionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, plaudono all’iniziativa coraggiosa, concreta, prestigiosa della “Rete delle Università Italiane per il Corno D’Africa”, che agisce nel nome della solidarietà. L’iniziativa è indetta dal Vice Ministro […]
Tribunale della Salute, Antonio Magi (OMCeO Roma): «Sostengo la petizione. Medicina difensiva costa 10 miliardi l’anno»
Il Presidente dell’Ordine del Medici di Roma rilancia l’iniziativa dello sportello: «Uno strumento di supporto gratuito per i cittadini che credono di essere stati vittima di un errore medico ma anche un supporto per i medici accusati ingiustamente». Poi attacca lo spot contro i medici: «Nasconde qualcosa»
Ddl aggressioni, continuano le audizioni in Senato. Sumai: «Asl denuncino d’ufficio». SIVeMP: «Veterinari operino in equipe»
Si studiano le misure per fronteggiare l’ondata di violenze contro gli operatori sanitari. Il segretario Sumai Antonio Magi: «Il più delle volte infatti, il medico aggredito non denuncia per vergogna, per rassegnazione, ma anche per paura». Il Fimeuc (Emrgenza – Urgenza): «Serve formare personale per gestire situazioni»
Emergenza rifiuti a Roma, lettera di Magi a Raggi, Costa e Grillo: «C’è rischio per la salute pubblica. Pronti a fare nostra parte»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale: «Segnalazioni sempre più frequenti. Nostro obiettivo è tutelare la popolazione facendo sì, insieme ad altri organi preposti, che venga garantito e difeso il suo diritto alla salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone