Lavoro 26 Novembre 2014

Obbligo di Pos: nuove tecnologie ed App ancora meglio delle contromisure

Restano le soluzioni con le condizioni più vantaggiose mentre il Governo pensa a sanzioni ed incentivi e nonostante la riduzione dei costi di commissione

Immagine articolo

Scendono le commissioni per le operazioni con il Bancomat e si studiano sanzioni e incentivi, ma le condizioni più favorevoli – per adeguarsi all’obbligo di Pos – restano quelle garantite dalle nuove tecnologie ed in particolare dalle App.

Sono, però, ancora in pochi  ad essersi adeguati alla legge 15 del 27 febbraio che impone a tutti i professionisti, e ovviamente anche ai medici, di accettare pagamenti attraverso carte di debito  per importi superiori ai 30 euro. E di conseguenza il Governo sta cercando in tutti i modi di favorire l’applicazione di una norma attraverso cui l’Italia si sta allineando – con notevole ritardo – al resto d’Europa.

Proprio nelle ultime settimane è emersa l’intenzione di provare ad infilare nella legge di Stabilità un credito d’imposta che andasse ad incentivare la circolazione della moneta elettronica attraverso i pagamenti via Pos, valutando inoltre di introdurre quelle sanzioni di cui la norma è attualmente sprovvista.  Proprio di recente, poi, il Consorzio Bancomat si è assunto l’impegno formale, di fronte all’Antitrust, di ridurre i costi di commissione. Basterà per ammorbidire le rigide posizioni di professionisti e associazioni di categoria? È quello che si augura il Governo, tra l’altro stretto tra l’impossibilità di forzare la mano in un momento di crisi e le oggettive difficoltà nel reperire le coperture necessarie per garantire l’eventuale credito d’imposta.

Tra incertezze, difficoltà e manovre complicate, la strada migliore appare ancora quella delle nuove tecnologie. Soprattutto i servizi mobile, con le App in primo piano, continuano ad assicurare soluzioni affidabili e competitive a condizioni economiche indiscutibilmente vantaggiose. Per i medici, ad esempio, è stato studiato un prodotto ad hoc. Si tratta di DoctorPay: senza canone e senza costi di attivazione, consente di ottenere pagamenti ovunque ci si trovi attraverso un dispositivo (si ottiene gratuitamente) collegato via Bluetooth al proprio smartphone o al tablet.

Per informazioni è disponibile il numero verde 800.088.211

Articoli correlati
Commissione Difesa Vista Onlus: «Ecco come proteggere gli occhi in estate ai tempi del Coronavirus»
L’Italia è in piena fase 2, quella di convivenza con il virus: sappiamo quanto sia necessario proteggere la bocca e il naso, ma bisogna fare attenzione anche gli occhi, possibile porta di ingresso e di uscita del sars-cov-2. «Come tutti gli anni – afferma la Commissione Difesa Vista Onlus in un comunicato – con l’arrivo […]
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
Tecnologia in medicina: l’American Society for Gastrointestinal Endoscopy premia Giovanni Di Napoli
Giovanni Di Napoli, vicepresidente e General Manager di Medtronic – multinazionale che opera nel settore della tecnologia medica con 360 sedi in 160 paesi – ha ricevuto dall’American Society for Gastrointestinal Endoscopy (ASGE) il prestigioso Crystal Awards Honoree nella categoria dei servizi industrali. A questo proposito, Di Napoli ha dichiarato che per lui lo spirito […]
Salute nelle città, Andrea Lenzi: «Dopo l’emergenza servirà un health city manager»
Andrea Lenzi, direttore del dipartimento di Medicina Sperimentale della Sapienza e presidente del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio: «Abbiamo dimenticato il legame fra medicina e territorio»
di Tommaso Caldarelli
Antonio Scala, Big Data in Health Society: «Serve un monitoraggio attivo sul COVID-19 da affidare ai MMG»
Maria Luisa Chiusano, Università di Napoli: «La ricerca molecolare riapre il dibattito sul ruolo dei farmaci RAAS-Inibitori – ACE Inibitori e Sartani – nel contenere la carica virale nel COVID-19. Minore abbondanza di ACE-2 sulla membrana ed eventuali frammenti liberi che catturino in anticipo il virus, limiterebbero l’attacco sulla membrana cellulare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 giugno, sono 6.651.047 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 391.439 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 5 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco