Lavoro 1 Ottobre 2019

«Nasce CIMO Servizi». Dal sindacato degli ospedalieri una piattaforma di soluzioni e vantaggi per i medici

Il presidente CIMO Guido Quici: «Siamo partiti dalla consapevolezza che la quotidianità di un medico è oggi un labirinto di obblighi pesanti e di quesiti di non facile interpretazione, cui era importante aggiungere un esteso pacchetto di scontistiche dedicate per il benessere individuale e familiare, perché per noi ogni iscritto è prima di tutto una persona»

«Il sindacato dei medici CIMO lancia il nuovo portale CIMO SERVIZI, una piattaforma on line per i propri iscritti che da oggi offre soluzioni per i numerosi problemi e gli adempimenti professionali dei medici, insieme a vantaggi e convenzioni commerciali esclusive». Così il sindacato in una nota.

«Con una formula grafica agile e accessibile da ogni dispositivo elettronico – prosegue -, CIMO SERVIZI rende disponibile con un click servizi che vanno dalla tutela legale gratuita alle assicurazioni agevolate per la responsabilità professionale, da formule di assistenza sanitaria integrativa per il medico e la sua famiglia alla formazione on line (inclusi 50 ecm gratuiti), o ancora dall’assistenza fiscale alla verifica delle buste paga».

«Inoltre – aggiunge il sindacato -, grazie all’accordo con Federmanager, insieme alle convenzioni CIMO gli iscritti potranno accedere al network di oltre 100 convenzioni per lo shopping, il tempo libero, le vacanze, la salute, il benessere di tutta la famiglia, i viaggi di istruzione e i corsi di lingua straniera».

«Con la nuova piattaforma CIMO SERVIZI proseguiamo nel nostro percorso di sindacato sempre più attento ai bisogni e ai ritmi di vita dei nostri iscritti – commenta Guido Quici, Presidente di CIMO – con l’obiettivo di anticipare le loro esigenze quotidiane, tutelare in modo sempre più efficiente la loro professione, cercare per loro le migliori soluzioni e semplificare l’accesso ai servizi nel poco tempo a loro disposizione. Siamo partiti dalla consapevolezza che la quotidianità di un medico è oggi un labirinto di obblighi pesanti e di quesiti di non facile interpretazione, cui era importante aggiungere un esteso pacchetto di scontistiche dedicate per il benessere individuale e familiare, perché per noi ogni iscritto è prima di tutto una persona. É nato così un progetto di interessante ampliamento dei servizi disponibili e di revisione in chiave digitale dell’accesso, che potrà portare ogni singolo iscritto direttamente dal proprio smartphone o pc ad avere un’assistenza professionale a 360 gradi unita a risparmi notevoli sulle spese professionali e della propria famiglia».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, CIMO-FESMED: «MOLTE OMBRE NEL PIANO DELLE REGIONI PER IL SSN»

Articoli correlati
Quici (Cimo-Fesmed): «Rivedere il finanziamento di SSN e LEA, riorganizzare la gestione regionalizzata e riformare al formazione»
Affrontare il sottofinanziamento del SSN in modo strutturale, rivedere il sistema di finanziamento dei LEA, riorganizzare le divisioni interne della sanità e la gestione regionalizzata, ridare centralità al Ministro della Salute, avviare una riforma della rappresentanza e della rappresentatività e, non ultimo, seria revisione del percorso formativo dei medici: questi i pilastri delle azioni per […]
di Guido Quici, Presidente Cimo-Fesmed
CIMO-FESMED al governatore Rossi: «Revochi delibera che punisce i medici negando la libera professione»
«Presidente Rossi basta con la demagogia. Chiediamo l’immediata revoca della Delibera 49 del 3 Maggio 2020. La Libera Professione è un diritto e negare i più elementari diritti contrattuali per perseguire una propria ideologia fatta solo di demagogia serve solo a rimarcare una gestione della sanità monocratica che, per l’ennesima volta, dimostra avversione alla professione […]
Elezioni ENPAM, chi sono i candidati e perché alcune associazioni chiedono la sospensione delle procedure elettorali
Acceso dibattito nel mondo medico. Ecco la lettera con cui AIM, AIO, FP CGIL MEDICI, CIPe, SIGM, SMI, SiSPe, SUSO e UGL Medici chiedono il rinvio delle elezioni, la replica di Silvestro Scotti (Fimmg) e la posizione di Guido Quici (CIMO)
Emergenza Coronavirus, le richieste dei sindacati: «Scudo giudiziario, fondo per gli indennizzi e revisione della responsabilità professionale»
Palermo (Anaao): «Passare da impianto basato sulla colpa ad uno basato sull’errore». Vergallo (AAROI-EMAC): «La pandemia ha esacerbato il sovraccarico di responsabilità degli operatori sanitari». Quici (Cimo-Fesmed): «Gravi responsabilità da parte di ISS, Protezione Civile e Direttori Generali». Filippi (Fp Cgil Medici): «Medici e pazienti che si infettano a causa di carenze nell’organizzazione devono poter ricorrere contro l’ente»
Coronavirus in Calabria, Cimo: «Poco personale e strutture inadeguate, se numeri aumentano sarà crisi»
Il Segretario del sindacato Giorgio Ferrara: «Mancano anche tamponi e dispositivi di protezione individuale. Per ora sopravviviamo, ma se dovessero verificarsi picchi come successo al Nord, non riusciremmo a reggere»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco