Lavoro 1 Ottobre 2019

«Nasce CIMO Servizi». Dal sindacato degli ospedalieri una piattaforma di soluzioni e vantaggi per i medici

Il presidente CIMO Guido Quici: «Siamo partiti dalla consapevolezza che la quotidianità di un medico è oggi un labirinto di obblighi pesanti e di quesiti di non facile interpretazione, cui era importante aggiungere un esteso pacchetto di scontistiche dedicate per il benessere individuale e familiare, perché per noi ogni iscritto è prima di tutto una persona»

«Il sindacato dei medici CIMO lancia il nuovo portale CIMO SERVIZI, una piattaforma on line per i propri iscritti che da oggi offre soluzioni per i numerosi problemi e gli adempimenti professionali dei medici, insieme a vantaggi e convenzioni commerciali esclusive». Così il sindacato in una nota.

«Con una formula grafica agile e accessibile da ogni dispositivo elettronico – prosegue -, CIMO SERVIZI rende disponibile con un click servizi che vanno dalla tutela legale gratuita alle assicurazioni agevolate per la responsabilità professionale, da formule di assistenza sanitaria integrativa per il medico e la sua famiglia alla formazione on line (inclusi 50 ecm gratuiti), o ancora dall’assistenza fiscale alla verifica delle buste paga».

«Inoltre – aggiunge il sindacato -, grazie all’accordo con Federmanager, insieme alle convenzioni CIMO gli iscritti potranno accedere al network di oltre 100 convenzioni per lo shopping, il tempo libero, le vacanze, la salute, il benessere di tutta la famiglia, i viaggi di istruzione e i corsi di lingua straniera».

«Con la nuova piattaforma CIMO SERVIZI proseguiamo nel nostro percorso di sindacato sempre più attento ai bisogni e ai ritmi di vita dei nostri iscritti – commenta Guido Quici, Presidente di CIMO – con l’obiettivo di anticipare le loro esigenze quotidiane, tutelare in modo sempre più efficiente la loro professione, cercare per loro le migliori soluzioni e semplificare l’accesso ai servizi nel poco tempo a loro disposizione. Siamo partiti dalla consapevolezza che la quotidianità di un medico è oggi un labirinto di obblighi pesanti e di quesiti di non facile interpretazione, cui era importante aggiungere un esteso pacchetto di scontistiche dedicate per il benessere individuale e familiare, perché per noi ogni iscritto è prima di tutto una persona. É nato così un progetto di interessante ampliamento dei servizi disponibili e di revisione in chiave digitale dell’accesso, che potrà portare ogni singolo iscritto direttamente dal proprio smartphone o pc ad avere un’assistenza professionale a 360 gradi unita a risparmi notevoli sulle spese professionali e della propria famiglia».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, CIMO-FESMED: «MOLTE OMBRE NEL PIANO DELLE REGIONI PER IL SSN»

Articoli correlati
«Rischioso aderire al Mes senza un progetto per il futuro della sanità». Intervista al presidente Cimo-Fesmed Guido Quici
«Questa è una vera opportunità per riformare il SSN. Servono ospedali flessibili, continuità con il territorio e centralità della professione. Ora la politica ci strumentalizza, poi finirà tutto nel dimenticatoio. Se sono sinceri, ci convochino per il nuovo contratto»
Medici del privato in sciopero. De Rango (Cimop): «Non siamo camici bianchi di serie B»
La protesta dei medici dell'ospedalità privata contro il mancato rinnovo del contratto, che attendono da oltre 15 anni, e la solidarietà del Patto della Professione Medica
Quest’estate gli ospedalieri potrebbero non riuscire ad andare in ferie. Leoni (CIMO Veneto) spiega perché
Nuovo contratto, carenza di personale e recupero delle prestazioni rimandate per il Covid: la tempesta perfetta che rende le vacanze estive di chi lavora in ospedale un miraggio
Quici (Cimo-Fesmed): «Rivedere il finanziamento di SSN e LEA, riorganizzare la gestione regionalizzata e riformare al formazione»
Affrontare il sottofinanziamento del SSN in modo strutturale, rivedere il sistema di finanziamento dei LEA, riorganizzare le divisioni interne della sanità e la gestione regionalizzata, ridare centralità al Ministro della Salute, avviare una riforma della rappresentanza e della rappresentatività e, non ultimo, seria revisione del percorso formativo dei medici: questi i pilastri delle azioni per […]
di Guido Quici, Presidente Cimo-Fesmed
CIMO-FESMED al governatore Rossi: «Revochi delibera che punisce i medici negando la libera professione»
«Presidente Rossi basta con la demagogia. Chiediamo l’immediata revoca della Delibera 49 del 3 Maggio 2020. La Libera Professione è un diritto e negare i più elementari diritti contrattuali per perseguire una propria ideologia fatta solo di demagogia serve solo a rimarcare una gestione della sanità monocratica che, per l’ennesima volta, dimostra avversione alla professione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...