Lavoro 9 Agosto 2019

Medicina generale, firmata pre-intesa. Il 5 settembre si chiude l’ipotesi di ACN, convenzione entro fine anno

Scotti (Fimmg): «Verso il ritiro dello stato di agitazione. In tre anni 6mila giovani MMG nel territorio». Onotri (Smi): «La strada è lunga». Bonaccini (Regioni): «Ora spediti verso firma convenzione». Venturi (Comitato Settore): «Data applicazione a Decreto Semplificazione e Decreto Calabria»

Immagine articolo

Dopo un duro confronto tra sindacati e parte pubblica, è stato ieri firmato un verbale di pre-intesa che spiana la strada del rinnovo della Convenzione di Medicina generale. Il 5 settembre verrà sottoscritta l’ipotesi di ACN mentre la Convenzione sarà siglata entro il prossimo dicembre.

SCOTTI (FIMMG): «SODDISFATTI. VERSO IL RITIRO DELLO STATO DI AGITAZIONE»

«A conclusione di un aspro confronto con la parte pubblica (SISAC) – dichiara Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg – possiamo dichiararci soddisfatti per un primo passo verso la conclusione del percorso per il rinnovo contrattuale e per iniziare un’azione condivisa con Regioni e Ministero per la difesa della Medicina generale e quindi del Servizio sanitario nazionale attraverso il nuovo Patto per la Salute e il mantenimento senza riduzioni del Fondo Sanitario Nazionale».

«Chiarire le regole per l’inserimento di giovani in formazione nel territorio – aggiunge Scotti – rappresenta un chiaro risultato dell’azione di Fimmg per risolvere il problema della grave carenza dei medici di famiglia nel nostro Paese. Nei prossimi tre anni, grazie a questa pre-intesa, oltre ai medici già presenti in graduatoria, i cittadini italiani avranno a disposizione più di 6mila giovani medici di famiglia che stanno frequentando il corso di formazione specifica».

«La firma di questo accordo – prosegue Scotti – ha coniugato, inoltre, l’esigenza dei cittadini di poter contare sulla presenza di un nuovo medico di famiglia, quando il proprio andrà in pensione, con l’esigenza dei medici in attesa dal 2010 di un ristoro economico per la categoria oggi definito anche se in maniera parziale.
Abbiamo percepito la presenza in trattativa della parte politica a partire dal presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, e del Presidente del Comitato di Settore, Sergio Venturi, rispettivamente anche Presidente e Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia Romagna, trovando sul tavolo della negoziazione, già presenti i temi con loro discussi nelle scorse settimane».

«Siamo certi – conclude Scotti – che seguirà anche l’attenzione del ministero della Salute, prima dell’appuntamento del 5 settembre, rispetto al necessario passaggio in Consiglio dei ministri dell’integrazione dell’atto di indirizzo indispensabile per la chiusura dell’intesa contrattuale. Siamo a oggi nelle condizioni di convocare un Consiglio Nazionale Straordinario, previsto per il giorno 7 settembre per ritirare lo stato di agitazione già proclamato».

ONOTRI (SMI): «LA STRADA È LUNGA. GIOVANI ACCEDERANNO PRIMA AL MONDO DEL LAVORO»

«È stato solo firmato un verbale propedeutico all’inizio della trattativa da settembre prossimo per definire un ACN entro dicembre 2019; il primo passaggio interesserà l’applicazione del decreto Semplificazione, del decreto Calabria e della messa a regime (in busta paga e quindi in quota Capitaria) degli arretrati fino al 2019 e della vacanza  contrattuale; la strada è ancora lunga – dichiara Pina Onotri, segretario generale del Sindacato Medici Italiani -. Un altro punto qualificante riguarda i giovani medici, che potranno accedere prima al mondo del lavoro prevedendo una compatibilità tra il corso di formazione, l’acquisizione di scelte e gli incarichi di continuità assistenziale oppure con  incarichi a 24 ore per la medicina di emergenza – urgenza».

BONACCINI (REGIONI): «AVANTI SPEDITAMENTE VERSO FIRMA CONVENZIONE»

«Andiamo avanti speditamente per firmare la Convenzione entro dicembre», dichiara il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini. «Siamo arrivati a questo traguardo dopo un confronto serrato, duro, ma di quelli che cementano i rapporti tra le persone – aggiunge -. Raccolgo inoltre con convinzione la proposta dei sindacati per una forte alleanza sui temi della garanzia del fondo sanitario nazionale e del Patto per la salute».

VENTURI (COMITATO DI SETTORE): «DATA APPLICAZIONE A DECRETO SEMPLIFICAZIONE E CALABRIA»

«Il verbale di pre-intesa – spiega il presidente del Comitato di settore Regioni-Sanità Sergio Venturi (Assessore Emilia-Romagna) – dà applicazione alle disposizioni previste dal Decreto Semplificazione e dal Decreto Calabria per quel che riguarda la Medicina generale. Segnalo fra gli aspetti più importanti: la possibilità di assegnare incarichi a chi sta frequentando il corso di formazione, il riconoscimento delle risorse relative al 2016-17 e la condivisione di un percorso che porterà sulla base di questa pre-intesa il prossimo 5 settembre a sottoscrivere l’ipotesi di ACN e a firmare la convenzione entro la fine dell’anno».

Articoli correlati
«Con il protrarsi dell’emergenza Covid, potenziare la Medicina Generale e ridurre il carico burocratico»
di Luigi Martini (Segretario Aziendale della Asl di Latina) e Claudia Felici (Segretario Aziendale della Asl Rm1)
di Luigi Martini & Claudia Felici, SMI Lazio
ACN medicina fiscale, raggiunta l’intesa. Ecco cosa prevede l’accordo
Tempo indeterminato, tutele, 2.500 euro al mese per la reperibilità e compenso per ogni visita domiciliare. Previste però una serie di incompatibilità. Le novità dell'Accordo Collettivo Nazionale per la medicina fiscale
Fermi e senza stipendio da 5 mesi, non c’è fase 2 per i medici fiscali Inps. Mattioli (SMI): «Lavoratori in malattia senza controlli»
«Molti di noi fanno parte di famiglie monoreddito e sono molto in difficoltà» spiega Piera Mattioli, Responsabile SMI Settore Medici Inps. Dopo una diffida all’Inps, l’istituto di previdenza ha convocato una riunione per il 23 luglio. I mille camici bianchi aspettano la firma della convenzione, ma la trattativa si è fermata nel novembre 2019
Diagnostica di primo livello dal medico di famiglia, Scotti (Fimmg): «Stiamo ancora aspettando, è una vergogna»
Il segretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale: «Esami di orientamento, poi sarà lo specialista a refertare». E si scaglia contro il passaggio eventuale da convenzione a dipendenza: «La nostra autonomia professionale è preziosa. Non siamo anarchici, solo responsabili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...