Lavoro 15 Gennaio 2018

Medici e tecnologia: curiosità per le innovazioni o timore per il proprio ruolo?

Dario Guido (Responsabile Health and Medical Equipment di Samsung): «Siamo accolti dai camici bianchi con molta curiosità ed altissime aspettative»

Immagine articolo

Quale sarà il rapporto tra medici e tecnologia in futuro? In che modo la professione sarà influenzata da intelligenze artificiali e macchinari sempre più sofisticati? In occasione della conferenza JP Morgan Healthcare, tenutasi a San Francisco nei giorni scorsi, l’Amministratore Delegato della Zocdoc ha annunciato che in futuro le caratteristiche necessarie per essere bravi medici saranno sempre più simili a quelle richieste agli attori: nel momento in cui la gran parte delle diagnosi e delle analisi sarà eseguita dalle macchine, il medico dovrà essere empatico e saper ascoltare. Si parla di fantascienza? In realtà scenari di questo tipo sono più vicini a noi di quanto si possa pensare: si stima che, ad esempio, entro cinque anni la figura del radiologo sarà obsoleta e rimpiazzata da macchinari. Ma come guardano alla tecnologia i medici di oggi? Lo abbiamo chiesto a Dario Guido, responsabile della divisione Health and Medical Equipment di Samsung.

Dottor Guido, la tecnologia applicata alla sanità è indicata ormai da tempo come il momento di svolta, l’occasione per il salto di qualità definitivo. Samsung è in prima linea su questo fronte, ma in che modo veramente la tecnologia può cambiare la sanità?

«Samsung è oggi impegnata in tutto ciò che è innovazione tecnologica, compreso il settore che riguarda la sanità. Oggi di sanità si parla soprattutto per le apparecchiature, i devices, ma c’è anche una parte molto importante relativa a tutto ciò che è il trasferimento e la digitalizzazione dei dati. Si parla molto di questo tema e ritengo che l’innovazione in questo possa avere un ruolo strategico e importante per il futuro della sanità».

È più facile penetrare nel mondo della sanità privata oppure ci sono margini anche nel pubblico?

«Noi oggi siamo molto presenti nel settore privato, ma abbiamo un’altissima attenzione al settore pubblico dove iniziamo ad essere conosciuti ed apprezzati. Tuttavia il mondo del pubblico, che senza dubbio è una parte importante del settore sanità, richiede una progettualità sul medio-lungo termine».

Ma voi che feedback avete dagli operatori sanitari quando andate a proporre le vostre innovazioni tecnologiche?

«Questo è un dato abbastanza curioso, perché oggi quando Samsung si avvicina al mondo dei professionisti in alcuni ambienti è conosciuta come azienda di elettronica e di consumo, ma non tutti sanno che opera anche nel settore healthcare. Però devo dire che siamo accolti con molta curiosità, c’è un’aspettativa importante e questo per noi è fondamentale, perché catalizza l’attenzione nel conoscere e nel verificare i nostri prodotti».

Avete già verificato un’area del settore della sanità dove la tecnologia è più necessaria oppure sono interventi ad ampio respiro e a 360 gradi?

«Noi oggi siamo focalizzati su tutta l’area della diagnostica per immagini e i nostri prodotti oggi si rivolgono per lo più a questo tipo di applicazione. Ma non escludo che per il futuro avremo anche progetti su altri settori».

Articoli correlati
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
Gelli (Fondazione Italia In Salute): «Per il post Covid, 10mila medici in più. Mes occasione da non perdere»
«Dovremo da una parte aumentare la dotazione di posti letto per non rimanere in coda alle classifiche europee, e dall'altra procedere a nuove assunzioni. Vanno poi rinnovate le tecnologie per lo più obsolete che abbiamo nei nostri ospedali e risolto una volta per tutte il problema dell'imbuto formativo». Così il presidente della Fondazione Italia in Salute, Federico Gelli
Covid19, Fismu: «Basta cartaceo, tutte le ricette siano online»
La Federazione italiana sindacale medici uniti fa appello al ministro della salute Roberto Speranza e alle Regioni: «Serve un’alleanza dei professionisti del SSN, una proposta unitaria per una sanità moderna post pandemia»
Misericordia (Fimmg): «Il 95% dei medici vede nella telemedicina la risposta per gestire, negli scenari post-covid, la salute e le cronicità»
L’indagine del centro studi Fimmg e dell’Osservatorio innovazione digitale in sanità del Politecnico di Milano. «Importante che sia il medico stesso a proporre questo tipo di piattaforme ai propri pazienti, in aggiunta ai canali fisici e tradizionali» afferma Chiara Sgarbossa, Direttore dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...