Lavoro 15 Gennaio 2018

Medici e tecnologia: curiosità per le innovazioni o timore per il proprio ruolo?

Dario Guido (Responsabile Health and Medical Equipment di Samsung): «Siamo accolti dai camici bianchi con molta curiosità ed altissime aspettative»

Immagine articolo

Quale sarà il rapporto tra medici e tecnologia in futuro? In che modo la professione sarà influenzata da intelligenze artificiali e macchinari sempre più sofisticati? In occasione della conferenza JP Morgan Healthcare, tenutasi a San Francisco nei giorni scorsi, l’Amministratore Delegato della Zocdoc ha annunciato che in futuro le caratteristiche necessarie per essere bravi medici saranno sempre più simili a quelle richieste agli attori: nel momento in cui la gran parte delle diagnosi e delle analisi sarà eseguita dalle macchine, il medico dovrà essere empatico e saper ascoltare. Si parla di fantascienza? In realtà scenari di questo tipo sono più vicini a noi di quanto si possa pensare: si stima che, ad esempio, entro cinque anni la figura del radiologo sarà obsoleta e rimpiazzata da macchinari. Ma come guardano alla tecnologia i medici di oggi? Lo abbiamo chiesto a Dario Guido, responsabile della divisione Health and Medical Equipment di Samsung.

Dottor Guido, la tecnologia applicata alla sanità è indicata ormai da tempo come il momento di svolta, l’occasione per il salto di qualità definitivo. Samsung è in prima linea su questo fronte, ma in che modo veramente la tecnologia può cambiare la sanità?

«Samsung è oggi impegnata in tutto ciò che è innovazione tecnologica, compreso il settore che riguarda la sanità. Oggi di sanità si parla soprattutto per le apparecchiature, i devices, ma c’è anche una parte molto importante relativa a tutto ciò che è il trasferimento e la digitalizzazione dei dati. Si parla molto di questo tema e ritengo che l’innovazione in questo possa avere un ruolo strategico e importante per il futuro della sanità».

È più facile penetrare nel mondo della sanità privata oppure ci sono margini anche nel pubblico?

«Noi oggi siamo molto presenti nel settore privato, ma abbiamo un’altissima attenzione al settore pubblico dove iniziamo ad essere conosciuti ed apprezzati. Tuttavia il mondo del pubblico, che senza dubbio è una parte importante del settore sanità, richiede una progettualità sul medio-lungo termine».

Ma voi che feedback avete dagli operatori sanitari quando andate a proporre le vostre innovazioni tecnologiche?

«Questo è un dato abbastanza curioso, perché oggi quando Samsung si avvicina al mondo dei professionisti in alcuni ambienti è conosciuta come azienda di elettronica e di consumo, ma non tutti sanno che opera anche nel settore healthcare. Però devo dire che siamo accolti con molta curiosità, c’è un’aspettativa importante e questo per noi è fondamentale, perché catalizza l’attenzione nel conoscere e nel verificare i nostri prodotti».

Avete già verificato un’area del settore della sanità dove la tecnologia è più necessaria oppure sono interventi ad ampio respiro e a 360 gradi?

«Noi oggi siamo focalizzati su tutta l’area della diagnostica per immagini e i nostri prodotti oggi si rivolgono per lo più a questo tipo di applicazione. Ma non escludo che per il futuro avremo anche progetti su altri settori».

Articoli correlati
Procreazione medicalmente assistita, Baldini (Pma Italia): «Educazione, informazione, preservazione e prevenzione: così si combatte calo demografico»
Il 20% delle coppie lamenta problemi di infertilità e sterilità; tra le cause, la mancanza di prevenzione ed educazione sui temi della fertilità. È nata, per questo, “La campagna del Cavolo” di Pma Italia (Procreazione Medicalmente Assistita)
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
Innovazione e sanità, la “Blockchain Island” è Malta. Charles Scerri: «Primo stato europeo a regolamentare settore»
Dalla medicina personalizzata alla formazione certificata: «Con la Blockchain, i crediti formativi sono accessibili, immutabili e immediatamente verificabili. La sanità diventa più efficiente ed è una garanzia per tutti: pazienti, medici e cittadini» l’intervista al dottore commercialista Charles Scerri
Top Employers Italia 2019: anche quest’anno Merck ottiene la prestigiosa certificazione
Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, ha ricevuto anche quest’anno la prestigiosa certificazione Top Employers. L’ambito riconoscimento, rilasciato dal Top Employers Institute, vuole premiare le aziende che hanno dimostrato eccellenti condizioni di lavoro. Merck è stata premiata per la terza volta consecutiva. In particolare, il Top Employers Institute ha riconosciuto i risultati dell’azienda […]
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]