Lavoro 1 Giugno 2018

“Diamo voce ai medici di famiglia”: lo spot tutto da ridere sulle (serie) disparità subite dagli MMG

Il duo comico “Pablo e Pedro” che ha animato anche Zelig protagonista della video-campagna per i medici di base

«Allora, forza, ripetiamo, guardi che è molto semplice: rimborso!». Sono le parole dell’attore Nico Di Renzo al collega Fabrizio Nardi, meglio conosciuti come “Pablo e Pedro”. Insieme sono protagonisti della video-campagna di Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario, dedicata ai medici di famiglia. La frase di incoraggiamento del comico, infatti, è rivolta proprio a un medico di medicina generale, categoria che ancora oggi è un po’ la Cenerentola del Sistema Sanitario Nazionale.

I medici di famiglia, infatti, sono pochi, oberati di lavoro e durante la formazione post-laurea subiscono una disparità di trattamento economico, fiscale e assicurativo rispetto agli altri specializzandi. Questi ultimi (a partire dall’anno accademico 2006/2007) ricevono una retribuzione annua di circa 26mila euro, sono esentati dal pagamento dell’IRPEF, non sostengono gli oneri assicurativi per i rischi professionali e godono di contributi versati per ogni anno di specializzazione. I medici di medicina generale, al contrario, durante la formazione sono borsisti e ricevono circa 11mila euro l’anno con una modalità vecchia di vent’anni, senza l’adeguamento del 2006 che è stato riservato alle borse destinate agli specializzandi; pagano l’IRPEF sulla borsa già tassata, e, infine, pagano i contributi e provvedono a proprio carico alla copertura assicurativa per i rischi professionali.

LEGGI ANCHE: RETRIBUZIONE, IRPEF, CONTRIBUTI E ASSICURAZIONE: ECCO QUANTO PERDONO GLI MMG IN FORMAZIONE. E SCATTANO I RICORSI

«Troppi di questi medici – affermano da Consulcesi – ancora non sanno di poter rivendicare quanto loro ingiustamente negato. Proprio per questo, abbiamo lanciato la campagna “Diamo voce ai medici di famiglia”, realizzando uno spot che, con un sorriso, racconta una situazione che in realtà è molto seria: una disparità che va avanti da troppi anni e che è il momento di risolvere una volta per tutte».  

Le migliaia di medici di Medicina Generale che dal ’93 subiscono un trattamento discriminatorio, potranno decidere di adire le vie legali con Consulcesi che, attraverso l’imminente azione collettiva, chiederà un risarcimento a titolo forfettario che può arrivare fino a 50mila euro per ogni annualità.

«Come successo per i colleghi medici del periodo 78-2006 a cui i Tribunali continuano a riconoscere il diritto negato, ora siamo in campo per far sì che venga cancellata anche la disparità di trattamento che riguarda migliaia di medici di Medicina Generale», affermano da Consulcesi. A disposizione oltre 1000 consulenti contattabili gratuitamente attraverso il sito www.consulcesi.it e il numero 800.122.777».

Articoli correlati
Formazione MMG, Luca Galzerano (Fimmg): «Disparità economica con specializzandi può condizionare scelta del percorso formativo e lavorativo»
«Fondamentale migliorare l’organizzazione dei corsi post lauream e facilitare le modalità di accesso alla professione». L’intervista al nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano
#6StatoDiscriminato, parte la campagna di tutela dei medici di base. Milano (FIMMG): «È ora di riconoscere i nostri diritti»
Prima tappa ad Alessandria dove, nella sede locale dell’OMCeO, i medici di Medicina Generale hanno potuto informarsi sui loro diritti violati e ricevere ascolto
Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»
ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve sempre dare il buon esempio. Non può pretendere che i cittadini paghino le tasse e poi quando lui dev’essere pagatore non fa il suo dovere». Poi parla degli incentivi alla formazione medica ECM, che potrebbe rientrare nel nuovo bilancio comunitario 2021-2027: «Fondi e incentivi per l’aggiornamento di tutte le professioni sanitarie. Si potrebbero favorire nelle carriere coloro che hanno fatto corsi di formazione: questo permetterebbe di applicare i risultati dell’innovazione e della ricerca» | VIDEO INTERVISTA
Borse di studio, in Italia medici di famiglia penalizzati. Tutte le diseguaglianze spiegate dall’Uemo
In Italia, la formazione dello specialista fa riferimento all'università e al ministero dell'Istruzione, quella del medico di famiglia al ministero della salute ed alle Regioni che si affidano a intese.
Maratona di Roma 2019. Consulcesi Onlus: gara di solidarietà per sostenere l’Unità Mobile “Salute e Inclusione”
Gara di solidarietà anche tra i dipendenti e i manager di Consulcesi, che hanno partecipato alla Maratona di Roma per vincere la sfida contro l’indifferenza di chi vive ai margini