Lavoro 1 giugno 2018

“Diamo voce ai medici di famiglia”: lo spot tutto da ridere sulle (serie) disparità subite dagli MMG

Il duo comico “Pablo e Pedro” che ha animato anche Zelig protagonista della video-campagna per i medici di base

«Allora, forza, ripetiamo, guardi che è molto semplice: rimborso!». Sono le parole dell’attore Nico Di Renzo al collega Fabrizio Nardi, meglio conosciuti come “Pablo e Pedro”. Insieme sono protagonisti della video-campagna di Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario, dedicata ai medici di famiglia. La frase di incoraggiamento del comico, infatti, è rivolta proprio a un medico di medicina generale, categoria che ancora oggi è un po’ la Cenerentola del Sistema Sanitario Nazionale.

I medici di famiglia, infatti, sono pochi, oberati di lavoro e durante la formazione post-laurea subiscono una disparità di trattamento economico, fiscale e assicurativo rispetto agli altri specializzandi. Questi ultimi (a partire dall’anno accademico 2006/2007) ricevono una retribuzione annua di circa 26mila euro, sono esentati dal pagamento dell’IRPEF, non sostengono gli oneri assicurativi per i rischi professionali e godono di contributi versati per ogni anno di specializzazione. I medici di medicina generale, al contrario, durante la formazione sono borsisti e ricevono circa 11mila euro l’anno con una modalità vecchia di vent’anni, senza l’adeguamento del 2006 che è stato riservato alle borse destinate agli specializzandi; pagano l’IRPEF sulla borsa già tassata, e, infine, pagano i contributi e provvedono a proprio carico alla copertura assicurativa per i rischi professionali.

LEGGI ANCHE: RETRIBUZIONE, IRPEF, CONTRIBUTI E ASSICURAZIONE: ECCO QUANTO PERDONO GLI MMG IN FORMAZIONE. E SCATTANO I RICORSI

«Troppi di questi medici – affermano da Consulcesi – ancora non sanno di poter rivendicare quanto loro ingiustamente negato. Proprio per questo, abbiamo lanciato la campagna “Diamo voce ai medici di famiglia”, realizzando uno spot che, con un sorriso, racconta una situazione che in realtà è molto seria: una disparità che va avanti da troppi anni e che è il momento di risolvere una volta per tutte».  

Le migliaia di medici di Medicina Generale che dal ’93 subiscono un trattamento discriminatorio, potranno decidere di adire le vie legali con Consulcesi che, attraverso l’imminente azione collettiva, chiederà un risarcimento a titolo forfettario che può arrivare fino a 50mila euro per ogni annualità.

«Come successo per i colleghi medici del periodo 78-2006 a cui i Tribunali continuano a riconoscere il diritto negato, ora siamo in campo per far sì che venga cancellata anche la disparità di trattamento che riguarda migliaia di medici di Medicina Generale», affermano da Consulcesi. A disposizione oltre 1000 consulenti contattabili gratuitamente attraverso il sito www.consulcesi.it e il numero 800.122.777».

Articoli correlati
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Innovazione in sanità: al “Malta Blockchain Summit” nasce il futuro della digital identity
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech: «Con la Blockchain si certifica l’identità dei pazienti, del fornitore sanitario e del farmaco, escludendo falsificazioni e frodi»
Ricerca e formazione, parlano i vincitori del Premio “SICPRE Giovani”
Il Premio, organizzato dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, è andato a 10 giovani promesse della chirurgia italiana. I lavori verranno pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale PRS GO
Formazione MMG, Angelo Testa (SNAMI): «Chiediamo da tempo di recuperare precari MMG, proposta governo è un buon inizio»
Tra i temi del XXXVII Congresso del Sindacato Nazionale Autonomo dei Medici Italiani che si svolge a Sorrento anche quello della carenza dei medici. «Chiediamo che quando un medico si iscrive a Medicina abbia poi la certezza di potersi specializzare», sottolinea Testa
“The Fire Within”, Claudio Liguori vince premio per studio su apnee ostruttive notturne. D’Angelo (OMCeO Salerno): «Così sosteniamo i giovani»
«Questo premio - sottolinea il Presidente dell’Ordine salernitano - lo diamo con la speranza che chi lo vince ritorni quanto prima nel suo territorio per restituire la parte di sacrifici che la comunità e la loro famiglia hanno sostenuto». Le borse di studio sono sostenute anche da Consulcesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...