Lavoro 13 Marzo 2019

Medici di famiglia, Corti (Fimmg): «Siano affiancati da un collaboratore di studio»

Il vicesegretario nazionale della Federazione: «Ad oggi non ci sono le condizioni per sviluppare la figura dell’infermiere di famiglia». E sull’autonomia differenziata: «Non peggiori ulteriormente le differenze tra le diverse realtà regionali»

Immagine articolo

Un collaboratore di studio per ogni medico di famiglia. È questo uno dei punti chiave su cui la Fimmg sta lavorando in vista del rinnovo della convenzione. Mettere quindi a disposizione del cittadino un «medico della persona» e «un professionista che possa svolgere al meglio quei compiti indispensabili che riguardano la prevenzione, la presa in carico della patologia cronica e delle malattie dell’età, dei pazienti anziani e dei servizi sociali, che in questo momento fanno fatica a trovare un punto di riferimento unico». Così Fiorenzo Corti, vicesegretario nazionale della Fimmg, spiega ai nostri microfoni l’ambizioso progetto, che si inserisce in un quadro più ampio volto a migliorare i servizi alla persona e a strutturare l’assistenza territoriale, che vede al centro la figura del medico di famiglia. «Dobbiamo sanare le differenze tra i territori e le professioni – spiega Corti -, e trovare una modalità per cui tutti insieme riusciamo a migliorare un Servizio sanitario nazionale che, stanziando 1800 euro l’anno per ogni cittadino, riesce ad ottenere dei risultati splendidi e a fornire dei servizi che in questo momento non riesce a dare nessuno».

LEGGI ANCHE: CONVENZIONE MMG, SCOTTI (FIMMG): «LA ‘BUSTA PAGA’ DEI MEDICI DI FAMIGLIA È FERMA AL 2010. TRE MESI PER FIRMARE»

E il medico di famiglia? Che ruolo ricoprirà nei prossimi anni?

«Il nostro problema è che l’assistenza territoriale non è ancora strutturata come dovrebbe. Tutte le leggi che si sono succedute per cercare di modificarla non hanno ottenuto questo risultato. In questo momento come Fimmg stiamo lavorando affinché nella nuova convenzione ci sia finalmente la possibilità di mettere a disposizione dei cittadini il medico della persona, il medico che ascolta i pazienti, e al suo fianco un collaboratore di studio che svolga compiti importanti, che ad oggi non hanno un punto di riferimento unico. Ecco, il medico di famiglia su questo deve metterci la faccia, deve metterci il suo lavoro».

Parla di una sorta di infermiere di famiglia, come propone la Federazione nazionale delle professioni infermieristiche?

«Dunque, l’infermiere di famiglia ci sarà e farà delle cose meravigliose, ma bisogna tener conto di una serie di contesti che in questo momento ancora non permettono di sviluppare questa figura. Una figura che comunque noi pensiamo sia importante, che dovrà stringere un’alleanza e un confronto stretto con il medico di famiglia».

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA, ACETI (FNOPI): «CHIEDIAMO CHE VENGA PREVISTO DAL NUOVO PATTO PER LA SALUTE»

Secondo lei quale sarebbe l’impatto del regionalismo differenziato sulla medicina generale?

«Tenendo in considerazione che si tratta di dare attuazione ad un articolo della Costituzione della Repubblica, l’autonomia differenziata non deve peggiorare ulteriormente le differenze tra le diverse realtà regionali. Noi lavoriamo perché il Servizio sanitario possa offrire a tutta la popolazione gli stessi servizi, e in questo momento il medico di famiglia è un punto di riferimento importante. E mentre alcune figure sono diverse da regione a regione, il medico di famiglia ha una convenzione nazionale unica valida su tutta la Penisola e offre lo stesso servizio a tutti i cittadini».

 

Articoli correlati
Scotti (FIMMG): «Migliorare la medicina territoriale con piccole limature senza snaturarne il DNA»
Il contributo di Silvestro Scotti, segretario della Federazione italiana medici di medicina generale
di Silvestro Scotti, Segretario generale FIMMG
Consulcesi dona 6.000 mascherine FFP2 ai MMG. Scotti (FIMMG): «Ringrazio quanti sono al fianco dei medici»
Silvestro Scotti (FIMMG): «Attenzione a non abbassare la guardia, per la fase due servono cautele massime. Ringrazio quanti sono al fianco dei medici»
Elezioni ENPAM, chi sono i candidati e perché alcune associazioni chiedono la sospensione delle procedure elettorali
Acceso dibattito nel mondo medico. Ecco la lettera con cui AIM, AIO, FP CGIL MEDICI, CIPe, SIGM, SMI, SiSPe, SUSO e UGL Medici chiedono il rinvio delle elezioni, la replica di Silvestro Scotti (Fimmg) e la posizione di Guido Quici (CIMO)
Coronavirus, parte l’indagine sulle condizioni di lavoro dei medici della Continuità Assistenziale. Maio (Fimmg): «È ora di conoscere la verità»
Al via la più imponente indagine sulle condizioni di lavoro per i medici della Continuità Assistenziale. Tommasa Maio: «A due mesi dalle nostre diffide è ora di conoscere la verità»
«Fase 2 e ruolo dei mmg: l’esperienza Covid sia un punto di partenza per una nuova medicina del territorio». Intervista a Silvestro Scotti (Fimmg)
Sono più di 140 i medici morti dall'inizio dell'epidemia. Molti erano medici di famiglia. Il Segretario nazionale della Federazione italiana dei medici di medicina generale: «Siamo una categoria sempre più anziana e fragile. Dovevamo essere protetti per primi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 4 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco