Lavoro 13 Marzo 2019

Medici di famiglia, Corti (Fimmg): «Siano affiancati da un collaboratore di studio»

Il vicesegretario nazionale della Federazione: «Ad oggi non ci sono le condizioni per sviluppare la figura dell’infermiere di famiglia». E sull’autonomia differenziata: «Non peggiori ulteriormente le differenze tra le diverse realtà regionali»

Immagine articolo

Un collaboratore di studio per ogni medico di famiglia. È questo uno dei punti chiave su cui la Fimmg sta lavorando in vista del rinnovo della convenzione. Mettere quindi a disposizione del cittadino un «medico della persona» e «un professionista che possa svolgere al meglio quei compiti indispensabili che riguardano la prevenzione, la presa in carico della patologia cronica e delle malattie dell’età, dei pazienti anziani e dei servizi sociali, che in questo momento fanno fatica a trovare un punto di riferimento unico». Così Fiorenzo Corti, vicesegretario nazionale della Fimmg, spiega ai nostri microfoni l’ambizioso progetto, che si inserisce in un quadro più ampio volto a migliorare i servizi alla persona e a strutturare l’assistenza territoriale, che vede al centro la figura del medico di famiglia. «Dobbiamo sanare le differenze tra i territori e le professioni – spiega Corti -, e trovare una modalità per cui tutti insieme riusciamo a migliorare un Servizio sanitario nazionale che, stanziando 1800 euro l’anno per ogni cittadino, riesce ad ottenere dei risultati splendidi e a fornire dei servizi che in questo momento non riesce a dare nessuno».

LEGGI ANCHE: CONVENZIONE MMG, SCOTTI (FIMMG): «LA ‘BUSTA PAGA’ DEI MEDICI DI FAMIGLIA È FERMA AL 2010. TRE MESI PER FIRMARE»

E il medico di famiglia? Che ruolo ricoprirà nei prossimi anni?

«Il nostro problema è che l’assistenza territoriale non è ancora strutturata come dovrebbe. Tutte le leggi che si sono succedute per cercare di modificarla non hanno ottenuto questo risultato. In questo momento come Fimmg stiamo lavorando affinché nella nuova convenzione ci sia finalmente la possibilità di mettere a disposizione dei cittadini il medico della persona, il medico che ascolta i pazienti, e al suo fianco un collaboratore di studio che svolga compiti importanti, che ad oggi non hanno un punto di riferimento unico. Ecco, il medico di famiglia su questo deve metterci la faccia, deve metterci il suo lavoro».

Parla di una sorta di infermiere di famiglia, come propone la Federazione nazionale delle professioni infermieristiche?

«Dunque, l’infermiere di famiglia ci sarà e farà delle cose meravigliose, ma bisogna tener conto di una serie di contesti che in questo momento ancora non permettono di sviluppare questa figura. Una figura che comunque noi pensiamo sia importante, che dovrà stringere un’alleanza e un confronto stretto con il medico di famiglia».

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA, ACETI (FNOPI): «CHIEDIAMO CHE VENGA PREVISTO DAL NUOVO PATTO PER LA SALUTE»

Secondo lei quale sarebbe l’impatto del regionalismo differenziato sulla medicina generale?

«Tenendo in considerazione che si tratta di dare attuazione ad un articolo della Costituzione della Repubblica, l’autonomia differenziata non deve peggiorare ulteriormente le differenze tra le diverse realtà regionali. Noi lavoriamo perché il Servizio sanitario possa offrire a tutta la popolazione gli stessi servizi, e in questo momento il medico di famiglia è un punto di riferimento importante. E mentre alcune figure sono diverse da regione a regione, il medico di famiglia ha una convenzione nazionale unica valida su tutta la Penisola e offre lo stesso servizio a tutti i cittadini».

 

Articoli correlati
Vaccinazioni adulti, Maio(FIMMG): «Medico di famiglia è primo front office per il paziente»
Sulle fake news riguardanti i vaccini, il Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG, Tommasa Maio sottolinea: «Pazienti ascoltino fonti attendibili»
Lombardia, dal Governo 672 mln per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Riorganizzazione Pronto soccorso e più medici, aspettando l’autonomia»   
Il presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti, spiega come saranno utilizzate le risorse stabilite con l’intesa governo-regioni: «Un collegamento più vicino alle persone, all’ospedale-territorio, la presa in carico della cronicità, quel 30% dei pazienti che assorbono il 70/80% delle risorse economiche». Sulla carenza di medici: «Autonomia differenziata potrebbe aiutarci»
di Federica Bosco
Medicina Generale in Università, Stimamiglio (FIMMG): «MMG saranno relatori di tesi»
In Liguria il primo Dipartimento misto Università/Medicina del Territorio. Andrea Stimamiglio (FIMMG Liguria): «“Una casa comune” in cui si collabora ai fini di ricerche e sperimentazioni»
ACN Medicina generale, Scotti (FIMMG): «Sistema non riconosce sforzi a medici con ‘busta paga’ ferma da 10 anni»
Le Regioni non hanno accettato l’idea di una pre-intesa. Il segretario della Federazione dei Medici di medicina generale deluso: «Chiedevamo che il 2017 si chiudesse con un aumento dell’1,79%, in linea con l’indennità di vacatio contrattuale della dipendenza, perché non va bene?»
FIMMG incontra il ministro Grillo, Scotti: «Affrontato il tema della carenza dei medici e della formazione post-laurea»
«Le questioni non sono ancora tutte risolte ma il Ministro - spiega Silvestro Scotti, segretario nazionale di FIMMG - ha mostrato grande sensibilità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...