Lavoro 13 Marzo 2019

Medici di famiglia, Corti (Fimmg): «Siano affiancati da un collaboratore di studio»

Il vicesegretario nazionale della Federazione: «Ad oggi non ci sono le condizioni per sviluppare la figura dell’infermiere di famiglia». E sull’autonomia differenziata: «Non peggiori ulteriormente le differenze tra le diverse realtà regionali»

Immagine articolo

Un collaboratore di studio per ogni medico di famiglia. È questo uno dei punti chiave su cui la Fimmg sta lavorando in vista del rinnovo della convenzione. Mettere quindi a disposizione del cittadino un «medico della persona» e «un professionista che possa svolgere al meglio quei compiti indispensabili che riguardano la prevenzione, la presa in carico della patologia cronica e delle malattie dell’età, dei pazienti anziani e dei servizi sociali, che in questo momento fanno fatica a trovare un punto di riferimento unico». Così Fiorenzo Corti, vicesegretario nazionale della Fimmg, spiega ai nostri microfoni l’ambizioso progetto, che si inserisce in un quadro più ampio volto a migliorare i servizi alla persona e a strutturare l’assistenza territoriale, che vede al centro la figura del medico di famiglia. «Dobbiamo sanare le differenze tra i territori e le professioni – spiega Corti -, e trovare una modalità per cui tutti insieme riusciamo a migliorare un Servizio sanitario nazionale che, stanziando 1800 euro l’anno per ogni cittadino, riesce ad ottenere dei risultati splendidi e a fornire dei servizi che in questo momento non riesce a dare nessuno».

LEGGI ANCHE: CONVENZIONE MMG, SCOTTI (FIMMG): «LA ‘BUSTA PAGA’ DEI MEDICI DI FAMIGLIA È FERMA AL 2010. TRE MESI PER FIRMARE»

E il medico di famiglia? Che ruolo ricoprirà nei prossimi anni?

«Il nostro problema è che l’assistenza territoriale non è ancora strutturata come dovrebbe. Tutte le leggi che si sono succedute per cercare di modificarla non hanno ottenuto questo risultato. In questo momento come Fimmg stiamo lavorando affinché nella nuova convenzione ci sia finalmente la possibilità di mettere a disposizione dei cittadini il medico della persona, il medico che ascolta i pazienti, e al suo fianco un collaboratore di studio che svolga compiti importanti, che ad oggi non hanno un punto di riferimento unico. Ecco, il medico di famiglia su questo deve metterci la faccia, deve metterci il suo lavoro».

Parla di una sorta di infermiere di famiglia, come propone la Federazione nazionale delle professioni infermieristiche?

«Dunque, l’infermiere di famiglia ci sarà e farà delle cose meravigliose, ma bisogna tener conto di una serie di contesti che in questo momento ancora non permettono di sviluppare questa figura. Una figura che comunque noi pensiamo sia importante, che dovrà stringere un’alleanza e un confronto stretto con il medico di famiglia».

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA, ACETI (FNOPI): «CHIEDIAMO CHE VENGA PREVISTO DAL NUOVO PATTO PER LA SALUTE»

Secondo lei quale sarebbe l’impatto del regionalismo differenziato sulla medicina generale?

«Tenendo in considerazione che si tratta di dare attuazione ad un articolo della Costituzione della Repubblica, l’autonomia differenziata non deve peggiorare ulteriormente le differenze tra le diverse realtà regionali. Noi lavoriamo perché il Servizio sanitario possa offrire a tutta la popolazione gli stessi servizi, e in questo momento il medico di famiglia è un punto di riferimento importante. E mentre alcune figure sono diverse da regione a regione, il medico di famiglia ha una convenzione nazionale unica valida su tutta la Penisola e offre lo stesso servizio a tutti i cittadini».

 

Articoli correlati
#6statodiscriminato: Consulcesi lancia la campagna social per i medici di famiglia penalizzati durante la formazione
I medici di Medicina Generale durante la formazione post-laurea subiscono una disparità di trattamento a livello economico, fiscale e assicurativo rispetto agli altri specializzandi. Il 12 aprile la nuova azione collettiva di Consulcesi per gli Mmg: possibile recuperare fino a 50 mila euro per ogni annualità
Medicina di famiglia e prescrizione di farmaci antidiabetici, FIMMG: «Incontro in Aifa con fumata grigia»
L’obiettivo era quello di portare al direttore dell’Agenzia Italiana del Farmaco la preoccupazione per il permanere del divieto di far prescrivere ai medici di famiglia farmaci efficaci nel ridurre le complicanze della malattia diabetica e gli effetti collaterali dei farmaci prescrivibili
Convenzione MMG, Scotti (Fimmg): «La ‘busta paga’ dei medici di famiglia è ferma al 2010. Tre mesi per firmare»
Il Segretario della Federazione Italiana Medici di Famiglia spiega ai nostri microfoni qual è la principale urgenza da affrontare. Poi interviene sul regionalismo differenziato: «La variazione dell’assetto attuale può aumentare differenze tra Regioni»
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Medici di famiglia e cronicità, Bartoletti (Fimmg): «Accesso a farmaci innovativi limitato perché non si vuole che noi li prescriviamo»
Il vicesegretario della Fimmg: «Bisogna prevenire le malattie croniche e poi dichiarar loro guerra, rompendo gli schemi e istituendo una rete di servizi alla persona che integri ospedale e territorio». E sulle liste d'attesa: «È normale che mostri burocratici come i CUP non rispettino i tempi previsti per le singole patologie. Non avere la possibilità di gestire il percorso del malato cronico dal proprio studio è una grave limitazione per il medico di famiglia»
Autonomia differenziata, Beux (TSRM e PSTRP): «Verifichiamo con metodo scientifico se è efficace»
Il presidente degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni sanitarie tecniche sull’assemblea di tutte le professioni sanitari e sociali: «Valutiamo proposte e critiche per SSN tutti insieme»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone