Lavoro 19 Ottobre 2023 12:26

L’infermiere case manager in ematologia: ruolo e competenze nel percorso assistenziale di un paziente affetto da Linfoma

Il secondo approfondimento elaborato da un gruppo di infermieri esperti che afferiscono alla Fondazione Italiana Linfomi, riunitisi nell’ambito del progetto EmatoNurse sostenuto incondizionatamente da Roche, rappresenta un vero e proprio “manuale pronto all’uso” in cui alle competenze necessarie si uniscono tutti i vantaggi per l’equipe clinica e per i pazienti di poter contare su un professionista esperto quale nuovo, strategico, punto di riferimento.

L’infermiere case manager in ematologia: ruolo e competenze nel percorso assistenziale di un paziente affetto da Linfoma

“Il Case Management è un processo collaborativo di accertamento, pianificazione, facilitazione, coordinamento delle cure, valutazione ed advocacy delle scelte e dei servizi, che agevolino i bisogni sanitari generali dell’individuo e della famiglia, attraverso la comunicazione e le risorse disponibili, al fine di promuovere outcomes di qualità, con un buon rapporto costo-efficacia”.

Questa definizione della Case Management Society of America (2010) segna l’incipit del secondo volume edito da Sics Editore nell’ambito del progetto “EmatoNurse” dedicata al ruolo sempre più strategico che la professione infermieristica può assumere in ambito ematologico ed oncoematologico.

Un percorso di approfondimento, sostenuto incondizionatamente da Roche, che non offre soltanto delle riflessioni di carattere professionale sul futuro dell’infermieristica in Italia ma si trasforma, pagina dopo pagina, in un vero e proprio agile manuale destinato ad indicare una strada, un percorso chiaro, per una nuova presa in carico dei pazienti che, come quelli ematologici, convivono da un lato con la complessità delle loro patologie e dall’altro con la velocità di introduzione di terapie sempre più “taylor made”.

Se nella precedente pubblicazione infatti il focus era incentrato sul ruolo dell’infermiere nella gestione del paziente: dalla prevenzione e trattamento degli eventi avversi all’assistenza territoriale, il nuovo approfondimento, elaborato anche in questo caso da un gruppo di lavoro di infermieri esperti del Gi FIL (Gruppo infermieri della Fondazione Italiana Linfomi), è specificatamente dedicato al Ruolo dell’infermiere case-manager in Ematologia ma, soprattutto, all’implementazione delle sue competenze nel percorso clinico-assistenziale del paziente affetto da linfoma.

Se circoscriviamo il focus sull’ematologia oncologica, scrivono nella prefazione Mario Tarricone, Presidente AIL Lecce ODV – Componente CDA AIL Nazionale – Referente Nazionale Gruppo Pazienti Linfomi AIL FIL e Davide Petruzzelli, Coordinatore Nazionale F.A.V.O. Neoplasie Ematologiche “possiamo osservare, con ragionevole coscienza, che l’innovazione terapeutica corre velocissima e nuove cure stanno cambiando la storia di alcune patologie. Tuttavia, serve un cambio di passo nella presa in carico di queste persone, per far sì che l’innovazione nella sua veste più completa arrivi ai malati. Gli infermieri da sempre rivestono un ruolo fondamentale nel percorso di cura, rappresentando di fatto un punto di riferimento per i malati, anche se finora il sistema ne ha spesso velato le peculiarità relegando la categoria a un ruolo secondario. L’aspetto pregevole del lavoro realizzato dal gruppo Gi-FIL con questo documento – sottolineano – sta proprio nell’aver concentrato l’attenzione sull’innovazione organizzativa e di processo come strumento per adeguare l’erogazione dei servizi di cura alle nuove reali esigenze dei pazienti e dei caregiver”.

E con questa prospettiva “l’introduzione del ruolo dell’infermiere Case Manager risponde alla necessità di creare le condizioni di contesto necessarie a dare effettività all’innovazione delle cure, all’introduzione dei processi di telemedicina, ma soprattutto a quel processo di innovazione e cambiamento culturale che vede il reale coinvolgimento dei pazienti e dei loro familiari nei processi di cura”.

Alla voce dei pazienti si è quindi unita anche quella dei Farmacisti ospedalieri e dei Servizi farmaceutici delle Aziende sanitarie che, in particolare sul fronte dell’ematologia oncologica, rappresentano uno snodo fondamentale, insieme naturalmente ai clinici di riferimento, della presa in carico dei pazienti.

Forte e convinta la testimonianza offerta nella pubblicazione da Emanuela Omodeo Salè, Direttore della  Farmacia Ospedaliera dell’Istituto Europeo di Oncologia, Membro del Consiglio Direttivo SIFO e Responsabile del Comitato Scientifico Unico di Ricerca e Formazione SIFO.

“Il ruolo dell’infermiere case-manager – sottolinea Omodeo Salé – è molto importante da un punto di vista manageriale, clinico ma anche economico- finanziario. Soprattutto è importante poiché rappresenta davvero un ponte di collegamento tra le esigenze e le necessità dei pazienti e le istanze di clinici e farmacisti ospedalieri. Nella mia esperienza di direttore del servizio farmaceutico di un grande istituto di ricerca e cura a carattere scientifico che opera in campo oncologico – osserva ancora – poter collaborare con infermieri formati al case-management è stata un’ottima opportunità perché ha permesso di rendere più snello e lineare il percorso di gestione del paziente che ha sempre, in tal modo, la possibilità di fare affidamento su un interlocutore di riferimento competente molto importante”.

Cinque i capitoli della pubblicazione con approfondimenti che spaziano dal valore che può esprimere un infermiere case-manager nei molteplici ambiti di intervento fino ad un vero e proprio focus sui Linfomi e sui trattamenti ad essi dedicati; dal ruolo dell’infermiere nel momento del ricovero in unità di degenza o in day hospital fino alla delicata dimensione delle cure palliative in ambito ematologico.

Insomma, una vera e propria bussola delle competenze che non tralascia nulla dei molteplici saperi che un infermiere case manager specializzato in questo ambito deve avere (così come le sue attitudini) ma restituisce nitidamente l’immagine di un professionista che si fa, di volta in volta, centro di equilibrio del percorso assistenziale, punto di riferimento tanto per i pazienti quanto per l’equipe multidisciplinare, protagonista di un nuovo modo di intendere la presa in carico in patologie complesse come i linfomi.

 

Al gruppo di lavoro per la stesura del Documento hanno partecipato Lucia Saracino, Daniela Manzo, Giorgia Gobbi, Chiara Colognesi, Federica Olivazzi, Jessica Gaioni, Filippo Ingrosso, Valentina Zoboli, Giovanni Messana, Marianna Leone, Anna Vaccaro, Michela Colalelli, Giuliana Nepoti.

 

LEGGI IL DOCUMENTO: IL RUOLO DELL’INFERMIERE CASE MANAGER IN EMATOLOGIA

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...