Lavoro 14 Giugno 2022 15:26

Liberi professionisti, per la dichiarazione dei redditi arriva il modello D

Il modello D, interamente digitale, da inviare entro fine luglio, permette di pianificare in anticipo il pagamento dei contributi di quota B

Liberi professionisti, per la dichiarazione dei redditi arriva il modello D

Per i liberi professionisti in camice bianco è arrivato il momento della dichiarazione dei redditi da libera professione prodotti nel 2021. In che modo procedere? Attraverso il modello D, già disponibile online nell’area riservata del sito Enpam, che andrà compilato e inviato entro la fine di luglio.  In questo modo sarà possibile pianificare al meglio e con anticipo il pagamento dei contributi di Quota B senza arrivare a ridosso della scadenza. Ricordiamo, tutti i medici e odontoiatri in attività che nel 2021 hanno prodotto redditi da libera professione devono compilare e inviare il modello D entro il 31 luglio.

I vantaggi del modello D

Come si legge sul sito della Fondazione Enpam, il modello D, già dallo scorso anno, è disponibile esclusivamente in formato digitale ed è stato completamente rimodulato per essere più fruibile, veloce e senza margine di errore. In primis, per fare un esempio, con la nuova modalità digitale per dichiarare i redditi da libera professione gli iscritti conoscono automaticamente gli importi da versare, l’aliquota contributiva applicata al reddito dichiarato, e gli accantonamenti per la propria pensione. È inoltre possibile, in caso di errori, chiedere una rettifica dei dati. Il nuovo modello D fa sì che la banca dati dell’Enpam acquisisca in tempo reale la dichiarazione, facilitando di conseguenza l’assistenza agli iscritti in merito a qualsiasi dubbio relativo alla compilazione.

Le aliquote previste

Già dallo scorso anno, si legge ancora sulla pagina dedicata del sito Enpam, l’aliquota contributiva per i liberi professionisti si è assestata definitivamente al 19,5% sul reddito professionale – al netto delle spese sostenute per produrlo – fino a 103.055,00 euro. Sugli importi residui che vadano oltre tale cifra è applicato l’1%. In ogni modo, la Quota B non si paga per la parte di reddito già coperta dalla Quota A. Per convenzionati, specializzandi e dipendenti che praticano extramoenia l’aliquota applicata è al 9,75%, mentre i corsisti in Medicina generale e i dipendenti che fanno intramoenia hanno diritto al 2%. I pensionati possono scegliere ogni anno se pagare la metà o con l’aliquota intera. Per cambiare aliquota o per scegliere la contribuzione ridotta è necessario compilare l’apposito modulo “Contribuzione ridotta”, presente nell’area riservata del sito Enpam, prima di compilare il modello D.

I redditi da dichiarare

Stando a quanto si legge sul sito Enpam, vanno dichiarati i redditi prodotti con le attività attribuite in base alla competenza medica e odontoiatrica, indipendentemente dalla loro qualifica sul piano fiscale. Quindi rientreranno nelle attività, oltra alla cura dei pazienti, ad esempio anche la ricerca, le partecipazioni ai congressi scientifici, le consulenze professionali.

Come versare i contributi

Anche per i pagamenti di Quota B il sistema di pagamento digitale PagoPA andrà a sostituire i pagamenti tramite bollettini Mav, come già in vigore per la Quota A. Con PagoPA la quota B dovrà essere versata in un’unica soluzione entro il 31 ottobre, mentre con il pagamento tramite domiciliazione bancaria o tramite carta di credito Enpam è disponibile anche la rateizzazione dei pagamenti. La domiciliazione bancaria, in particolare, permette di semplificare il pagamento e risparmiare sui costi di riscossione, oltre ad eliminare il rischio di incorrere in sanzioni per aver dimenticato di effettuare il versamento.  Per il pagamento dei contributi di Quota B – si legge infine sulla pagina dedicata Enpam – c’è anche la possibilità di rateizzare fino a 30 mesi l’importo con la carta di credito che Enpam mette a disposizione gratuitamente, in convenzione con la Banca Popolare di Sondrio, una modalità che permette inoltre di portare subito in deduzione l’importo dei contributi dalle tasse.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tempo di iscrizioni universitarie, per i figli dei medici Enpam 30mila euro di sussidio
Il bando prevede, per chi rientra nei requisiti, una borsa di studio di 5mila euro l’anno per le spese nei collegi di merito. Priorità agli iscritti in Medicina e Odontoiatria
Adempimenti fiscali, Enpam fa formazione per offrire maggiore assistenza agli iscritti
Corsi di aggiornamento ad hoc rivolti agli addetti OMCeO al supporto fiscale
Pensioni, è facile aumentarle con l’allineamento dei contributi
Lo strumento, messo a disposizione da Enpam per i suoi iscritti, permette un incremento sostanziale dell’importo della pensione
Infortuni e malattie, alle tutele Enpam si aggiunge una nuova garanzia
Si tratta della polizza Emapi (Reale Assicurazioni) per infortuni professionali ed extra. Inclusi familiari e dipendenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...