Lavoro 7 Settembre 2017

Legge Gelli, arriva circolare dei magistrati

Federico Gelli, relatore della riforma della Responsabilità Professionale in sanità, rivela ai nostri microfoni che a breve «il CSM invierà ai Tribunali di tutta Italia indicazioni su come organizzare i collegi peritali per pronunciarsi sulle richieste di risarcimento»

Dopo la politica, che ha di recente riformato la Responsabilità Professionale in sanità con la Legge Gelli, è il momento della magistratura. Il CSM (Consiglio Superiore della Magistratura) a breve invierà «ai Tribunali e ai relativi presidenti di tutta Italia specifiche indicazioni su come organizzare i collegi peritali», previsti proprio dalla Legge Gelli, in modo da «qualificare il lavoro della perizia e dei collegi nel pronunciarsi rispetto ad una richiesta di risarcimento».

Lo rivela in anteprima ai nostri microfoni proprio l’Onorevole Federico Gelli, relatore della Legge e autore, insieme agli avvocati Maurizio Hazan e Daniela Zorzit, del libro “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione. Commento sistematico alla Legge Gelli”, presentato ieri alla festa del PD a Firenze. Si tratta di un nuovo, grande passo verso la completa applicazione della riforma approvata definitivamente il 28 febbraio scorso, e che ha alimentato, stando a quanto confermato da Gelli, «una nuova stagione ed un nuovo dibattito tra tutti gli attori del sistema».

«La pienezza dell’applicazione della legge – spiega ancora Gelli ai nostri microfoni – non è legata solo ed esclusivamente ai decreti attuativi, che comunque devono arrivare in tempi brevi dopo i due già approvati nel mese di agosto dal Ministero della Salute. A breve – continua l’onorevole – ci sarà anche l’approvazione dei quattro decreti relativi al Ministero per lo Sviluppo Economico, che si occupano prevalentemente della parte assicurativa». Ma prima, come detto, la circolare del CSM: «Io credo che questo sia il percorso giusto, e spero soprattutto che questa legge abbia rotto quella campana di vetro che si era venuta a creare sul tema della sicurezza delle cure e del rischio professionale. È durata troppi anni ed era diventata insopportabile».

Articoli correlati
Gelli (FIS) illustra metodo Sismax: «Ora abbiamo strumenti ed esperienza per affrontare la pandemia»
Ad Empoli presentato il volume che delinea il metodo Sismax per gestire le maxi emergenze. Gelli (FIS) ribadisce: «Pandemia non è finita»
Covid e operatori sanitari denunciati, Gelli: «Parlamento consideri nostro emendamento per maggiori tutele»
Il relatore della Legge 24/2017 sulla responsabilità professionale: «Decreti attuativi nella fase finale di approvazione»
Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»
Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»
Responsabilità e Covid, l’avvocato: «Si applichi il Codice Civile e i medici risponderanno solo per dolo o colpa grave»
Per Federico Gelli andrebbe istituito un fondo nazionale per indennizzi e risarcimenti. Poi spinge sull’approvazione dei decreti attuativi della legge 24. Ecco come è andato il webinar “Sanità – Cosa imparare dall’esperienza Covid-19”
di Tommaso Caldarelli
Responsabilità professionale e Covid-19, come proteggere medici e operatori? Reazioni e proposte dal mondo della sanità
Tutti d’accordo sull'attenuazione della responsabilità per i professionisti, ma divide l’estensione del provvedimento ai vertici amministrativi. Magi (OMCeO Roma): «No a colpi di spugna». Quici (CIMO-FESMED): «Ecco perché sarebbe incostituzionale». Vergallo (AAROI-EMAC): «Non possiamo pagare per responsabilità altrui»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...