Lavoro 7 settembre 2017

Legge Gelli, arriva circolare dei magistrati

Federico Gelli, relatore della riforma della Responsabilità Professionale in sanità, rivela ai nostri microfoni che a breve «il CSM invierà ai Tribunali di tutta Italia indicazioni su come organizzare i collegi peritali per pronunciarsi sulle richieste di risarcimento»

Dopo la politica, che ha di recente riformato la Responsabilità Professionale in sanità con la Legge Gelli, è il momento della magistratura. Il CSM (Consiglio Superiore della Magistratura) a breve invierà «ai Tribunali e ai relativi presidenti di tutta Italia specifiche indicazioni su come organizzare i collegi peritali», previsti proprio dalla Legge Gelli, in modo da «qualificare il lavoro della perizia e dei collegi nel pronunciarsi rispetto ad una richiesta di risarcimento».

Lo rivela in anteprima ai nostri microfoni proprio l’Onorevole Federico Gelli, relatore della Legge e autore, insieme agli avvocati Maurizio Hazan e Daniela Zorzit, del libro “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione. Commento sistematico alla Legge Gelli”, presentato ieri alla festa del PD a Firenze. Si tratta di un nuovo, grande passo verso la completa applicazione della riforma approvata definitivamente il 28 febbraio scorso, e che ha alimentato, stando a quanto confermato da Gelli, «una nuova stagione ed un nuovo dibattito tra tutti gli attori del sistema».

«La pienezza dell’applicazione della legge – spiega ancora Gelli ai nostri microfoni – non è legata solo ed esclusivamente ai decreti attuativi, che comunque devono arrivare in tempi brevi dopo i due già approvati nel mese di agosto dal Ministero della Salute. A breve – continua l’onorevole – ci sarà anche l’approvazione dei quattro decreti relativi al Ministero per lo Sviluppo Economico, che si occupano prevalentemente della parte assicurativa». Ma prima, come detto, la circolare del CSM: «Io credo che questo sia il percorso giusto, e spero soprattutto che questa legge abbia rotto quella campana di vetro che si era venuta a creare sul tema della sicurezza delle cure e del rischio professionale. È durata troppi anni ed era diventata insopportabile».

Articoli correlati
FNOPO e TSRM PSTRP presentano accordo con il CSM su albi periti e consulenti tecnici
Il prossimo 12 marzo la Federazione degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) e la Federazione degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (FNO TSRM PSTRP) firmeranno l’Accordo con il Consiglio Superiore della Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense per l’armonizzazione dei criteri e delle procedure di formazione […]
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Contenziosi, Roberto Zazza (UIF): «Medici e avvocati troppo spesso ‘vittima’ di cittadini delusi dall’insuccesso. È un problema culturale…»
Parla il Direttore Nazionale Centro Studi UIF: «Troppi contenziosi alimentati strumentalmente. Anche noi avvocati denunciati da clienti che non accettano di perdere…»
Responsabilità medica, parla Amedeo Bianco: «Ora anche strutture coinvolte su tema sicurezza. Ma servono ultimi decreti attuativi»
L’ex Senatore, presidente Fnomceo e relatore della Legge 24 insieme a Federico Gelli, sottolinea: «I medici hanno capito che è stato fatto uno sforzo importante. Ma non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto»
Nasce la Fondazione Italia in Salute. Il Presidente Federico Gelli: «Idee e progetti per evitare smantellamento SSN»
L’ex responsabile Sanità del PD e padre della legge sulla responsabilità professionale lancia il suo laboratorio di idee: «Tra i temi di cui ci occuperemo le disparità provocate dai diversi sistemi sanitari regionali, le liste di attesa, le reti territoriali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...