Lavoro 7 settembre 2017

Legge Gelli, arriva circolare dei magistrati

Federico Gelli, relatore della riforma della Responsabilità Professionale in sanità, rivela ai nostri microfoni che a breve «il CSM invierà ai Tribunali di tutta Italia indicazioni su come organizzare i collegi peritali per pronunciarsi sulle richieste di risarcimento»

Dopo la politica, che ha di recente riformato la Responsabilità Professionale in sanità con la Legge Gelli, è il momento della magistratura. Il CSM (Consiglio Superiore della Magistratura) a breve invierà «ai Tribunali e ai relativi presidenti di tutta Italia specifiche indicazioni su come organizzare i collegi peritali», previsti proprio dalla Legge Gelli, in modo da «qualificare il lavoro della perizia e dei collegi nel pronunciarsi rispetto ad una richiesta di risarcimento».

Lo rivela in anteprima ai nostri microfoni proprio l’Onorevole Federico Gelli, relatore della Legge e autore, insieme agli avvocati Maurizio Hazan e Daniela Zorzit, del libro “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione. Commento sistematico alla Legge Gelli”, presentato ieri alla festa del PD a Firenze. Si tratta di un nuovo, grande passo verso la completa applicazione della riforma approvata definitivamente il 28 febbraio scorso, e che ha alimentato, stando a quanto confermato da Gelli, «una nuova stagione ed un nuovo dibattito tra tutti gli attori del sistema».

«La pienezza dell’applicazione della legge – spiega ancora Gelli ai nostri microfoni – non è legata solo ed esclusivamente ai decreti attuativi, che comunque devono arrivare in tempi brevi dopo i due già approvati nel mese di agosto dal Ministero della Salute. A breve – continua l’onorevole – ci sarà anche l’approvazione dei quattro decreti relativi al Ministero per lo Sviluppo Economico, che si occupano prevalentemente della parte assicurativa». Ma prima, come detto, la circolare del CSM: «Io credo che questo sia il percorso giusto, e spero soprattutto che questa legge abbia rotto quella campana di vetro che si era venuta a creare sul tema della sicurezza delle cure e del rischio professionale. È durata troppi anni ed era diventata insopportabile».

Articoli correlati
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
Biotestamento, Federico Gelli (Pd): «Fondamentale per costruire alleanza terapeutica. Obiezione di coscienza forse inutile»
«Non c’è terapia che possa essere efficace senza piena condivisione tra medico e paziente» così il Responsabile Sanità del Partito Democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul consenso informato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...