Lavoro 4 Febbraio 2021 15:00

L’Ausl invita i medici a vaccinare gratis, il sindacato: «Scorretto. Dove sono i 100 mln stanziati in Legge di Bilancio?»

Succede in Friuli, la Fials: «A questo punto meglio andare in deroga dall’esclusività»

di Tommaso Caldarelli
L’Ausl invita i medici a vaccinare gratis, il sindacato: «Scorretto. Dove sono i 100 mln stanziati in Legge di Bilancio?»

Ancora un caso di un’azienda sanitaria che invita medici e professionisti della sanità a lavorare gratis per la campagna vaccinale anti-coronavirus: siamo in Friuli, dove l’Azienda sanitaria universitaria giuliano isontina ASUGI ha inviato agli ordini professionali dei medici, degli infermieri e dei professionisti sanitari una chiamata a offrirsi volontari per somministrare i vaccini anti Sars-Cov-2.

La richiesta

«In questa fase, anche sulla scorta di richieste pervenute da più parti, facciamo appello alla responsabilità e alla solidarietà di tutti coloro che possono contribuire a raggiungere, in tempi brevi, alti tassi di vaccinazione della popolazione», si legge nel documento inviato dalla direzione generale.

«L’appello che rivolgiamo, tramite questi ordini, vuole raccogliere la disponibilità di professionisti esterni ma pure dipendenti del Ssn: medici, infermieri e assistenti sanitari, che manifestino l’interesse di dedicare una parte del loro tempo per supportare la campagna vaccinale anti Covid-19 sostenuta da questa Azienda. Volta alla somministrazione di vaccini gratuiti secondo l’ordine di priorità stabilito dal Piano nazionale, affiancando, a titolo volontario, il personale ASUGI, che con grande professionalità ed impegno, ormai da mesi, è impegnato in prima linea».

I sindacati

Subito unanime la risposta dei sindacati che hanno ricordato all’Azienda che i professionisti della salute sono già sovraccaricati da molte ore di straordinario e dunque sarebbe improvvido, oltre che ingiusto, chiedergli una disponibilità a lavorare gratuitamente.

«Ancora una volta assistiamo a un controsenso pericoloso e irrispettoso verso i professionisti della salute: lavorare gratis alla campagna vaccinale – il commento di Giuseppe Carbone, segretario generale della Fials -. Ci sono finanziamenti ad hoc che ammontano a 100 milioni di euro per le prestazioni aggiuntive previsti in Legge di bilancio 2021, ma l’Azienda sanitaria di Trieste e Gorizia chiede agli ordini professionali di medici, infermieri e professioni sanitarie Tsrm-Pstrp di sensibilizzare i loro iscritti ad aderire al piano per somministrare i vaccini anti-Covid senza remunerazione alcuna».

«Uno stile da cambiare»

«Non abbiamo nulla contro i volontari – precisa a Sanità Informazione Fabio Pototschnig, segretario regionale Fials per il Friuli Venezia Giulia -. Se dei medici in pensione vogliono dare una mano è certamente benvenuto il loro apporto, ma non posso pensare in sincerità che si possa chiedere a dei medici e infermieri in servizio, che magari già lavorano in un reparto Covid, di dare ulteriore tempo gratuitamente. La vaccinazione è importante, la campagna vaccinale è importantissima, ma bisogna trovare una risposta diversa se si vuole cogliere del senso di responsabilità dei professionisti della salute. Ci sono fondi destinati al finanziamento delle attività di vaccinazione, se si voleva fare una sorta di chiamata alle armi non serviva passare dagli ordini professionali. È uno stile opaco che non ci piace».

Una soluzione possibile? «Abbiamo proposto di andare in deroga all’esclusività della prestazione, dando la possibilità ai sanitari di lavorare in formula libero-professionale anche per la campagna vaccinale», conclude il sindacalista.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, con primi stop ai sanitari non vaccinati rischio buchi in reparti
Sternativo (Fials Milano): «Solo quando il datore di lavoro è impossibilitato all'assegnazione dell'operatore non vaccinato a mansioni diverse è tenuto a dare avvio al periodo di sospensione»
Fials, proteste da Milano a Roma per tagli a organici, mancate stabilizzazioni e nessun aumento in busta-paga
«C'è fermento da nord a sud tra i sanitari che si stanno riunendo in assemblee davanti agli ospedali e alle sedi regionali per mobilitarsi e manifestare il profondo dissenso verso la situazione che stanno vivendo» dichiara Giuseppe Carbone, segretario generale Fials
Covid-19, gli infermieri per i vaccini a domicilio ai fragili. Il protocollo Ministero-Regioni-Fnopi
In campo infermieri e infermieri pediatrici. Oltre al compenso aggiuntivo, previsti 6,16 euro a inoculazione. Mangiacavalli (Fnopi): «Un ulteriore tassello che dimostra il ruolo e la rilevanza di un’assistenza infermieristica». Contrari Fials e Nursing Up
Lo scudo penale potrebbe non ostacolare una valanga di contenziosi alla fine dell’emergenza
La non punibilità per colpa grave degli operatori sanitari potrebbe non essere sufficiente per scongiurare le cause. Balboni (Fdi): «Resta la responsabilità civile, la norma non dice nulla di nuovo». Recchia (Fials): «Ora serve scudo procedimentale o si tornerà alla medicina difensiva»
Donne, Fials: «Salute femminile la più penalizzata da rinuncia cure. Riavviare percorsi di prevenzione dedicati»
In occasione della Giornata della salute della donna, iniziativa promossa dal ministero della Salute per parlare di prevenzione e assistenza al femminile, celebriamo un bene ancora più prezioso e da tenere in conto dopo 14 mesi di pandemia. Proprio in un momento così particolare, le donne sono le vere protagoniste dell’emergenza, essendo la maggioranza della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco