Lavoro 4 Novembre 2014 18:09

Infermieri, a Montecitorio levata di scudi contro il blocco dei contratti 

E su Ebola scatta la denuncia: “Noi in prima linea senza protezioni”

Infermieri, a Montecitorio levata di scudi contro il blocco dei contratti 

Non bastava il blocco dei contratti e quello del turn over: la scarsa attenzione delle istituzioni nei confronti della professione infermieristica trova la sua punta dell’iceberg nella gestione dell’emergenza Ebola.

Essere in prima linea non deve e non può tradursi nell’essere lasciati allo sbaraglio. Di questo ed altro abbiamo parlato con Andrea Bottega, segretario nazionale Nursind, che ieri a Montecitorio, insieme a migliaia di suoi colleghi, ha portato in piazza le istanze della categoria.

Cosa chiedono gli infermieri qui a Montecitorio?
Chiedono che il lavoro diventi una priorità per il governo, e l’apertura di un tavolo contrattuale dove si possa discutere concretamente dello sblocco dei contratti. Il lavoro non è semplicemente un costo, è un valore, e se lo riconosciamo come tale possiamo cambiare il mondo della sanità e agire anche sulle disparità che la Corte dei Conti ha rilevato tra le Regioni. Noi infermieri diamo tanto al sistema e meritiamo ascolto, per trovare un giusto equilibrio tra innovazione e remunerazione.

Il governo Renzi pensa ai tagli ma gli infermieri restano l’avamposto del mondo sanitario…
Siamo i primi ad assistere gli infortunati, i primi ad accogliere chi arriva negli ospedali, e spesso anche gli ultimi a salutare chi ci lascia. Va da sé che siamo i più coinvolti anche nelle malattie: i nostri colleghi spagnoli e americani – anche questi ultimi con uno sciopero – stanno portando all’attenzione dell’opinione pubblica il caso Ebola, emblematico: viviamo a contatto con chi ha bisogno, e nello stesso tempo rischiamo di subirne le conseguenze. E’ per questo che, oltre ad un adeguato contratto, chiediamo sicurezza sul lavoro.

Anche negli  Stati Uniti gli infermieri sono in sciopero, per ribellarsi alla mancanza di protezione e di formazione nella gestione dell’emergenza Ebola. Il coordinatore Nursind per la Sicilia, Osvaldo Barba, fa eco alle parole di Bottega e approfondisce la questione: “Più che in prima linea siamo allo sbaraglio: mancanza di linee guida, mancanza di dispositivi di protezione individuale, mancanza delle informazioni di base su come affrontare questa criticità. Non possiamo più essere lasciati allo scoperto”.

Continua Bottega: “Siamo soliti dire che gli infermieri erogano salute a scapito della propria; per le istituzioni, invece, la nostra è una professione ‘non usurante’. Gli stipendi intanto sono al palo dal 2010 e, con questa legge di stabilità, la prospettiva è che nulla si muova per almeno un altro anno. Chiediamo semplicemente che il nostro valore professionale venga riconosciuto”.

Articoli correlati
In Italia numero infermieri sotto media Ue: «Carenza aumenta mortalità pazienti»
In occasione della Giornata dell’infermiere, la FNOPI ha raccolto in un documento tutti i dati principali, i numeri e le problematiche della professione infermieristica in Italia
Rsa, fuga di infermieri verso le Aziende Ospedaliere. Degani (Uneba Lombardia): «Necessario creare nuove figure»
Il presidente di UNEBA Lombardia: «Stato e Regioni devono prevedere una programmazione tale da poter aumentare il numero di infermieri formati o di istituire operatori sociosanitari specializzati, figure para infermieristiche e para sanitarie che possano aiutare le fragilità e le cronicità»
di Federica Bosco
Fnopi, gli infermieri chiedono l’allentamento dell’esclusiva per poter vaccinare
Il tempo ormai stringe, la lettera di Fnopi al Ministero della Salute: passare rapidamente dal “dire” al “fare” su allentamento dell’esclusiva, assistenza sul territorio e autonomia della professione infermieristica
La sala operatoria al tempo del Covid-19, Alvaro: «Infermieri depositari della sicurezza del paziente»
Il responsabile scientifico del corso Fad offerto dal provider di Consulcesi Club Rosaria Alvaro: «L’infermiere è l’unica presenza costante all’interno delle sale operatorie. Ha la competenza educativa di far rispettare tutti i protocolli che sono stati condivisi in relazione alla pandemia che stiamo vivendo»
Infermieri, documento Fnopi delinea quelli del futuro. Garattini: «Prescrizione di farmaci agevolerà il lavoro del medico»
Un documento della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche composto da un advisory board di esperti lancia diverse proposte: dalla formazione alla gestione dei servizi assistenziali. Il farmacologo Silvio Garattini: «Troppi pochi infermieri in Italia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...