Lavoro 25 Luglio 2021 10:49

Il 25 luglio è la giornata mondiale dedicata all’ embriologia clinica

La SIRU ricorda la nascita di Luise Brown, la prima bambina nata da fecondazione assistita per opera del Prof. Robert Edwards, insignito nel 2010 con il premio Nobel per la Medicina

Definizione di un percorso di formazione specialistica con riconoscimento unico e specifico della figura dell’Embriologo Clinico. È quanto chiede la Società Italiana di Riproduzione Umana che nella giornata mondiale dedicata agli Embriologi, ricorda uno storico evento: la nascita di Luise Brown, la prima bambina nata da fecondazione assistita per opera del Prof. Robert Edwards, insignito nel 2010 con il premio Nobel per la Medicina. Individuare l’iter formativo, il riconoscimento formale e l’inquadramento professionale dell’Embriologo Clinico è stato uno degli obiettivi strategici della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU).

«Fino ad oggi i biologi-embriologi clinici italiani hanno svolto il loro lavoro senza alcun titolo specifico – commenta Antonino Guglielmino, Presidente SIRU – nonostante l’alta specialità, competenza e responsabilità che tale attività richiede per la conduzione e la gestione del laboratorio di un centro che si occupa di Riproduzione Medicalmente Assistita».

Fondamentale l’alleanza con altre società. La SIRU in questi anni ha interloquito con diversi livelli istituzionali, da quello parlamentare, al governativo e con le altre realtà associative del settore. Una collaborazione particolarmente intensa è stata sviluppata in particolare con l’Ordine Nazionale dei Biologi e con l’ENPAB (l’Ente Nazionale Previdenza Assistenza Biologi), con il quale oggi condividiamo la decisione della SIGU (Società Italiana di Genetica Umana) di sostenere la necessità di modificare il piano formativo delle Scuole di Specializzazione in Genetica Medica includendo le attività didattiche per l’acquisizione delle competenze specifiche sufficienti al riconoscimento delle attività di Embriologo Clinico.

L’impegno della SIRU di questi anni ha portato i suoi primi frutti. «Ci auguriamo che tutte le scuole di specializzazione di Genetica Medica italiane possano attivarsi aumentando anche il numero dei posti a disposizione dei biologi.  Così come andrebbe riconosciuta la competenza e l’esperienza già acquisita sul campo», commenta Guglielmino.

I biologi della SIRU insieme a tutti i biologi che giornalmente operano nell’ambito della medicina e biologia della riproduzione, pur apprezzando l’attuale passo avanti, con l’inserimento di un allargamento curriculare sul fronte embriologico della specializzazione in genetica, non perdono di vista che l’obiettivo finale continua ad essere la definizione di un percorso di formazione specialistica con riconoscimento unico e specifico della figura dell’Embriologo Clinico.

Per questo, la SIRU continuerà la sua interlocuzione con i livelli istituzionalmente competenti europei, nazionali e regionali per il riconoscimento della figura, anche a livelli apicali, all’interno di una visione della riproduzione medicalmente assistita integrata, multidisciplinare e di gruppo.

Sempre in relazione agli obiettivi individuati che sono tra le priorità della SIRU, al prossimo congresso nazionale previsto a Napoli il 13-16 ottobre, si prevede all’apertura un confronto tra i rappresentanti delle Istituzioni nazionali e gli operatori del settore sulla formazione, il riconoscimento e l’inquadramento dell’embriologo clinico in Italia.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terzo Congresso SIRU Lazio. Picconeri: «Stop al “turismo procreativo”. Accesso equo e celere alla Pma per tutte le coppie d’Italia»
Al Congresso Regionale tavoli tecnici multidisciplinari per promuovere le Linee Guida sulla Pma. A sostegno della Siru medici, Istituzioni e associazioni dei cittadini
di Isabella Faggiano
Fiera del bimbo sano, Siru: «Così si violano le donne, negare l’autorizzazione»
Tra polemiche sui social e articoli sui giornali è esplosa la protesta per la Fiera Un sogno chiamato Bebè, soprannominata ‘Fiera del bimbo su misura’ di Parigi il 4 e 5 settembre e che dovrebbe approdare il prossimo maggio a Milano. La Società Italiana di Riproduzione Umana (SIRU) che rappresenta il mondo della riproduzione medicalmente […]
PMA, Regioni approvano riparto del Fondo da 5 milioni per accesso a terapie. Mammì (M5S): «Troppo pochi ma è qualcosa»
Il Decreto che ha avuto il via libera dalla Regioni definisce sia il contributo per l’accesso alle prestazioni di cura e diagnosi dell’infertilità sia la ripartizione del Fondo di 5 milioni per il sostegno alle tecniche di PMA. Per la SIRU è ancora troppo poco: «Il punto fondamentale rimane l'applicazione dei LEA che sono già nel nomenclatore dal 2017»
di Francesco Torre
Denatalità, cresce il progetto della SIRU “Aiuta un figlio a nascere: la PMA apre le porte al Parlamento”
Marialucia Lorefice, presidente 12a Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, visiterà il Centro Umr di Sant'Agata Li Battiati (Catania), diretto dal ginecologo Antonino Guglielmino, presidente della SIRU
Procreazione Medicalmente Assistita, la battaglia dell’Onorevole Mammì per cambiare la legge italiana
In visita al centro di eccellenza dell’ospedale Niguarda per il progetto “Aiuta un figlio a nascere” di SIRU, l’esponente pentastellato ha ribadito la volontà di uniformare la legge a quella europea e ridurre le disparità di accesso tra regioni italiane
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco