Lavoro 9 dicembre 2014

I medici Inail reclamano un ruolo diverso nel Ssn

Rivendicano una tipologia contrattuale che permetta di integrarsi meglio nel sistema sanitario

Immagine articolo

Sette milioni e mezzo di prestazioni sanitarie erogate in un anno, di cui 683 mila per prime cure presso i 131 ambulatori diffusi sul territorio nazionale. Sono i numeri dell’ “esercito invisibile” dei medici Inail.

Sono duemila in Italia, poco meno di mille hanno il contratto di specialisti ambulatoriali e circa 500 sono Dirigenti medici con contratto di dipendenza (specialisti in medicina legale, del lavoro o fisiatria) e per la stragrande maggioranza sono iscritti all’Anmi. Il sindacato, affilato alla COSMeD, ha voluto accendere i riflettori su questa categoria nel Congresso Nazionale della scorsa settimana. Un’occasione per confrontarsi ma anche per porre con forza la necessità di potersi integrare meglio nel Sistema sanitario nazionale e regionale. “Facendo comprendere – ha sottolineato nel corso dei lavori il Segretario Nazionale, Giuseppina Salatin – di essere una concreta potenzialità per il Sistema Paese, a patto di superare le difficoltà normativo-contrattuali che hanno, sin qui, reso critico ogni effettivo sviluppo”.

Approfittando della presenza di vertici FNOMCeO e dei rappresentanti delle Commissioni Sanità e Affari sociali delle Camere, i Medici Inail hanno chiesto sostanzialmente un adeguamento del loro ruolo giuridico. “I compiti dei nostri dirigenti – ha fatto notare ancora Giuseppina Salatin – negli ultimi anni sono mutati radicalmente, ma il contratto è rimasto quello dell’area VI degli enti previdenziali. Secondo questo contratto ci sono punti di contatto con la dirigenza del Ssn, fissati con legge 222/84 e Dpr del 1997, ma, pur qualificandoci “Dirigenti” ed assumendo responsabilità importanti, non siamo la stessa cosa dei dirigenti Ssn”. In sostanza le responsabilità cozzano con il ruolo “senza titoli” del Dirigente medico Inail.

Una situazione da sanare sia per rispondere ad esigenze di funzionalità sia per l’ottimizzazione dei costi nel contesto di adeguatezza nella gestione delle risorse economiche, logistiche e umane che il Ssn si è posto come obiettivo da raggiungere. In un momento di delicata trasformazione ed evoluzione dei bisogni di salute, la sanità non può sottrarsi a questo processo di cambiamento. E per farlo sarà importante anche trovare l’adeguata dimensione per questa fetta di professionisti decisivi per gli equilibri di sostenibilità del sistema sanitario e per garantire alle future generazioni un’assistenza nazionale pubblica e universale.

Articoli correlati
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Spot risarcimento danni, Fnomceo e sindacati chiedono intervento della Grillo. E la Rai sospende la messa in onda
La questione approda in Parlamento: M5S chiede ritiro della pubblicità. Filippo Anelli scrive a Vigilanza Rai: «Stato tuteli SSN». Magi (OMCeO) Roma: «Messaggio che scredita sanità». E intanto partono le denunce...
FNOMCeO, “Obiettivo dignità”: i medici lanciano petizione online contro gli spot che sollecitano risarcimenti danni in ambito sanitario
Una petizione online per chiedere al Ministro della Salute, Giulia Grillo, di sollecitare «l’adozione di strumenti di controllo preventivo, al fine di evitare che messaggi distorti, veicolati su canali pubblici, arrechino danno al Servizio Sanitario nazionale, che, nonostante tutte le difficoltà, assicura elevati livelli certificati di tutela della salute e di assistenza ai cittadini» È […]
Stati Generali professione medica, si parte a gennaio. Anelli (FNOMCeO): «Regaliamo allo Stato 500 milioni di euro in ore di lavoro non retribuite»
Dal 2019 al 2020 sei simposi nazionali e 106 incontri. Cambierà anche il codice deontologico. Il presidente della Federazione: «Alla fine sarà stilata la Magna Carta del medico per orientare gli Ordini nelle scelte di politica sanitaria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...