Lavoro 28 Aprile 2022 09:37

Giornata per la sicurezza sul lavoro. L’annus horribilis della sanità: nel 2020 infortuni aumentati del 180%

D’amico (Anmil): «Negli ultimi due anni 191 mila infortuni sul lavoro sono stati causati da infezione da Covid-19. Il 73% si sono verificati in sanità, in 4 casi su 10 tra gli infermieri. Oltre 800 persone, tra coloro che hanno contratto il virus, hanno pagato con la vita»

Giornata per la sicurezza sul lavoro. L’annus horribilis della sanità: nel 2020 infortuni aumentati del 180%

Le donne sono state le più colpite, ma sono principalmente gli uomini ad aver pagato con la vita. «Tra il 2020 e il 2021 sono 191 mila gli infortuni sul lavoro, denunciati all’Inail, causati da Covid-19. Il 73% si sono verificati in sanità. In 131 mila casi, circa il 68%, le vittime sono di sesso femminile. Percentuale che si capovolge se si osservano i dati relativi alle persone che hanno perso la vita a causa di Sars-CoV-2 contratto su luogo di lavoro: su 811 morti in 24 mesi (2020-21) 669 sono uomini».

È questa la fotografia scattata, per Sanità Informazione, da Franco D’amico, responsabile dei servizi statistici Anmil (Associazione nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro) che, in occasione della Giornata Mondiale per la Salute e la Sicurezza nei luoghi di lavoro 2022, ha elaborato i dati dell’Open data Inail.

Nel 2020 boom di infortuni in sanità

L’incidenza degli infortuni sul lavoro è stata fortemente influenzata dalla pandemia da Covid-19, tanto che con il decreto 18 del 17 marzo del 2020 l’infezione da Sars-CoV-2 è stata equiparata a qualsiasi altro infortunio sul lavoro. «Il condizionamento del Covid ha agito in due diverse direzioni – spiega D’Amico -. Da un lato, la crisi economica scaturita dai ripetuti lockdown, nel 2020 ha bloccato molte attività produttive. Dall’altro, l’emergenza in corso ha aumentato il carico di lavoro in sanità. Di conseguenza, in tutti quei settori in cui c’è stata la chiusura totale, un ridimensionamento o l’adozione dello smart-working gli incidenti sono nettamente calati. Al contrario, in ambito sanitario gli infortuni sono aumentati del 180%, passando dai 30 mila del 2019 agli 84 mila del 2020. Nello stesso anno 67 sanitari hanno pagato con la vita. In precedenza, gli infortuni mortali in sanità oscillavano tra i 15 e i 20 ogni dodici mesi».

Nel 2021 infortuni in calo in sanità

Nel 2021, a seguito della ripresa, seppur lenta, dell’economia, gli infortuni sui luoghi di lavoro extra-sanitari sono tornati a crescere come negli anni pre-pandemia. «In sanità, invece, la situazione è nettamente migliorata – racconta il responsabile dei servizi statistici Anmil -. Nel 2021 si sono verificati 40 mila infortuni tra medici e professionisti sanitari, con un calo del 52%. Quelli mortali, con 21 casi totali, sono diminuiti del 70%».

Chi e dove è vittima di infortunio in sanità

Sono gli infermieri le principali vittime del Covid-19 (40% del totale), seguiti dagli OSS (20%), medici (6%) e personale ausiliario (5%). Anche la distribuzione geografica degli infortuni appare tutt’altro che omogenea: in Lombardia si sono verificati il 27% degli incidenti, il 15% Piemonte, segue il Veneto con 11 punti percentuali, poi Emilia Romagna con 9 , Lazio 6, Toscana e Liguria 5%. Già disponibili alcuni dati parziali relativi all’anno in corso: «Durante il primo bimestre del 2022 i casi di infezioni da Covid-19 contratti sul luogo di lavoro sono stati 19 mila, contro i 10.550 dello stesso periodo dello scorso anno», dice D’Amico.

I danni collaterali

Gli infortuni sul lavoro Covid-correlati rappresentano circa l’80% del totale, «il restante 20% è dovuto a scivolamenti, urti, strappi che si verificano a seguito di sollevamento di cose o persone che pesano eccessivamente», sottolinea l’esperto. Per avere dati relativi a malattie professionali associate a disagi o disturbi psicologici, invece, bisognerà attendere ancora un po’. «Stress e sindrome da burnout hanno senza dubbio colpito medici e infermieri in questo periodo di pandemia, più che in qualsiasi altro momento, per l’enorme carico di lavoro che si sono trovati a gestire. Ma quali siano le reali conseguenze provocate e quante persone abbiano effettivamente colpito lo potremmo rilevare solo nelle statistiche successive in cui – conclude – sarà possibile valutare anche gli esiti a lungo termine della pandemia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata mondiale sicurezza e salute sul lavoro: ANMIL propone testimonial in aziende e scuole
L’obiettivo dell’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati ed Invalidi del Lavoro) è accendere i riflettori sulla piaga sociale della mancanza di prevenzione nei luoghi di lavoro e delle malattie professionali
A 29 anni dalla Legge 257/92, si muore ancora di amianto
Secondo recenti stime, ci sono 32 milioni di tonnellate di amianto che minacciano il territorio nazionale, 38 mila siti a rischio e circa un miliardo di metri quadrati di coperture in eternit sui tetti di case, scuole e fabbriche. Per sostenere gli esposti all’asbesto l’ANMIL istituisce la Commissione Amianto
di Isabella Faggiano
8 marzo 2021. La voce delle donne in Sanità
In occasione della Festa della Donna, quattro professioniste - una geriatra, una psicologa, una neolaureata in Medicina e un’infermiera - raccontano, a Sanità Informazione, le difficoltà che una donna affronta nel mondo del lavoro ai tempi del Covid-19
di Isabella Faggiano
Covid, sesto Report Inail: 50mila contagi sul lavoro in Italia, il 40% dei decessi in Sanità
Al 30 giugno si tocca quasi quota 50mila contagi sul lavoro denunciati all'Inail. I più colpiti sono i professionisti della Sanità, nello specifico i tecnici. Solo in questa categoria il 40% delle denunce e l'11,8% delle morti
Dati Inail, Regimenti (Lega): «Infermieri più colpiti dal virus, Governo li tuteli»
«Rivolgo un appello accorato al Governo: non dimentichi gli operatori della sanità, che tanto hanno dato nel momento più virulento della pandemia, sacrificando se stessi e la propria famiglia» sottolinea l'eurodeputato della Lega commentando i dati Inail dal 15 al 30 giugno sui contagi dal Covid-19 al lavoro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...