Lavoro 7 Novembre 2022 12:34

Giornata internazionale della Fisica Medica, il punto su professione e sostenibilità

Obiettivo della Giornata: dare visibilità a una professione ancora poco nota al grande pubblico ma indispensabile nel sistema sanità e nelle strutture ospedaliere

Giornata internazionale della Fisica Medica, il punto su professione e sostenibilità

Il 7 novembre 2022, anniversario della nascita di Marie Curie (scopritrice del Radium, utilizzato per decenni nelle cure di radioterapia oncologica), si celebra la Giornata Internazionale della Fisica Medica, proclamata dall’International Organization for Medical Physics. Obiettivo della Giornata: dare visibilità a una professione, quella del Fisico Medico, ancora poco nota al grande pubblico, ma indispensabile nel sistema sanità e nelle strutture ospedaliere per garantire che ogni indagine, ogni prestazione, ogni terapia con radiazioni, ionizzanti o non, possa fornire il miglior risultato con il minimo rischio per il paziente.

«Cogliamo l’occasione di questa Giornata per fare i nostri migliori auguri di buon lavoro al nuovo Governo – dichiara il presidente AIFM (Associazione Italiana di Fisica Medica e Sanitaria) Carlo Cavedon – e in particolare al Ministro della Salute, Prof. Orazio Schillaci, al quale offriamo da subito il nostro massimo supporto e collaborazione per rispondere alle sfide di questa delicata fase storica, in particolare per quanto riguarda l’omogeneità sul territorio nazionale della garanzia per i pazienti offerta dalla presenza del Fisico Medico nelle strutture sanitarie. È funzionale a questo anche il completamento del percorso che deve portare all’equiparazione delle Scuole di specializzazione in Fisica Medica alle altre Scuole di specializzazione di area medica, in particolare per quanto riguarda la disponibilità di contratti per gli specializzandi, che sono tuttora discriminati rispetto ai colleghi medici».

Le strutture di Fisica sanitaria sono tra quelle ritenute indispensabili dal DM 70/2015. Tale Decreto riconosce che la presenza di Servizi di Fisica Sanitaria risulti imprescindibile laddove siano presenti Strutture di Radioterapia e Medicina Nucleare e che tali strutture siano modulate e dimensionate rispetto al bacino di utenza. In particolare, deve essere presente una struttura complessa per un bacino di utenza da 600.000 a 1.200.000 abitanti. Il ruolo dello Specialista in Fisica Medica è centrale nella radioprotezione del paziente, ruolo sancito dal D.Lgs. 101/2020, che abbraccia aspetti che vanno dalla scelta e gestione delle apparecchiature radiologiche alla garanzia di qualità e sicurezza sulle singole prestazioni erogate. Però in alcune Regioni italiane le Strutture complesse di Fisica Sanitaria sono ancora inesistenti e il numero di dirigenti fisici è sottodimensionato nonostante il programma degli interventi preveda ammodernamenti strutturali e tecnologici mediante l’acquisizione di apparecchiature complesse e tecnologicamente avanzate che fanno uso di radiazioni ionizzanti e non ionizzanti che necessitano di controlli sempre più accurati e frequenti da parte del fisico medico.

«La Fisica medica può dare un forte contributo al Servizio Sanitario Nazionale, valutando con competenza il reale valore aggiunto della tecnologia emergente e essere d’ausilio all’efficace ed efficiente utilizzo delle risorse – spiega il presidente AIFM Carlo Cavedon – . È necessario che le strutture autonome di Fisica Sanitaria siano mantenute, incoraggiate, potenziate, sviluppate, anche trasmettendo ai giovani l’interesse e la passione per questa branca della Fisica».

AIFM organizza e celebra a Napoli la Giornata Internazionale della Fisica Medica, dedicata dall’IOMP per il 2022 al tema “Medical Physics for Sustainable Healthcare”. L’evento porrà attenzione alle sfide che la Fisica Medica deve attualmente affrontare, al futuro di questa disciplina e di come questa possa essere applicata in nuovi ambiti, in un’epoca di continui cambiamenti. A partire da un racconto sulle radici della Fisica Medica italiana e sui punti di forza che ne hanno permesso l’incessante sviluppo, si rifletterà sul ruolo di questa disciplina individuando gli ambiti nei quali essa può essere strumento per l’uso ottimizzato delle risorse, in ambito scientifico e professionale. Particolare attenzione sarà dedicata all’intelligenza artificiale, grazie alla quale si possono realizzare, in modo automatizzato, valutazioni quantitative finalizzate al rilevamento, alla caratterizzazione e al monitoraggio di malattie diventando un importante supporto per il radiologo. È chiaro che per utilizzare al meglio tutte le tecnologie al momento disponibili e crearne di nuove è necessario un approccio multidisciplinare comprensivo di tutti gli specialisti coinvolti nell’iter diagnostico e terapeutico col fine di ottimizzare le risorse e migliorare le prestazioni. In questo contesto, il fisico medico (applicando i concetti e le metodologie della fisica alla medicina) garantisce efficienza e appropriatezza nell’impiego delle tecnologie e quindi svolge un ruolo essenziale nei campi della diagnostica per immagini e della terapia con agenti fisici e della prevenzione. Le attività del fisico medico sono rivolte al miglioramento e all’ottimizzazione dei percorsi diagnostici e terapeutici, allo sviluppo e alla valutazione di nuove apparecchiature e tecnologie biomediche di elevata complessità, alla creazione di modelli matematici per descrivere fenomeni o prevedere eventi, al suggerire misure da adottare per la sicurezza di pazienti e lavoratori dai rischi correlati all’uso di radiazioni e più in generale di agenti fisici.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa