Lavoro 23 Gennaio 2024 16:56

Ferie non godute. Del Rio (Consulcesi): «Si allarga bacino dei potenziali beneficiari, sì ai dimissionari volontari» 

Dopo sentenza Ue, aumenta a 600 milioni di euro la cifra dei rimborsi potenziali solo in ambito medico. Del Rio: «Chi è andato in pensione dieci anni fa può ancora richiedere l’indennità»

Ferie non godute. Del Rio (Consulcesi): «Si allarga bacino dei potenziali beneficiari, sì ai dimissionari volontari» 

L’Europa bacchetta nuovamente l’Italia sul tema del risarcimento delle ferie annuali retribuite non godute: vanno pagate anche in caso di dimissioni volontarie del dipendente pubblico.  Cosa cambia a seguito della sentenza Ue? Secondo il network legale Consulcesi, quanto stabilisce la sentenza della Corte di Giustizia Europea lo scorso 18/01/2024 allarga le maglie delle potenziali azioni legali dei dipendenti pubblici ai danni delle aziende a migliaia di possibili nuovi casi. «Se le aziende non si adegueranno agli standard operativi stabiliti dalla Corte di Giustizia UE, – avverte l’Avvocato Francesco Del Rio di Consulcesi – le ripercussioni potrebbero essere molto serie per quanto riguarda il riconoscimento dell’indennità per le ferie non godute del personale sanitario». Infatti, basti pensare che l’ultimo rapporto di Anao Assomed riferisce di oltre 5 milioni di giornate di ferie arretrate a carico di medici e dirigenti sanitari, affermano i legali Consulcesi. Questo significa, sulla base delle ultime sentenze della Corte Europea, tra cui l’ultima che comprende i dimissionari volontari, che in caso di cessazione del rapporto di lavoro, lo Stato si troverebbe di fronte ad un potenziale esborso di oltre 600 milioni di euro, solo in ambito sanitario.

La nuova sentenza UE su ferie non godute

Lo scorso 18/01/2024, la Corte di Giustizia Europea ha pubblicato una sentenza con cui è nuovamente intervenuta riguardo alla giusta interpretazione che tutti gli Stati membri (in particolare, l’Italia coinvolta direttamente nel procedimento appena concluso), devono alla disciplina comunitaria sull’indennità finanziaria per le ferie annuali retribuite non godute dal dipendente pubblico al termine del suo rapporto di lavoro. Il caso prende le mosse dalla domanda presentata da un ex dipendente pubblico del Comune di Copertino che, impugnando il rifiuto avanzato dall’ente alla sua richiesta di liquidazione dell’indennità per le ferie non godute in quanto dimessosi volontariamente, lo aveva convenuto in giudizio insistendo per l’accoglimento della sua pretesa economica. «La sentenza Ue allarga il bacino dei potenziali richiedenti anche ai dimissionari volontari – commenta Francesco Del Rio, avvocato Consulcesi esperto in tema di ferie non godute – Questa novità, associata alle precedenti sentenze in materia di diritti dei lavoratori, fa in modo che anche chi è andato in pensione dieci anni fa per dimissioni volontarie, sia ancora in tempo a pretendere il risarcimento del danno».

I principi fondamentali dichiarati dalla giurisprudenza europea

Dal 2018 fino ad oggi, la Corte di Giustizia Europea è incessantemente impegnata in un lavoro di corretta interpretazione dei principi fondamentali previsti dalla direttiva 2003/88 e, più segnatamente, di quelli relativi alle modalità che presiedono il legittimo godimento delle ferie annuali, ivi incluso il riconoscimento di eventuali indennità sostitutive in caso di mancata fruizione, perciò le cause legate alle ferie annuali retribuite che pervengono alla Corte sono in costante aumento. Per quanto riguarda i tempi e le modalità giusti per richiedere un indennizzo, la Corte Ue ha affermato che, trattandosi di un diritto (ossia quello di richiedere la monetizzazione delle ferie non godute) che insorge soltanto nel momento in cui viene a cessare il rapporto lavorativo, prima vigendo il divieto di legge, il termine di prescrizione non può che iniziare a decorrere da quando il medico è entrato in pensione ovvero, per altri motivi, ha concluso il suo vincolo di lavoro e non dall’anno a cui competono i giorni di ferie non goduti. Questo significa che anche coloro che hanno cessato il loro rapporto di lavoro molti anni fa, e fino al massimo del termine prescrizionale di 10 anni, possono ancora legittimamente reclamare il pagamento dell’indennizzo per i giorni di ferie maturati durante il lavoro e non fruiti per ragioni organizzative.

Le vittorie di Consulcesi

Da anni il Gruppo Consulcesi sta portando avanti una serie di battaglie legali per far valere, secondo il più ampio respiro europeo, i diritti di coloro che, per anni, hanno sacrificato le loro ferie per senso di responsabilità verso il proprio lavoro. Consulcesi è in particolar modo al fianco di medici e professionisti sanitari che davanti all’atteggiamento di chiusura delle loro ex aziende, sono riusciti ad ottenere in tempi brevi sentenze ampiamente favorevoli, con conseguente riconoscimento di ottimi riscontri economici. Grazie ai successi ottenuti nelle cause patrocinate dai legali del network di Consulcesi (tra le tante, si segnala Tribunale di Roma, Chiesti, Macerata ecc…), i nostri clienti hanno già ricevuto indennizzi che vanno dai 20 mila agli oltre 55 mila euro per ciascuna posizione, con l’ulteriore rimborso delle spese di lite sostenute per la difesa e fino ad ora sono stati recuperati oltre 200mila euro a favore dei medici che hanno chiesto aiuto a Consulcesi.

Il servizio dedicato ai clienti Club

Per tutti i clienti di Consulcesi Club che hanno stipulato un contratto di lavoro con il Servizio Sanitario Nazionale, attualmente cessato per dimissioni, pensionamento o altro con un residuo di ferie non godute nel corso del rapporto, viene offerta gratuitamente una dettagliata consulenza legale, con valutazione dei presupposti per la presentazione della domanda di monetizzazione e relativa quantificazione economica del credito potenzialmente reclamabile.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...