Lavoro 25 giugno 2018

Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»

«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente

Immagine articolo

«Questa vittoria la dedico a mio padre che ha coperto economicamente il periodo della formazione specialistica e, anche se oggi non c’è più, so che se potesse vedermi sarebbe molto felice». Si commuove Marzia Caproni, specialista in dermatologia e venereologia, mentre riceve l’assegno di rimborso firmato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per il riconoscimento degli anni di specializzazione non pagati all’epoca della formazione. La Dottoressa Caproni è una dei tantissimi medici specializzati tra il 1978 e il 2006 che, durante la formazione universitaria, non ottennero il corretto trattamento economico e che, grazie alle azioni collettive portate avanti da Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario, hanno visto il riconoscimento del loro diritto.

Proprio in questi giorni oltre 470 medici provenienti da tutta Italia, con una netta prevalenza degli specialisti fiorentini e delle altre province toscane, hanno ricevuto a Firenze gli assegni di rimborso per un ammontare complessivo di oltre 15 milioni di euro. «La battaglia è ancora in corso ed è lunga – commenta Marco Tortorella, avvocato specialista nel contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi -. Abbiamo potuto dare anche un nuovo vigore a queste cause grazie ad un parere pro veritate che affronta alcune questioni molto importanti come il tema della prescrizione e il tema della liquidazione del danno. Speriamo che l’evoluzione giurisprudenziale non finisca qui e che prosegua il suo sviluppo per riconoscere i diritti ai medici e l’adeguata remunerazione a chi non l’ha ottenuta a suo tempo».

LEGGI ANCHE: LA VOCE DEI MEDICI CHE HANNO OTTENUTO IL RIMBORSO PER LA SPECIALIZZAZIONE: «LA TENACIA PREMIA SEMPRE»

«Il diritto è diritto ed è giusto pretendere che sia rispettato» commenta ai nostri microfoni Francesco Di Costanzo, Direttore del reparto di Oncologia medica del Careggi di Firenze, anche lui rimborsato per gli anni di specializzazione non riconosciuti. «Si deve creare una mentalità dal punto di vista sociale del cittadino che quello che è dovuto lo Stato lo deve restituire – aggiunge -. D’altro canto il cittadino le tasse le deve pagare ed è giusto che lo faccia, così lo Stato non può negare diritti sacrosanti. Credo che si tratti di una manifestazione di civiltà».

«Indubbiamente rispetto al passato – conclude l’Avvocato Tortorella -, le cause si sono velocizzate trattandosi di cause con prove documentali che non richiedono tanta attività da fare. Auspico che si continui ad arrivare a decisioni importanti in tempi più rapidi possibile».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, PER PARERE PRO VERITATE LA PRESCRIZIONE NON È SCATTATA. MASSIMO TORTORELLA, PRESIDENTE CONSULCESI: «È IL MOMENTO GIUSTO PER FARE CAUSA»

Articoli correlati
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Numero chiuso, irregolarità? Avvocato Saurini (Consulcesi): «Vogliamo realizzare sogno di tanti giovani»
«Violazioni dell’anonimato, utilizzo di telefonini: tutti gli anni purtroppo si ripetono difformità materiali e burocratiche, ecco cosa fare» così Sara Saurini, legale del network di riferimento per la tutela dei medici
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila