Lavoro 25 giugno 2018

Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»

«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente

Immagine articolo

«Questa vittoria la dedico a mio padre che ha coperto economicamente il periodo della formazione specialistica e, anche se oggi non c’è più, so che se potesse vedermi sarebbe molto felice». Si commuove Marzia Caproni, specialista in dermatologia e venereologia, mentre riceve l’assegno di rimborso firmato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per il riconoscimento degli anni di specializzazione non pagati all’epoca della formazione. La Dottoressa Caproni è una dei tantissimi medici specializzati tra il 1978 e il 2006 che, durante la formazione universitaria, non ottennero il corretto trattamento economico e che, grazie alle azioni collettive portate avanti da Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario, hanno visto il riconoscimento del loro diritto.

Proprio in questi giorni oltre 470 medici provenienti da tutta Italia, con una netta prevalenza degli specialisti fiorentini e delle altre province toscane, hanno ricevuto a Firenze gli assegni di rimborso per un ammontare complessivo di oltre 15 milioni di euro. «La battaglia è ancora in corso ed è lunga – commenta Marco Tortorella, avvocato specialista nel contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi -. Abbiamo potuto dare anche un nuovo vigore a queste cause grazie ad un parere pro veritate che affronta alcune questioni molto importanti come il tema della prescrizione e il tema della liquidazione del danno. Speriamo che l’evoluzione giurisprudenziale non finisca qui e che prosegua il suo sviluppo per riconoscere i diritti ai medici e l’adeguata remunerazione a chi non l’ha ottenuta a suo tempo».

LEGGI ANCHE: LA VOCE DEI MEDICI CHE HANNO OTTENUTO IL RIMBORSO PER LA SPECIALIZZAZIONE: «LA TENACIA PREMIA SEMPRE»

«Il diritto è diritto ed è giusto pretendere che sia rispettato» commenta ai nostri microfoni Francesco Di Costanzo, Direttore del reparto di Oncologia medica del Careggi di Firenze, anche lui rimborsato per gli anni di specializzazione non riconosciuti. «Si deve creare una mentalità dal punto di vista sociale del cittadino che quello che è dovuto lo Stato lo deve restituire – aggiunge -. D’altro canto il cittadino le tasse le deve pagare ed è giusto che lo faccia, così lo Stato non può negare diritti sacrosanti. Credo che si tratti di una manifestazione di civiltà».

«Indubbiamente rispetto al passato – conclude l’Avvocato Tortorella -, le cause si sono velocizzate trattandosi di cause con prove documentali che non richiedono tanta attività da fare. Auspico che si continui ad arrivare a decisioni importanti in tempi più rapidi possibile».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, PER PARERE PRO VERITATE LA PRESCRIZIONE NON È SCATTATA. MASSIMO TORTORELLA, PRESIDENTE CONSULCESI: «È IL MOMENTO GIUSTO PER FARE CAUSA»

Articoli correlati
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
Ferie non godute, ecco quando (e perché) vanno monetizzate. L’Avv. Croce (Consulcesi & Partners): “Anche la giustizia Ue dalla nostra parte”
Lo studio legato alla principale realtà di tutela dei camici bianchi spiega a Sanità Informazione perché i professionisti hanno diritto ad un risarcimento: “Le direttive della CGUE, che si sovraimpongono al nostro ordinamento, confermano i nostri principi. Nei ricorsi punteremo su questo”
Spot, Consulcesi: «Basta odio, lanciamo Tribunale della Salute»
Massimo Tortorella, Presidente del gruppo leader della tutela medica, lancia la proposta di una camera di compensazione
Sanità, ferie non godute: i camici bianchi non perdono il diritto all’indennità
Medici e operatori sanitari, a causa delle ormai croniche carenze di organico, arrivano alla pensione anche con 300 giorni di ferie non godute. Corte Giustizia Ue: Diritto all'indennità anche se lavoratore non ha richiesto di fruirne durante il periodo di servizio. Consulcesi: «Al datore di lavoro l'onere di dimostrare di aver adottato le misure necessarie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano