Lavoro 21 Novembre 2017 12:30

Emendamento ex specializzandi, Consulcesi: «Insistere su soluzioni di buon senso»

Massimo Tortorella, Presidente del gruppo che garantisce tutela legale dei medici, interviene sulla discussione parlamentare in corso sulla Legge di Bilancio

«Tutelando il diritto dei medici e salvaguardando le casse dello Stato si risparmierebbero almeno due miliardi» così in una lettera alla stampa Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi, punto di riferimento del mondo medico sul fronte della responsabilità professionale dei medici, in riferimento all’articolo  sull’emendamento per i rimborsi agli ex specializzandi proposto alla Legge di Bilancio.

«In relazione all’articolo pubblicato sulla bocciatura dei primi emendamenti alla Legge di Bilancio – prosegue il Presidente – riteniamo che sarebbe francamente un’occasione mancata accantonare, ancora una volta,  la responsabile soluzione politica alla lunga vertenza giudiziaria tra lo Stato ed i medici che si sono specializzati tra il 1978 ed il 2006. Da ormai oltre venti anni, Consulcesi ha permesso che il loro diritto negato (in violazione delle direttive Ue in materia) fosse riconosciuto dai tribunali di tutta Italia».

«La nostra determinazione, rafforzata dalla fiducia di migliaia di medici, ha creato un orientamento giuridico ormai favorevole ai ricorrenti. Sentenze e rimborsi ne sono, in tal senso, una inequivocabile testimonianza. Talmente chiara che, di fronte ad una vera e propria emorragia di fondi pubblici ed al rischio di un esborso complessivo di oltre 5 miliardi di euro, si continua a sostenere, ancora oggi e in maniera assolutamente bipartisan, l’esigenza di un accordo transattivo. In questa direzione – prosegue – va anche l’emendamento, presentato dal senatore Pietro Aiello con il sostegno della senatrice Laura Bianconi, capogruppo di Alternativa Popolare (A.P.), partito attualmente forza di governo. Seppur bloccato ora in Commissione Bilancio, quell’emendamento verrà presentato comunque in Aula dal senatore Aiello e proprio per il suo intento siamo certi che troverà il sostegno di quanti ritengono ormai improcrastinabile chiudere la vicenda: tutelando il diritto dei medici e salvaguardando le casse dello Stato, che risparmierebbe almeno due miliardi. Una cifra che potrebbe essere reinvestita per migliorare la qualità dei servizi offerta ai cittadini ma anche per quei punti centrali nelle agende sindacali: più borse di studio per le scuole di specializzazione, sblocco del turn over, rinnovo dei contratti».

«Per questo auspichiamo un ampio coinvolgimento di tutte le forze deputate a tutelare il diritto dei medici. Noi continueremo a farlo nelle aule dei Tribunali, ovvero nelle sedi di nostra competenza, con il mandato che continuano a darci i nostri oltre 100mila medici. Sarebbe peraltro opportuno che la politica e le istituzioni finalmente si riappropriassero di una competenza che è loro propria, togliendola quindi ai Tribunali – conclude -. Siamo altresì pronti a mettere in campo altre iniziative per sostenere le loro ragioni e far sentire la loro voce alla politica e alle istituzioni, stimolando una chiusura della vertenza ispirata dal buon senso. Ad ogni modo, se c’è una cosa che abbiamo imparato insieme ai nostri medici, da questa lunga storia è che la giustizia, per quanto lunga e tortuosa possa sembrare, alla fine arriva sempre e per questo “chi la dura, la vince».

Articoli correlati
Sbrollini (Italia Viva): «Chiederei scusa agli ex specializzandi per i ritardi. Ora tocca ai tribunali»
Subito dopo il question time in Senato, abbiamo incontrato la senatrice Daniela Sbrollini di Italia Viva, che ha posto alla ministra Maria Cristina Messa il quesito sull'ingiustizia subita dai medici specializzandi dall'83 al 91
Ex specializzandi. La ministra Messa: «Ci impegneremo a porre rimedio con ogni utile iniziativa»
Durante il question time in Senato, di fronte alla domanda della senatrice Sbrollini, la ministra Messa ha confermato di essere a conoscenza della recente sentenza della Corte di giustizia europea e rimarcato l'intenzione di porre fine all'ingiustizia
Ex specializzandi, Pagano: «Interessi e rivalutazione monetaria, il Parlamento ne tenga conto»
Il Senatore: «È opportuno che la politica e le istituzioni si facciano carico di un’esigenza e facciano capire che l’Italia rispetto a questo provvedimento non sia un paese di serie B, visto che siamo uno dei paesi fondatori dell’UE»
Cure palliative: solo 1 paziente con ictus su 5 riceve consultazione
Rosaria Alvaro (SISI): «Necessaria maggiore cultura di questi trattamenti». Con il nuovo corso Consulcesi Club i camici bianchi ampliano il loro sguardo su cure palliative
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali