Lavoro 3 maggio 2018

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai stata attuata. Ora puntiamo al riconoscimento delle differenze retributive»

Una recentissima sentenza del Tribunale di Roma ha riconosciuto a 145 medici ex specializzandi ’93-2006 il diritto all’aumento triennale delle borse di studio, negato durante la formazione post-laurea nonostante fosse previsto dal Contratto Collettivo nazionale dei medici neoassunti. Il Tribunale ha stabilito che «si deve riconoscere in favore dei medici specializzandi il diritto a beneficiare della rideterminazione triennale dell’importo percepito a titolo di borsa di studio, in funzione del miglioramento stipendiale tabellare minimo previsto dal CCNL del S.S.N. dei medici neo assunti, ai sensi dell’art. 6, comma 1, del d.l.vo n. 257/1991». Ma cosa cambia, nello specifico, grazie a questa sentenza, e quali sono i prossimi ostacoli da superare nelle aule dei tribunali per i medici ex specializzandi? Ce lo spiega l’avvocato Marco Tortorella, tra i principali esperti della questione, con oltre 530 milioni di euro fatti riconoscere dai tribunali in favore dei medici tutelati dal network legale Consulcesi.

Avvocato, una recente sentenza del tribunale di Roma ha dato a 145 ex specializzandi tra il 1993 e il 2006 un diritto molto importante, ci può dire quale?

«Si tratta di una sentenza che segue un’altra analoga emanata sempre del Tribunale di Roma e che riconosce il diritto alla rivalutazione triennale delle somme che i medici hanno percepito durante il loro corso di specializzazione. Questa rivalutazione triennale, questo incremento triennale, era previsto dalla normativa ma non era mai stato attuato. Con questa sentenza il Tribunale di Roma ha riconosciuto, da un lato, il diritto ad avere l’incremento (e per questo è molto importante), dall’altro ha individuato nella Presidenza del Consiglio dei Ministri l’organo deputato a riconoscere questo incremento a titolo risarcitorio come mancata attuazione delle direttive comunitarie».

Cosa cambia con questa pronuncia? È una sentenza che farà giurisprudenza?

«Come tutte le sentenze crea un precedente. Tra l’altro questa sentenza non è isolata ma proprio nella Seconda Sezione del Tribunale di Roma ce n’è un’altra analoga che interviene in una materia che è oggetto di una grande evoluzione giurisprudenziale in questo periodo».

Con le vostre azioni legali avete cambiato spesso la giurisprudenza in favore dei medici, in particolare degli ex specializzandi. Quali sono i prossimi principi da “scardinare”?

«La giurisprudenza la fanno i giudici. Con le azioni che sono state poste in campo da centinaia migliaia di medici c’è stata una grande evoluzione giurisprudenziale in questa materia. La parte che ancora deve vedere un pieno riconoscimento è quella sulle differenze retributive, sulla maggiore remunerazione di cui attualmente godono i medici che svolgono i corsi di specializzazione, ma di cui non hanno beneficiato i medici che hanno svolto i corsi di specializzazione dal 1993 fino al 2006».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Medici nel mirino delle denunce: accusati di errori chirurgici, diagnosi sbagliate e terapie scorrette
Al fianco dei medici scende in campo la task force legale di Consulcesi & Partners, che dopo l'evento al Ministero della Salute ha ricevuto migliaia di segnalazioni: al primo posto ci sono gli errori chirurgici (37,9% dei casi), seguono le diagnosi sbagliate (15,5%) e le terapie scorrette (10,2%)
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Cittadinanzattiva: «Bene “Arbitrato della salute” ma lavorare su prevenzione rischi e corretta comunicazione»
Così si è espressa l'organizzazione in merito alla proposta di Consulcesi volta a trovare una soluzione alle troppe controversie in ambito sanitario. La vicesegretaria Moccia: «Necessario lavorare per ridurre la conflittualità»
Contenziosi sanitari, incontro al Ministero della Salute: «Dialogo e formazione la ricetta delle istituzioni»
Evento Consulcesi al Ministero della Salute con FNOMCeO, Fnopi, Agenas, Cittadinanzattiva e molte altre istituzioni della sanità: «Un Arbitrato della Salute per ridurre il contenzioso tra sanitari e cittadini. Medico in regola con formazione riduce del 40% il rischio di contenziosi». Anelli (presidente FNOMCeO): «Noi medici ci dobbiamo impegnare sulla qualità. La formazione universitaria ed ECM è una garanzia per noi e per i pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...