Lavoro 2 Aprile 2019

Colpa medica, Antonio Panti: «No al penale. Necessaria assicurazione nazionale»

L’ex presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze: «Il diritto è molto più arretrato della medicina, che non può essere ingabbiata in categorie rigide. Bisogna ripensare il rapporto tra società e scienza ed il sistema della responsabilità professionale»

Immagine articolo

Depenalizzare la colpa medica e prevedere una copertura assicurativa nazionale. Sono le due proposte di Antonio Panti, storico presidente dell’OMCeO di Firenze, che hanno sbaragliato il tema sempre attuale della responsabilità professionale.

«Non ha senso colpire l’errore medico sul piano penale – spiega Panti ai nostri microfoni – perché considerato il sistema italiano si rischiano molti anni di spese e angoscia per poi arrivare all’assoluzione». I numeri presentati recentemente al ministero della Salute indicano infatti un tasso di proscioglimento dei camici bianchi che supera il 95%. «I medici possono commettere degli errori – prosegue Panti – e stiamo facendo di tutto perché la sicurezza del paziente venga sempre al primo posto ed il rischio clinico sia ridotto il più possibile. Ed è ovvio che di fronte ad un danno sia necessario un risarcimento, che anzi dovrebbe essere più snello e semplice da ottenere, magari attraverso dei sistemi di mediazione immediatamente attuabili. Tuttavia, ritengo che penalizzare l’errore medico non abbia nessuno scopo pratico, che si può ottenere solo formando il medico che lo ha commesso e magari dandogli delle sanzioni sul piano contrattuale».

C’è poi un altro aspetto che, secondo Antonio Panti, va tenuto in considerazione: «Il diritto è molto più arretrato rispetto alla medicina. Non è possibile ingabbiare in categorie giuridiche, quindi molto rigide e molto rigorose, una materia come la nostra, che invece necessiterebbe di una Legge diversa caso per caso. Si tratta, in fondo, di pensare ad un diverso rapporto tra la società e la scienza, e dobbiamo ripensare completamente il sistema».

Uno stravolgimento che, a detta dell’ex presidente dell’Ordine di Firenze, deve passare attraverso «la previsione di una copertura assicurativa nazionale, come avviene in Francia. È evidente che un giovane ginecologo, neonatologo o ortopedico si trovi in difficoltà a pagare 15-20mila euro l’anno di assicurazione, e allora finisce per ricorrere alla medicina difensiva». Gli alti costi delle assicurazioni per i camici bianchi, e specialmente per quegli specialisti ritenuti più a rischio, sono infatti senz’altro uno dei nodi da sciogliere. Le difficoltà che spesso incontrano nel trovare una compagnia assicurativa sono sotto gli occhi di tutti, senza considerare che anche i medici dipendenti che pensano di essere coperti dalla polizza della struttura possono invece essere chiamati in causa.

«Sono partito da una provocazione – conclude Panti – ma dietro c’è un ragionamento serio che va incontro sia alle esigenze dei cittadini, che hanno diritto ad un giusto risarcimento immediato se subiscono un danno, sia a quelle dei medici, che non vengono riabilitati con lunghi processi o contravvenzioni, ma formandoli alla professione».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITA’ PROFESSIONALE NELLA TOP 5 DEI CASI LEGALI CHE PREOCCUPANO I MEDICI

Articoli correlati
Marco Camisani Calzolari spiega la blockchain in Sanità: «Renderà tutto molto più trasparente»
A Milano il convegno “Responsabilità professionale e arbitrato della salute” è stata l'occasione per presentare tutte le potenzialità in campo sanitario della nuova tecnologia
Rischio clinico e contenzioso, Paola Frati (Medicina legale): «Promuovere formazione di qualità per implementare buone pratiche»
«C’è un costante aumento delle denunce penali contro i medici ma oltre il 60% vanno subito in archiviazione. Se poi seguiamo i processi, un altro 25% sono assoluzioni. Non si arriva al 10% di condanne penali ai sanitari» così il professor Vittorio Fineschi a margine del convegno organizzato all’Università Sapienza di Roma
Magi (OMCeO Roma): «Collaborazione con sindaco Raggi per affrontare affollamento Pronto soccorso»
Intervenuto al convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti”, organizzato all’Università Sapienza di Roma, il presidente dell’Ordine aggiunge: «In arrivo i decreti attuativi della Legge Gelli, che tranquillizzeranno gli operatori e comporteranno risparmi economici»
Legge Gelli, contenziosi in aumento. Cascini (Fond. Italia in Salute): «Gestione del rischio ancora incompiuta»
A più di due anni dall’entrata in vigore della legge 24 sulla responsabilità professionale, il rapporto della Fondazione Italia in Salute registra un aumento dei contenziosi tra medici e pazienti. La responsabile del programma di ricerca Fidelia Cascini: «Non sono causati da malasanità, ma da meccanismi di mercato ancora non governati»
Responsabilità professionale, rischio clinico e gestione del contenzioso: torna l’annuale appuntamento alla Sapienza
«L’idea è quella di coinvolgere più professionalità e aprire un dialogo importantissimo fra specialisti e operatori tecnici che entrano nel merito della gestione del contenzioso e del rischio clinico» spiega Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico del convegno insieme al professor Vittorio Fineschi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...