Lavoro 2 Aprile 2019

Colpa medica, Antonio Panti: «No al penale. Necessaria assicurazione nazionale»

L’ex presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze: «Il diritto è molto più arretrato della medicina, che non può essere ingabbiata in categorie rigide. Bisogna ripensare il rapporto tra società e scienza ed il sistema della responsabilità professionale»

Immagine articolo

Depenalizzare la colpa medica e prevedere una copertura assicurativa nazionale. Sono le due proposte di Antonio Panti, storico presidente dell’OMCeO di Firenze, che hanno sbaragliato il tema sempre attuale della responsabilità professionale.

«Non ha senso colpire l’errore medico sul piano penale – spiega Panti ai nostri microfoni – perché considerato il sistema italiano si rischiano molti anni di spese e angoscia per poi arrivare all’assoluzione». I numeri presentati recentemente al ministero della Salute indicano infatti un tasso di proscioglimento dei camici bianchi che supera il 95%. «I medici possono commettere degli errori – prosegue Panti – e stiamo facendo di tutto perché la sicurezza del paziente venga sempre al primo posto ed il rischio clinico sia ridotto il più possibile. Ed è ovvio che di fronte ad un danno sia necessario un risarcimento, che anzi dovrebbe essere più snello e semplice da ottenere, magari attraverso dei sistemi di mediazione immediatamente attuabili. Tuttavia, ritengo che penalizzare l’errore medico non abbia nessuno scopo pratico, che si può ottenere solo formando il medico che lo ha commesso e magari dandogli delle sanzioni sul piano contrattuale».

C’è poi un altro aspetto che, secondo Antonio Panti, va tenuto in considerazione: «Il diritto è molto più arretrato rispetto alla medicina. Non è possibile ingabbiare in categorie giuridiche, quindi molto rigide e molto rigorose, una materia come la nostra, che invece necessiterebbe di una Legge diversa caso per caso. Si tratta, in fondo, di pensare ad un diverso rapporto tra la società e la scienza, e dobbiamo ripensare completamente il sistema».

Uno stravolgimento che, a detta dell’ex presidente dell’Ordine di Firenze, deve passare attraverso «la previsione di una copertura assicurativa nazionale, come avviene in Francia. È evidente che un giovane ginecologo, neonatologo o ortopedico si trovi in difficoltà a pagare 15-20mila euro l’anno di assicurazione, e allora finisce per ricorrere alla medicina difensiva». Gli alti costi delle assicurazioni per i camici bianchi, e specialmente per quegli specialisti ritenuti più a rischio, sono infatti senz’altro uno dei nodi da sciogliere. Le difficoltà che spesso incontrano nel trovare una compagnia assicurativa sono sotto gli occhi di tutti, senza considerare che anche i medici dipendenti che pensano di essere coperti dalla polizza della struttura possono invece essere chiamati in causa.

«Sono partito da una provocazione – conclude Panti – ma dietro c’è un ragionamento serio che va incontro sia alle esigenze dei cittadini, che hanno diritto ad un giusto risarcimento immediato se subiscono un danno, sia a quelle dei medici, che non vengono riabilitati con lunghi processi o contravvenzioni, ma formandoli alla professione».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITA’ PROFESSIONALE NELLA TOP 5 DEI CASI LEGALI CHE PREOCCUPANO I MEDICI

Articoli correlati
Responsabilità, Mangiacavalli (FNOPI): «Per infermieri polizza facoltativa per sentirsi tranquilli»
La Presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche sottolinea il cambiamento “culturale” portato dalla legge 24 del 2017. Poi spiega quanto fatto sul tema: «Abbiamo firmato un protocollo d’intesa con il Csm per l’attività consulenziale e peritale e lavorato con le nostre società scientifiche per entrare nell'elenco del Ministero»
Sanità, novità in arrivo dalla Cassazione. Il magistrato Vincenti: «Presto una serie di udienze tematiche affronteranno i temi della responsabilità medica»
L’intervento della Suprema Corte si chiama “Progetto Sanità” e punta a garantire un’interpretazione quanto più uniforme e condivisa di alcune questioni di fondamentale importanza. «La Cassazione ha preso atto della giurisprudenza di merito che si sta formando in tema di responsabilità medica e intende arrivare in tempi stretti a costruire il diritto vivente», ha sottolineato Vincenti
Responsabilità professionale, Fondazione Italia In Salute: «Nelle regioni dov’è applicata la legge Gelli diminuiscono i contenziosi»
Presentati alla Camera i primi dati sull’applicazione della legge. Federico Gelli: «Quello che ci sembra interessante è l’andamento tendenziale: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini. Questo mi sembra il primo risultato». Dal report emergono diseguaglianze tra regioni
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Anestesisti rianimatori, Marinangeli (Aaroi-Emac): «Siamo gli angeli custodi della sicurezza dei pazienti»
Il presidente del meeting SAQURE: «I contenziosi sono diminuiti. Disposizioni anticipate di trattamento fondamentali per l’autodeterminazione dei pazienti che devono sottoporsi a qualunque procedura, applicabili anche ai testimoni di Geova che rifiutano le trasfusioni»
Responsabilità professionale nella “Top 5” dei casi legali che preoccupano i medici
Lo rivela uno studio del network legale Consulcesi & Partners che, oltre alla malpractice, elenca tra i “grattacapi” dei medici anche la reiterazione di contratti a tempo determinato da parte della P.A. e le richieste restituzione di indebiti da parte dell’Inps