Lavoro 31 Maggio 2022 10:04

Equo compenso, Di Martino (AMOlp): «Ristabilire tariffario minimo per prestazioni sanitarie libero professionali»

L’Associazione Medici e Odontoiatri liberi professionisti interviene sul disegno di legge in tema di “disposizioni in materia di equo compenso delle prestazioni professionali”, il presidente: «Evitare l’eccessiva corsa al ribasso dei compensi professionali per non compromettere la qualità della prestazioni»

«Stabilire un tariffario minimo per le prestazione sanitarie erogate in regime libero professionale per tutelare sia i pazienti, che i professionisti». È questa la proposta di Sergio Di Martino, presidente dell’Associazione Medici e Odontoiatri liberi professionisti, AMOlp. Una richiesta che potrebbe trovare spazio nel disegno di legge (n. 2419) in esame al Senato in tema di “disposizioni in materia di equo compenso delle prestazioni professionali”.

L’AMOlp, infatti, pur esprimendo la sua soddisfazione per l’impegno e l’attenzione che il Parlamento sta ponendo in questo momento storico su un argomento così importante, ritiene che «così come oggi è strutturato il disegno di legge non risponda appieno alle reali esigenze della categoria libero professionale medica e odontoiatrica», sottolinea Di Martino.

Dl su equo compenso: cosa c’è che non va

«Partendo dal presupposto che per compenso s’intende la corresponsione di una retribuzione proporzionata alla quantità e la qualità del lavoro svolto – continua il presidente dell’Associazione Medici e Odontoiatri liberi professionisti – questo disegno di legge non può essere considerato esaustivo. In particolare, il suo campo di applicazione considera i soli rapporti convenzionali tra professionisti e grossi committenti, pubblica amministrazione, banche, assicurazioni, imprese con più di cinquanta dipendenti o più di dieci milioni di fatturato. Di conseguenza, appare eccessivamente circoscritto. Considerata, infatti, l’estrema delicatezza della professione medica e odontoiatrica ad ogni livello – aggiunge Di Martino -, non pare intervenire, come invece dovrebbe, sull’eccessiva corsa al ribasso dei compensi professionali. Abbassare troppo tariffe, oltre che creare una potenziale concorrenza sleale, può compromettere la qualità delle prestazioni, con potenziali e concreti rischi per l’utenza. Ma ai nostri pazienti dobbiamo poter garantire il diritto alla salute, un bene primario sancito dalla Costituzione italiana».

Le proposte di modifica al DL

Ma non è ancora detta l’ultima parola: c’è ancora tempo per cambiare rotta. Le carenze evidenziate dalla AMOlp sul disegno di legge in tema di “disposizioni in materia di equo compenso delle prestazioni professionali” possono essere colmate proponendo le opportune modifiche al testo in esame. «Soprattutto – ribadisce Di Martino – è necessario ristabilire i tariffari minimi che, seppur aboliti da oltre 15 anni, rappresentano un importante strumento per garantire sia la tutela dei medici che dei loro pazienti». L’abolizione dell’obbligatorietà dei minimi tariffari, infatti, è stata sancita dal cosiddetto decreto Bersani (legge n. 248 del 2006), di conversione del decreto-legge n. 223 del 2006. Per questo, l’AMOlp fa appello a tutti gli schieramenti politici che hanno in esame il disegno di legge al Senato, affinché possa essere instaurato un dialogo proficuo, in grado di estendere l’ambito di applicazione di tale disegno. È necessario prendere in considerazione tutti i tipi di rapporti libero professionali, ma al tempo stesso e proprio per questo – conclude Di Martino -, rivalutare anche l’introduzione di parametri di compenso minimi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici legali chiedono al Ministero del Lavoro equo compenso e minimi salariali
Il segretario nazionale di SISMLA: «Categoria e dignità professionali a rischio per oltre 2000 medici legali. Tariffe irrisorie mettono a rischio la qualità dei servizi»
di Federica Bosco
Giovani medici, Tarsitano (OMCeO Roma): «Lavoro, equo compenso e borse di specializzazione tra le priorità»
È la Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma. Ecco cosa vuole fare per migliorare la situazione dei suoi coetanei
Legge Bilancio 2018: cosa cambia per il comparto sanità? Ecco tutte le novità…
Quali saranno le aree di applicazione della manovra? A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno già si iniziano a tracciare i primi bilanci ma i sindacati restano insoddisfatti…
Equo compenso: Magi (Sumai): «Un diritto per medici giovani e anziani e soprattutto per il cittadino»
«Buone prestazioni di pari passo a corrette retribuzioni: le rappresentanze mediche devono sostenere questo diritto, è vitale per il Sistema ma anche per il Paese» così ai microfoni di Sanità Informazione Antonio Magi, Segretario Generale Sumai-Assoprof
Equo compenso: svolta per i professionisti sanitari? Ma Antitrust lo boccia: restrizione della concorrenza
L’Antitrust boccia le norme sull’equo compenso per tutti i professionisti. «Le tariffe professionali fisse e minime costituiscono una grave restrizione della concorrenza» così l’Autorità guidata da Giovanni Pitruzzella prende le distanze dall’emendamento giunto alla Camera
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali