Lavoro 13 Novembre 2018

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in materia per studi medici e odontoiatrici

Immagine articolo

Anno nuovo, vita nuova. Almeno per quanto riguarda la fatturazione. Infatti dal primo gennaio 2019, scatta l’obbligo di fatturazione elettronica tra privati e la carta finisce nel cassetto. A doversi mettere in regola per non incorrere in sanzioni tutti gli studi medici e odontoiatri: ma cosa serve per emettere la cosiddetta ‘e-fattura’? Quanto tempo occorre e come si conserva? Queste solo alcune delle domande che i professionisti sanitari si stanno ponendo per prepararsi a questa nuova procedura pronta al debutto. A chiarirci le idee Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma che Sanità Informazione ha intervistato.

LEGGI ANCHE: FISCO, E’ IL MOMENTO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI. DE PASCALE (FNOMCeO): «STIPENDI E FATTURAZIONE ELETTRONICA, ECCO COSA CAMBIA»

Da gennaio 2019 studi medici e odontoiatrici saranno obbligati a emettere le fatture elettroniche: cosa cambia per il medico?

«L’obbligo della fatturazione elettronica è stato esteso a tutti i professionisti nei rapporti con il cliente privato, dato che nei confronti della Pubblica amministrazione l’obbligo è già in vigore, quindi anche nei confronti della struttura sanitaria: per esempio all’interno di ambulatori o poliambulatori il medico che fattura alla struttura dovrà fare la fatturazione elettronica, quindi non ci sarà più la possibilità di fare fatture cartacee. Questo è sostanzialmente quello che cambia: non si potranno fare più cartacee, ma dal 1° gennaio 2019 sia nei confronti della PA, per la quale l’obbligo era già in vigore l’obbligo, sia nei confronti di chiunque altro, sarà sempre e soltanto vigente la fatturazione elettronica».

A proposito, la fatturazione elettronica per quali aspetti si differenzia da una fattura cartacea?

«Sostanzialmente gli elementi sono gli stessi: quello che cambia è il mezzo, quindi la fattura elettronica viene redatta un Pc, un tablet o uno smartphone, deve essere trasmessa elettronicamente al cliente tramite ‘sistema di interscambio’ e deve essere conservata digitalmente per 10 anni. Viene trasmessa lo stesso giorno dell’emissione, ma questo avviene anche per la fattura cartacea. Quindi fondamentalmente gli elementi saranno gli stessi: ci sarà sempre nome e cognome del paziente e codice fiscale, si potrà aggiungere la Pec e l’importo ovviamente, però tutta la documentazione sarà elettronica e non è più cartacea».

Per quanto riguarda questo sistema di interscambio, come funziona? Sarà necessaria della formazione o si tratta di un programma semplice?

«L’Agenzia delle entrate ha messo a disposizione un software gratuito che si può scaricare direttamente dal sito dell’agenzia e ha anche una guida fatta molto bene su come si utilizza. Come sostenuto dall’Agenzia delle Entrate questo software non è particolarmente sofisticato, ovviamente non è per chi fa mille fatture al giorno – in quel caso occorre utilizzare altri strumenti informatici -, però non sembra particolarmente complesso, non da necessitare addirittura una formazione. In ogni caso quello che consigliamo è comunque di sentire i propri commercialisti, nella maggior parte dei casi preparati per affrontare questo problema e di gestirlo insieme ai loro clienti medici e odontoiatrici».

Il paziente potrà pretendere comunque una versione cartacea della fattura o in formato pdf?

«Sì, assolutamente sì, si può richiedere la fattura cartacea stampata di quella elettronica, quindi non una fattura cartacea diversa da quella elettronica ma avere la stampa di quella elettronica. Potrà comunque in ogni caso consultare tutte le proprie fatture nell’area riservata dell’Agenzia delle Entrate che ognuno di noi ha all’interno del sito».

Con quanto anticipo gli studi medici dovranno dotarsi di questi strumenti informatici?

«Dato che l’obbligo parte dal 1° gennaio è consigliabile che tutti i medici e odontoiatri si attivino al più presto per mettere in atto ogni azione utile per essere in regola. Sicuramente il primo passo da fare è quello di contattare il proprio commercialista, poi bisognerà che tutti abbiano la Pec (perché ad oggi non tutti ce l’hanno) ed aprire il cassetto fiscale nell’Agenzia delle Entrate, quindi avere le credenziali per entrare in questa famosa area riservata e gestire anche da lì. Ci sono degli adempimenti da fare, ovviamente il 2019 è praticamente domani, quindi bisogna attivarsi il prima possibile per avere tutti questi elementi in modo da arrivare preparati».

Articoli correlati
ECM, OMCeO Roma punta su formazione a distanza. Magi: «Se i medici non riescono ad aggiornarsi è anche colpa del blocco del turn-over»
L’Ordine dei Medici di Roma in prima linea per promuovere la formazione continua. Il Presidente Antonio Magi: «Corsi a distanza e aggiornamenti gratuiti per i medici. Per i cittadini educazione alla prevenzione ed alla gestione delle emergenze»
di Isabella Faggiano
Carenza specialisti, Foad Aodi (Amsi e Omceo Roma): «Meno 60mila specialisti nel 2025, investire sui giovani medici e stabilizzare i colleghi stranieri presenti in Italia»
Si parlerà anche della carenza di medici specialisti e di Medicina Generale, e delle possibili soluzioni, al tavolo tecnico di prossima istituzione presso il Ministero della Salute, che coinvolgerà la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo) e l’Associazione Medici stranieri in Italia (Amsi), e che sarà dedicato a Sanità e […]
Vaccini, emendamento M5S-Lega cancella obbligo certificazione. Zingaretti: «Nel Lazio non si cambia»
La norma a prima firma Sileri-Cantù-Fregolent prevede che «la presentazione della documentazione comprovante l'effettuazione delle vaccinazioni non costituirà più requisito di accesso al servizio, alla scuola, al centro di formazione professionale». Il sottosegretario Bartolazzi frena: «Nessun passo indietro sulla volontà di una legge di buon senso che garantisca il diritto all'istruzione e il diritto alla salute di tutti». Magi (OMCeO Roma): «Senza obbligo politica dovrebbe dirci come intende garantire le coperture»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Contenziosi, Magi (OMCeO Roma): «Bisogna eliminare cause in tribunale e arrivare a mediazione tra medici e pazienti»
Il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute e parla dello sportello che ha istituito per dare supporto sia ai medici che ai cittadini: «Così aiutiamo i camici bianchi che vengono denunciati e spieghiamo ai pazienti che ritengono di aver subito un danno se ci sono le condizioni per chiedere un risarcimento»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Foad Aodi (Amsi): «È nata la “Rete delle Università italiane per il Corno d’Africa” su impulso del Vice Ministro Emanuela Del Re
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-Mai) insieme al Movimento internazionale interprofessionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, plaudono all’iniziativa coraggiosa, concreta, prestigiosa della “Rete delle Università Italiane per il Corno D’Africa”, che agisce nel nome della solidarietà. L’iniziativa è indetta dal Vice Ministro […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...