Diritto 3 giugno 2015

Diritti negati ai medici: conto salato per lo Stato inadempiente

Le direttive europee non rispettate per ex specializzandi e turni massacranti in corsia mettono in pericolo le casse pubbliche. Le testimonianze dei medici e la voce delle aziende

Immagine articolo

Noi medici siamo una classe bistrattata. Vedersi riconoscere i diritti negati durante la scuola di specializzazione fa piacere, ma c’è ancora molto da fare sui turni massacranti che siamo costretti a sopportare. E siamo ormai ben oltre ogni limite”.

Il dottor Massimo Sannino, specialista delle patologie dell’apparato riproduttivo, ha ottenuto il rimborso per la scuola post laurea che non era stata retribuita a lui così come migliaia di medici. Ma non si ferma alla soddisfazione – morale oltre che economica –  del rimborso. Da Bologna, dove – insieme a numerosi colleghi ha ricevuto l’assegno da Consulcesi – il professionista lancia un appello che trova eco in tanti colleghi, obbligati a vere e proprie maratone in corsia e disposti a passare rapidamente dalle proteste alle azioni in Tribunale.  Dopo aver giocato a lungo “a nascondino” con le direttive Ue, penalizzando pesantemente i medici, lo Stato ora si vede costretto ad aprire in continuazione le casse della Banca d’Italia: lo sta già facendo per gli ex specializzandi e rischia grosso, ora, anche con la vicenda delle ore di lavoro in più.

GIUSTIZIA PER I MEDICI SPECIALISTI – Il caso degli ex specializzandi è in tal senso emblematico: nonostante fosse esplicitamente previsto dalle normative comunitarie, tra il 1982 ed il 1991 non è stata pagata la borsa di studio e quando poi  – nel 1994 – è  stata introdotta, la retribuzione non era corretta. E così si è andati avanti fino al 2006, anno in cui la situazione è stata sanata. Le irregolarità, spalmate in 14 lunghi anni, hanno però generato valanghe di ricorsi ed ora che la giurisprudenza è consolidata, una raffica di sentenza, sta creando una vera e propria emorragia nei conti pubblici sui quali pende il rischio di una stima di oltre 4 miliardi da versare agli specializzati di quel periodo. Solo ai medici tutelati da Consulcesi sono stati già riconosciuti 373 milioni; una cifra in costante aumento e destinata ancora a crescere. Nei giorni scorsi la realtà leader nella tutela dei camici bianchi ha consegnato a Bologna – nell’ambito del suo “Giro d’Italia” dei rimborsi, che va avanti ormai da più di due anni, –  altri 7 milioni a decine di medici provenienti da tutto lo Stivale.

LA SOLUZIONE SOTTO GLI OCCHI DEL PARLAMENTO –  Come si può arginare questa emorragia senza ledere i diritti dei medici? La soluzione è già in Parlamento: tre Ddl che propongono una transazione, valido solo per chi avrà precedentemente fatto ricorso. Considerando che le sentenze dei Tribunali hanno ormai chiuso la partita e la Presidenza del Consiglio dei Ministri paga subito dopo la sentenza della notifica per risparmiare su spese di mora e interessi, è facile capire perché c’è una volontà bipartisan a trovare un accordo, ormai davvero vicinissimo. E servirà un intervento legislativo anche per affrontare e risolvere la questione dei turni massacranti in corsia.

L’ALTRO FRONTE CALDO – Le dimensioni del caso sono enormi: ci sono oltre 100mila potenziali ricorrenti, dipendenti del Ssn che lavorano oltre le 48 ore previste dalla direttiva 2003/88 della Comunità europea. I governi Prodi e Berlusconi tra il 2007 ed il 2008 ne hanno impedito l’attuazione solo per gli operatori sanitari del servizio pubblico con provvedimenti inseriti nelle pieghe della Finanziaria. Ora, però, sotto la minaccia di sanzioni Ue, l’Italia si metterà in regola dalla fine novembre (ma con il blocco del turn over ed  i continui tagli pare difficile…). Ad ogni modo resta in piedi la possibilità di farsi risarcire le ore lavorate in più. Si parla di cifre che possono arrivare anche ad 80mila euro a medico mentre ricorsi e rimborsi potrebbero pesare per svariati miliardi (almeno più di 3) sulle casse pubbliche. La situazione si sta facendo sempre più calda. I medici, pur andando avanti secondo coscienza e con grande professionalità, sono allo stremo delle forze: si va dalle 12 ore continuative in corsia a doppi turni giornalieri quando ad esempio dopo una guardia notturna non c’è il cambio. Le istituzioni hanno preso atto della situazione e insieme ai sindacati concordano sulla necessità di mettere ordine sulla vicenda sia dal punto di vista normativo che su quello dei risarcimento, con una legge ad hoc. Ma bisogna fare in fretta. La mole di lavoro cresce in continuazione e oltre a dover dare garanzie ai pazienti, bisogna preservare anche la salute degli stessi professionisti. In Italia – a differenza di tanti altri Paesi europei e non solo – non è stata ancora riconosciuta ufficialmente, ma il “burnout” la malattia causata dallo stress per l’eccessivo lavoro sta per varcare anche i confini nazionali. In un recente articolo de La Stampa che ha dedicato un ampio approfondimento sul tema, i medici intervistati lo hanno detto chiaro e tondo: “Così ci ammaliamo”.

Articoli correlati
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...