Lavoro 22 Giugno 2022 15:04

Digital medicine: ecco come realizzarla in 5 mosse

Le Istituzioni sanitarie di tutto il mondo sono a lavoro per programmare l’era digitale della medicina. In Italia, la Fondazione Lilly ha elaborato una proposta strutturata in cinque progetti-chiave

Digital medicine: ecco come realizzarla in 5 mosse

Il futuro della medicina è digital: entro il 2025 il mercato mondiale della digital medicine sfiorerà i 3.800 milioni di dollari, +11,4% rispetto al 2019. Applicazioni, piattaforme, comprese quelle social, strumenti di telemedicina, permetteranno di promuovere stili di vita salutari e, soprattutto, di avvicinare chiunque in qualunque momento. Ed è per raggiugere questi obiettivi che le Istituzioni sanitarie di tutto il mondo, comprese quelle italiane, stanno lavorando alla programmazione di questa nuova era della medicina, al fine di elaborare un nuovo assetto regolatorio e organizzativo uniforme ed integrato.

Il progetto di ricerca

A supportare l’impegno dell’Italia c’è la Fondazione Lilly che ha avviato un progetto di ricerca ed elaborato una proposta, presentata questa mattina a Roma, strutturata in cinque progetti-chiave. L’idea della la Fondazione Lilly prevede: un dossier specifico per la valutazione di questi prodotti, un Osservatorio Nazionale, una nuova governance, una regolamentazione nazionale ad hoc attraverso una Legge Quadro e un modello organizzativo per la gestione di pazienti cronici integrato con le nuove tecnologie. «L’innovazione tecnologica, la personalizzazione delle cure e la gestione integrata della cronicità saranno elementi cruciali dell’assistenza sanitaria di domani. Per questo – dice Huzur Devletsah, presidente della Fondazione Lilly Italia -, siamo felici di offrire, anche grazie a questo dibattito, il nostro contributo a un tema così importante per il futuro dei pazienti e degli operatori sanitari nei mesi e negli anni a venire».

Le malattie croniche

La digital medicine rappresenterà una svolta epocale soprattutto per chi deve confrontarsi con le malattie croniche che, come il diabete, hanno bisogno di essere costantemente monitorate. Con l’evoluzione e la diffusione della digital medicine il farmaco, infatti, sarà solo una parte del trattamento: si punta a connettere i pazienti con i medici, ad erogare servizi sanitari e clinici, a seguire digitalmente il paziente dalla prevenzione alla diagnosi, dalla scelta della cura al monitoraggio, fino alla presa in carico successiva. «La digital medicine è una grande opportunità, in particolare per i pazienti con patologie croniche – spiega Stefano Nervo, presidente di Diabete Italia -. Il diabete è una delle malattie per cui gli strumenti di salute digitale, mi piace chiamarli così, possono fare tantissimo, perché il paziente avrebbe molte più possibilità di essere seguito e curato ottimizzando la qualità assistenziale e il trattamento terapeutico, attraverso l’aumento dell’aderenza del paziente alla terapia grazie al riavvicinamento al territorio e ad un miglioramento della qualità di vita».

La regolamentazione della digital medicine

Oggi il regolamento europeo 2017/745 colloca i prodotti di Digital Medicine tra i dispositivi medici e, attraverso il marchio CE, ne assicura la commercializzazione in ambito europeo. Ma non basta. «È necessario definire gli strumenti regolatori e le strutture ministeriali attraverso cui assicurare la valutazione del valore terapeutico aggiuntivo degli strumenti di Digital Medicine e il prezzo di rimborso nell’ambito del SSN – precisa Nello Martini, presidente Fondazione RES (Ricerca e Salute) -. L’innovazione tecnologica alla base degli strumenti di Digital Medicine non coincide con l’innovazione terapeutica che, in termini di valore aggiuntivo rispetto alle terapie esistenti, deve essere dimostrata da adeguati studi clinici. Ma non solo, la commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini. Per questo – conclude – gli strumenti di Digital Medicine, oltre che agire come veicoli di innovazione, dovranno generare un impatto sull’uniformità e uguaglianza di accesso alle cure sul tutto il territorio nazionale».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...