Lavoro 22 Marzo 2022 11:34

Difficoltà economiche e necessità improvvise, i sussidi previsti per i medici

Interventi chirurgici improvvisi, spese universitarie, decesso di un congiunto, calamità naturali, cure e terapie, assistenza agli anziani e imprevisti di vario genere: fronteggiarli con un aiuto economico si può. Le offerte Enpam

Difficoltà economiche e necessità improvvise, i sussidi previsti per i medici

Parola d’ordine: lungimiranza. Nella vita di ogni persona, anche dei professionisti sanitari, possono accadere imprevisti di varia natura che vanno ad intaccare benessere economico e serenità guadagnati con anni di duro lavoro, mettendo a rischio la stabilità quotidiana e rendendo il futuro incerto. La Fondazione Enpam è al fianco dei suoi medici anche nel caso in cui dovessero verificarsi queste sfortunate eventualità prevedendo la possibilità, per gli iscritti che si trovino in situazioni di difficoltà, personali o familiari, di richiedere un sostegno economico. Esaminiamo le varie fattispecie previste.

Sussidi per disagio

Gli iscritti che si trovano in difficoltà economiche possono chiedere un aiuto all’Enpam per:

  • spese di interventi chirurgici, anche se sono stati fatti all’estero, e spese accessorie che non siano state rimborsate a qualsiasi altro titolo;
  • malattie che hanno richiesto cure sanitarie o fisioterapiche non a carico del Servizio sanitario nazionale;
  • spese di assistenza per anziani, malati non autosufficienti e portatori di handicap che fanno parte del nucleo familiare;
  • spese sostenute dal nucleo familiare per la malattia o il decesso dell’iscritto/a entro i dodici mesi successivi all’evento;
  • spese funerarie per il decesso di un familiare convivente;
  • spese straordinarie per eventi imprevisti.

Possono fare domanda per il sussidio: i medici e gli odontoiatri attivi; i pensionati con un’anzianità di iscrizione all’Albo precedente al pensionamento di almeno dieci anni; gli studenti che hanno scelto di iscriversi all’Enpam; il familiare titolare di una pensione indiretta o di reversibilità a carico dell’Enpam indicato dagli altri componenti della famiglia aventi diritto.

I requisiti

Per quanto riguarda i requisiti, è necessario innanzitutto che il reddito non superi di 6 volte il trattamento minimo Inps. Il limite è aumentato di un sesto per ogni componente del nucleo, escluso chi fa la domanda. L’incremento raddoppia per ogni componente riconosciuto invalido all’80% (o con una percentuale più alta). Per determinare l’importo, dal reddito complessivo del nucleo familiare devono comunque essere dedotte le spese eventualmente sostenute per i casi per cui è previsto questo sussidio. In casi eccezionali, per eventi particolarmente gravi, l’Enpam può concedere con un provvedimento motivato un aiuto economico che non tiene conto del requisito del reddito e del limite massimo di rimborso previsto.

Il sussidio non può superare 8.000 euro circa. La prestazione assistenziale viene concessa una volta all’anno (solare). Per particolari eventi che hanno effetti duraturi nel tempo la Fondazione può prevedere un ulteriore sussidio. Chi si trova in una situazione di difficoltà al di fuori dei casi previsti può comunque chiedere un sostegno economico all’Enpam, purché la situazione di disagio venga documentata. Per avere diritto al sussidio il reddito del nucleo familiare, nell’anno precedente alla richiesta, deve essere inferiore a una determinata soglia. Il limite aumenta di due volte il minimo Inps per ogni componente riconosciuto invalido all’80%. Il sussidio, tuttavia, non può superare 5mila euro circa all’anno, e non è previsto per gli studenti iscritti all’Enpam.

Borse di studio

Per i figli dei medici e dei dentisti sono previsti diversi tipi di sussidi per le spese scolastiche e universitarie. I liberi professionisti possono fare domanda se iscritti alla Quota B, e se hanno un reddito che non supera 6 volte il trattamento minimo Inps. Il limite è aumentato di un sesto per ogni componente del nucleo escluso chi fa la domanda. L’incremento raddoppia per ogni componente riconosciuto invalido almeno all’80 per cento. Il figlio per cui si fa domanda, invece, deve essere in regola con gli studi (aver cioè conseguito tutti i crediti previsti per gli anni accademici precedenti e almeno la metà dei crediti previsti per l’anno in corso, non aver ottenuto la laurea prima dell’anno accademico 2020/21; non avere più di 26 anni; non ricevere sussidi di studio da altri enti previdenziali (per es. Onaosi).

Sussidi per long term care

Gli iscritti attivi sono coperti dal rischio non autosufficienza con un assegno di 1200 euro al mese (1035 per i casi di non autosufficienza che si sono verificati entro il 30 aprile 2019) da aggiungere alle tutele già previste dall’Enpam e a ogni altro eventuale reddito. L’adesione alla polizza è automatica e non richiede alcun esborso per medici e odontoiatri. La polizza è erogata attraverso Emapi (Ente di Mutua Assistenza per i Professionisti Italiani), associazione riconosciuta senza scopo di lucro costituita da dieci enti privati di previdenza tra cui l’Enpam. Sono coperti dalla polizza gli iscritti e i pensionati che al 1° agosto 2016 non avevano compiuto 70 anni e non avevano già in atto condizioni di non autosufficienza.

Sussidio per la retta di case di riposo

I pensionati che si trovano in difficoltà economiche possono chiedere all’Enpam un sostegno per pagare la retta di soggiorno in case di riposo. Hanno diritto a questo sussidio anche il coniuge convivente e i familiari titolari di una pensione indiretta o di reversibilità che hanno più di 65 anni. Per poter chiedere questo sussidio il reddito non può essere superiore a 3 volte il minimo Inps. Il contributo previsto per ciascuno per ogni giornata di presenza effettiva nella casa di riposo è di circa 60 euro. L’importo del sussidio non può superare il 75 per cento della retta effettivamente pagata.

Sussidio per l’assistenza domiciliare

I pensionati che non sono fisicamente o psichicamente autosufficienti possono chiedere, in alternativa ai due sussidi precedenti, un contributo assistenziale per pagare le spese dell’assistenza domiciliare. Per poter fare domanda i pensionati devono avere un’anzianità di iscrizione all’Albo, precedente al pensionamento, di almeno dieci anni. Il sussidio è previsto anche per il coniuge convivente e per i familiari titolari di una pensione indiretta o di reversibilità.

Sussidi per calamità naturali

In caso di calamità naturali, i medici e gli odontoiatri possono chiedere un contributo economico all’Enpam se subiscono danni alla prima abitazione o allo studio professionale, ma anche a beni mobili come ad esempio automezzi, computer e attrezzature. Ecco i requisiti per avere diritto ai sussidi:

  • è necessario innanzitutto essere residenti nei Comuni colpiti da calamità naturali, status che deve essere riconosciuto con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri.
  • I danni devono riguardare la prima abitazione o lo studio professionale, di cui si è titolari di un diritto di proprietà e di usufrutto. Se si è comproprietari il danno viene risarcito in misura proporzionale alla quota di proprietà.
  • Possono fare richiesta gli iscritti attivi e pensionati e i familiari titolari di una pensione indiretta/reversibilità a carico dell’Enpam.

Veniamo alle somme rimborsabili: la somma massima rimborsabile è di circa 17mila euro (l’importo è indicizzato annualmente). Per chi svolge solo la libera professione il rimborso è più alto. L’Enpam può contribuire anche a pagare fino al 75 per cento degli interessi sui mutui edilizi accesi da iscritti o familiari superstiti per ricostruire o riparare la casa e/o lo studio professionale danneggiati. Il limite massimo del rimborso è di circa 9 mila euro l’anno per un periodo non superiore a cinque anni. I sussidi assistenziali per calamità naturali sono esenti da tasse e non sono vincolati a soglie di reddito.

Per i liberi professionisti sono previsti dei sussidi extra in caso di calamità naturali: possono fare richiesta i liberi professionisti in attività e pensionati e i familiari titolari di una pensione indiretta o di reversibilità a carico dell’Enpam. È necessario inoltre che i liberi professionisti abbiano versato i contributi alla Quota B del Fondo di previdenza generale per almeno un anno nei tre anni che precedono la domanda. In particolare, in caso di danni a beni immobili e mobili, come ad esempio automezzi, computer e attrezzature, l’Enpam prevede per i liberi professionisti un sussidio economico extra di circa 5.000 euro al massimo.

Si tratta di un sussidio non soggetto a limiti di reddito. Inoltre, gli iscritti che esercitano solo la libera professione possono chiedere un sussidio sostitutivo del reddito di più di 2.000 euro al mese per un massimo di 12 mesi, se per i danni subiti sono stati costretti a interrompere l’attività professionale e quindi non hanno avuto reddito. Per frazioni di mese l’indennità è di circa 80 euro al giorno.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Liberi professionisti, per la dichiarazione dei redditi arriva il modello D
Il modello D, interamente digitale, da inviare entro fine luglio, permette di pianificare in anticipo il pagamento dei contributi di quota B
Pensioni, è facile aumentarle con l’allineamento dei contributi
Lo strumento, messo a disposizione da Enpam per i suoi iscritti, permette un incremento sostanziale dell’importo della pensione
Infortuni e malattie, alle tutele Enpam si aggiunge una nuova garanzia
Si tratta della polizza Emapi (Reale Assicurazioni) per infortuni professionali ed extra. Inclusi familiari e dipendenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali