Lavoro 2 Novembre 2020 09:09

Infermieri in sciopero, De Palma (Nursing Up): «Siamo arrivati al limite»

Lo stop di 24 ore «per le richieste che da tempo immemore non vengono ascoltate da un Governo “cieco e sordo”, ma soprattutto, mai come ora, anche la legittima paura, quella del confronto diretto con la morte»

È iniziato alle 7:00 di questa mattina lo sciopero degli infermieri italiani. E andrà avanti fino alle ore 7.00 di domani. E dalle prime ore di protesta emergono «numeri importanti, dati significativi – fa sapere il Sindacato Infermieri Italiani Nursing Up – che testimoniano non solo la massiccia adesione degli infermieri ma soprattutto l’evolversi di uno stato d’animo che racconta la rabbia, lo stress, l’insoddisfazione per le richieste che da tempo immemore non vengono ascoltate da un Governo “cieco e sordo”, ma soprattutto, mai come ora, anche la legittima paura, quella del confronto diretto con la morte».

DE PALMA (NURSING UP): «OCCORRONO DECINE DI MIGLIAIA DI INFERMIERI IN PIÙ RISPETTO ALLE ESIGENZE ORDINARIE»

«Avere paura è umano – spiega Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up – non ci tiriamo indietro, continueremo a combattere a rischio della vita, ma questa seconda ondata di emergenza andava gestita in modo diverso. Siamo di nuovo alla situazione di marzo. L’unica vera forza in gioco siamo noi, gli infermieri italiani – prosegue De Palma – conosciamo meglio il nemico ma non per questo affrontiamo una battaglia semplice: situazioni organizzative deficitarie, reparti accorpati, almeno 53 mila colleghi in meno da Nord a Sud ai quali si aggiungono quelli che vanno via con quota 100 sino a raggiungere le 70 mila unità. Tutto questo – aggiunge – nonostante le integrazioni “in corsa”, con colleghi precari e contratti brevi, che le ASL cercano di fare, seppur con scarsi risultati. Per trattare pazienti di questo tipo occorrono decine di migliaia di infermieri in più rispetto alle esigenze ordinarie, altrimenti non saremo in grado di reggere l’onda d’urto dei continui ricoveri».

«UN MILIONE DI PRESTAZIONI IN MENO»

«Lo sciopero – continua De Palma – andava fatto e non ci potevamo tirare indietro. Abbiamo garantito che almeno la metà di coloro che avrebbero dovuto e voluto partecipare è stata precettata per i servizi minimi che sono garantiti come vuole la legge. Ma calcoliamo che fino a domani mattina verranno meno almeno un milione e mezzo di prestazioni infermieristiche, più tutte le altre che dipendono dai colleghi che non ci hanno informati della loro adesione ma che intendono scioperare. Questo sta a testimoniare, seppur consapevoli che in un momento così difficile è una pesante mancanza per la sanità pubblica, che gli infermieri italiani sono arrivati al limite. Ma da domani, i cittadini lo sanno, riprenderemo la nostra battaglia contro la morte».

SCIOPERO INFERMIERI: I PRIMI DATI TERRITORIALI

«Alcuni infermieri – prosegue – in alcune città, hanno organizzato picchetti di protesta pacifica e mini raduni per manifestare agli occhi dei pazienti il nostro stato d’animo. È successo, solo per citarne alcuni, al Sant’Anna di Como e al Moscati di Avellino. Questi i primi dati dello sciopero comunicati dal sindacato:

  • Lazio: adesioni massicce nel viterbese dalle prime ore del mattino dove spiccano le “non presenze” all’ospedale di Civita Castellana. Nella capitale uno degli ospedali con maggiore presenza allo sciopero in queste ore sembra essere il Santo Spirito, dove all’unità coronarica già dalla mattina mancava un buon numero infermieri.
  • Lombardia: uno striscione del Nursing Up, dalle prime ore del mattino, campeggia davanti all’ingresso degli spedali Civili di Brescia. Ci sono alcuni infermieri a presidiare in una sorta di mini picchetto.
  • Liguria: al Policlinico San Martino di Genova, ospedale nell’occhio del ciclone da giorni per le immagini delle barelle ammassate nei corridoi, sono saltati tutti gli interventi chirurgici programmati. Stessa situazione all’Asl 2 di Savona. All’Ospedale Galliera di Genova sono saltati interventi chirurgici in elezione e creati disagi in molti ambulatori con appuntamenti cancellati.
  • Sardegna: molti infermieri sono stati precettati per i servizi minimi che come noto sono stati garantiti. Ma si registrano anche moltissime adesioni, soprattutto negli ospedali di Cagliari, dove un alto numero di infermieri è rimasto a casa per partecipare alla protesta.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rsa, fuga di infermieri verso le Aziende Ospedaliere. Degani (Uneba Lombardia): «Necessario creare nuove figure»
Il presidente di UNEBA Lombardia: «Stato e Regioni devono prevedere una programmazione tale da poter aumentare il numero di infermieri formati o di istituire operatori sociosanitari specializzati, figure para infermieristiche e para sanitarie che possano aiutare le fragilità e le cronicità»
di Federica Bosco
Fnopi, gli infermieri chiedono l’allentamento dell’esclusiva per poter vaccinare
Il tempo ormai stringe, la lettera di Fnopi al Ministero della Salute: passare rapidamente dal “dire” al “fare” su allentamento dell’esclusiva, assistenza sul territorio e autonomia della professione infermieristica
La sala operatoria al tempo del Covid-19, Alvaro: «Infermieri depositari della sicurezza del paziente»
Il responsabile scientifico del corso Fad offerto dal provider di Consulcesi Club Rosaria Alvaro: «L’infermiere è l’unica presenza costante all’interno delle sale operatorie. Ha la competenza educativa di far rispettare tutti i protocolli che sono stati condivisi in relazione alla pandemia che stiamo vivendo»
Infermieri, documento Fnopi delinea quelli del futuro. Garattini: «Prescrizione di farmaci agevolerà il lavoro del medico»
Un documento della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche composto da un advisory board di esperti lancia diverse proposte: dalla formazione alla gestione dei servizi assistenziali. Il farmacologo Silvio Garattini: «Troppi pochi infermieri in Italia»
«Io, infermiera presa a calci in PS, ho ancora gli incubi mentre i miei aggressori sono a piede libero»
«Hanno anche provato a cavarmi un occhio». Il racconto dell’infermiera del Cardarelli di Napoli: il trauma, la paura, la speranza che la giustizia faccia il suo corso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 maggio, sono 158.957.229 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.303.877 i decessi. Ad oggi, oltre 1,30 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco