Lavoro 7 novembre 2017

AIOP: crisi SSN? Il privato è una delle soluzioni «ma abbiamo bisogno del supporto di politica e istituzioni»

«La sanità privata produce all’incirca un quarto delle prestazioni ospedalieri e specialistiche, vogliamo lavorare di più e dare un concreto aiuto al Paese, il decreto legislativo 95 ostacola e indebolisce» così il Presidente Nazionale Aiop Gabriele Pelissero

«In una Sistema Sanitario Nazionale sotto scacco per mancanza di risorse, l’ospedalità privata può offrire il suo contributo». Fa il punto sulle nuove sfide dell’assistenza sanitaria privata e pubblica il Presidente Nazionale Aiop Gabriele Pelissero intervistato in occasione dell’Healthcare Summit del Sole 24 Ore a Roma.

«Siamo consapevoli che le dinamiche della finanza pubblica sulla spesa sanitaria sono un problema che si sta ponendo sempre più intensamente – prosegue il Presidente -. Pertanto è indispensabile raggiungere dei livelli di efficienza e qualità sempre più elevati: questa è la vera sfida per la sostenibilità del Sistema Sanitario Italiano».

LEGGI ANCHE: PREVENZIONE E FORMAZIONE, PELISSERO (PRESIDENTE AIOP): «COSÌ LE STRUTTURE PRIVATE TENGONO BASSO IL CONTENZIOSO MEDICO-PAZIENTE»

«Da questo punto di vista la componente privata fornisce un concreto aiuto, infatti questa produce un quarto delle prestazioni ospedaliere e specialistiche del servizio – prosegue -. Oggi ci si trova di fronte ad un problema molto serio che non è solo un problema del privato, ma anche delle Regioni e della programmazione che sono gli strumenti per affrontare la sostenibilità: il decreto legislativo 95 del 6 luglio 2012 ha posto un blocco che impedisce alle Regioni di usare con flessibilità la componente privata accreditata che è presente in modo variabile e ha grandi capacità di organizzazione ed efficienza. Quello che noi stiamo chiedendo al Governo e anche alla Corte costituzionale è di rimuovere un blocco che non ha nessuna ragione di essere. Ricordo che noi siamo per Legge fermi ai volumi di attività prodotti nell’anno 2011 meno il 2%. Questo non ha senso in un momento in cui le liste d’attesa crescono, la pressione della domanda dei cittadini sul Sistema Sanitario Nazionale nella sua interezza è crescente e noi siamo in grado di produrre prestazioni con costi perfettamente allineati, molto competitivi e con grande soddisfazione degli utenti».

«Noi vogliamo lavorare di più vogliamo dare un aiuto concreto per l’implementazione dei nuovi LEA, bisogna liberare le Regioni da questo vincolo assurdo e consentire di mettere tutte le risorse esistenti a disposizione del SSN. Noi siamo prontissimi, – conclude il Presidente – speriamo che questo problema si risolva nell’interesse soprattutto dei cittadini italiani, del sistema e ovviamente anche dei nostri operatori sanitari che vogliono lavorare di più ma in questo momento non lo possono fare».

Articoli correlati
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
I cambiamenti climatici causeranno 250mila morti l’anno. Ricciardi (ISS): «È armageddon a fuoco lento»
A Roma la prima conferenza sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute. Il 13 l'incontro ISS-Mattarella. Il messaggio di Maria Neira (OMS) alla COP24: «La battaglia per il clima non è solo degli ambientalisti. Pensiamo anche alla nostra salute, poi parliamo del pianeta. Forse così, dopo 24 conferenze, arriveremo a risultati concreti». E anticipa le linee d’azione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità presenterà mercoledì a Katovice
Salute e fattori sociali, il legame c’è ed è stretto. Marmot (UCL): «Crisi economica ha frenato aumento aspettativa vita»
L’intervento dell’autorevole professore di epidemiologia e salute pubblica dell’università londinese al Congresso della Fp Cgil in corso a Perugia: «Le azioni dei governi possono fare la differenza. Ed è necessario partire dall’istruzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...