Lavoro 30 giugno 2015

«I turni più massacranti?Pronto Soccorso ed Emergenza»

Intervista al Presidente CIMO Riccardo Cassi: «Medici a rischio nei reparti più espostiBene l’intervento delle Istituzioni, ma sono tanti i ricorsi pronti a partire»

Immagine articolo

Una questione sempre più pressante, impossibile da ignorare. Per il bene dei medici italiani, e dei cittadini, le istituzioni sono pronte a fare la loro parte per risolvere il problema dei turni massacranti cui vengono sottoposti i medici italiani, in barba alle direttive europee che legiferano sul tema.

Sanità informazione ha voluto conoscere anche il punto di vista dei sindacati medici e a tale fine ha intervistato Riccardo Cassi, presidente CIMO, il sindacato dei medici ospedalieri, presente in Senato alla conferenza stampa sulla “crociata” iniziata dal senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, primo firmatario di una interrogazione parlamentare, che potrebbe sfociare in una mozione e in un disegno di legge, e anche in un’eventuale emendamento a difesa dei medici. Tutto questo, in concomitanza con una vera e propria valanga di ricorsi pronti a partire su cui CIMO ha scelto come partner Consulcesi nel sostenere dal punto di vista legale i camici bianchi interessati.

«Dobbiamo distinguere i due piani – specifica Cassi –. Il primo, quello dei ricorsi fatti dei medici, dà comunque al governo un motivo in più per intervenire. Dall’altro lato c’è la necessità di una soluzione normativa. Il giusto riposo del medico si riflette sulla sua integrità fisica – sottolinea il presidente CIMO – e questo incide quando si tratta di prendere decisioni che i cittadini, da pazienti, subiscono. Un medico che esce da 24 ore di turno continuativo – commenta – non pone il cittadino in condizione di ricevere la migliore assistenza possibile. La nostra battaglia non è quindi solo a favore dei medici, ma soprattutto per i cittadini».

Fare di tutta l’erba un fascio, si sa, è un errore grossolano. Ma può diventare anche pericoloso se a farne le spese sono i professionisti della sanità. Secondo Cassi sarebbe infatti una questione di mancati distinguo, nella normativa che regola la dirigenza pubblica, ad aver dato vita al problema dei turni di lavoro massacranti per i medici. «Tutto è nato da una erronea attribuzione della qualifica dirigenziale ai medici, senza riconoscerne la specificità. In altri settori della dirigenza pubblica – sottolinea Cassi –  il problema della turnistica di servizio non si pone».

La domanda, a questo punto è d’obbligo: «Quanto pesano sulla vita dei medici questi turni massacranti?». E la risposta non lascia spazio a dubbi: «Nei pronto soccorso e nei reparti di emergenza, soprattutto in quelle regioni dove è in atto il blocco del turn over, la situazione è drammatica. Guarda caso – conclude Cassi – sono i reparti in cui il rischio decisionale è più alto. Sono quelli i medici sottoposti ai turni peggiori».

Articoli correlati
Rinnovo del contratto e difesa della sanità pubblica, i medici scendono in piazza. Sit in a Montecitorio: «Così il SSN muore»
Il ministro Grillo: «Contratto stipulato da precedente Governo che non ha previsto le dovute coperture». La reazione di Fp Cgil: «Inaccettabile che il Ministro non sappia che il contratto della dirigenza medica non sia stato rinnovato col passato Governo». Prima dello sciopero del 9 novembre, nuova audizione dei sindacati alla Camera
Contratto medici: quei numeri delle Regioni che non tornano
CIMO esprime piena soddisfazione per la rottura delle trattative sul contratto della dirigenza medica in ARAN e l’apertura dello stato di agitazione comunicato insieme alle altre organizzazioni sindacali. Sottolinea, inoltre, che una delle principali ragioni che impedisce il rinnovo del contratto è strettamente legata agli accantonamenti che le regioni avrebbero dovuto sostenere, e che pare […]
di Guido Quici - Presidente Nazionale CIMO
Contratto medici, l’Intersindacale annuncia lo stop alle trattative e lo stato d’agitazione: a ottobre scioperi e manifestazioni
Oltre al mancato finanziamento del contratto della categoria, sono le notizie (non buone) che arrivano dal Governo per il Def ed il momento critico per il SSN, «che rischia di inabissarsi» ad aver portato i sindacati sulla strada della protesta. L'annuncio del Ministro Grillo: «Per il 2019 il Fondo Sanitario Nazionale sarà incrementato di un miliardo»
Contratto, Quici (CIMO): «A queste condizioni non firmiamo». E propone passaggio medici sotto ministero Salute
Tra i tanti temi affrontati dal presidente nel corso dell’intervista esclusiva a Sanità Informazione, la proposta di una scheda curriculare che registri il percorso dei medici: «Dagli ECM alla casistica, così imbrigliamo i dg a scegliere i migliori professionisti». Sul ricalcolo delle “pensioni d’oro” aggiunge: «È una truffa» 
Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qualità di vita e delle condizioni di lavoro, firmano anzitempo la risoluzione del rapporto di lavoro». Tra le cause anche blocco del turnover e giovani disincentivati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila