Lavoro 9 Luglio 2021 11:39

Alla periferia ovest di Firenze un “prototipo” di Casa della Comunità

Alla Casa della Salute delle Piagge, candidata a trasformarsi nel nuovo modello di assistenza territoriale previsto dal PNRR, lavorano 71 operatori divisi in equipe multidisciplinari socio-sanitarie per rispondere alle esigenze di una popolazione penalizzata sia a livello socio-economico che sanitario

di Isabella Faggiano

Alle Piagge, un quartiere alla periferia ovest di Firenze, esiste un “prototipo” delle Case di Comunità, quelle che dovranno sorgere in Italia – una ogni 50 mila abitanti – in  seguito all’attuazione delle Missione 6 del Recovery Plan. Si tratta di una Casa della Salute che, istituita nel 2014, è da due anni al centro di un progetto sperimentale deliberato dalla Regione Toscana e promosso in sinergia con la Usl Toscana Centro.

«Un programma di integrazione socio-sanitaria che raccoglie i frutti di un’attività che, già da diversi anni, portiamo avanti all’interno della Casa della Salute delle Piagge – racconta Lorenzo Baggiani, coordinatore sanitario territoriale di Firenze -. E che ora sarà esteso a tutto il comune di Firenze, territorio particolarmente complesso per l’alta densità e l’eterogeneità della popolazione».

Casa della Salute delle Piagge, il plauso del Ministro della Salute

Nella Casa della Salute delle Piagge svolgono attività lavorativa 71 operatori divisi in equipe multidisciplinari socio-sanitarie che si occupano, ogni giorno, dell’accesso di oltre 500 persone. Solo per citare qualche numero, in un anno sono stati effettuati 4.095 prelievi domiciliari e oltre 24.203 prelievi ambulatoriali. Il Consultorio Ostetrico-Ginecologico ha accolto 8.320 utenti, nel Poliambulatorio specialistico sono state erogate 10.294 prestazioni.

Numeri che hanno attirato l’attenzione delle Istituzioni. Nei giorni scorsi, infatti, la struttura delle Piagge è stata visitata dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha espresso parole di apprezzamento per il lavoro svolta all’interno della Casa. Prima di quel giorno non era mai capitato, almeno in Toscana, che il Ministro della Salute, il presidente della Regione e il sindaco di Firenze, più due assessori regionali, si ritrovassero insieme a visitare una struttura sanitaria territoriale periferica senza che vi fosse alcuna occasione da celebrare.

Un modello d’eccellenza

L’organizzazione della Casa della Salute delle Piagge si basa sui principi della Primary Health Care, un’assistenza sanitaria primaria ed essenziale, basata su metodi e tecnologie scientificamente validi e socialmente accettabili. In altre parole, un modello fondato su ciò che rende l’assistenza sanitaria universale e accessibile a tutti gli individui e le famiglie che fanno parte di una stessa comunità.

«Innanzitutto – spiega Chiara Milani, medico specialista in igiene e medicina preventiva presso il coordinamento Sanitario Servizi Territoriali Zona Firenze, Azienda Usl Toscana Centro – è stato esplorato il territorio, valutando i bisogni sanitari e sociali della popolazione. Nel quartiere delle Piagge è stata riscontrata una penalizzazione socio-economica tra i cittadini che si traduce in una diseguaglianza anche in termini di salute. Ci sono tassi più elevati di mortalità (soprattutto tra le donne), di ospedalizzazione (per tumori, patologie psichiatriche e alcol-correlate) e di accessi al pronto soccorso».

La Casa della Salute delle Piagge e l’integrazione socio-sanitaria

Delineato il contesto, sono stati programmati i servizi da offrire all’interno della Casa della Salute. «Avendo riscontrato disagi di natura sociale che si riversano sullo stato di salute dei cittadini – aggiunge Lorenzo Baggiani -, abbiamo strutturato una Casa della Salute che fosse un luogo di riferimento e di accoglienza per la popolazione del quartiere. La Casa è, infatti, un punto di accesso alla rete delle prestazioni, in grado di facilitare l’integrazione tra i servizi sanitari e quelli sociali».

Integrazione che è stata resa possibile da un lavoro multidisciplinare che coinvolge medici di medicina generale, medici specialisti, infermieri, psicologi, educatori e assistenti sociali. «Tutti i professionisti si incontrano periodicamente per discutere i casi che richiedono una presa in carico di più figure professionali. Inoltre – dice Milani -, la medicina generale collabora con la salute mentale, creando progetti condivisi per il trattamento dei pazienti complessi».

Un modello così efficiente che ha consentito alla Casa della Salute delle Piagge di garantire tutti i servizi necessari ai pazienti Covid nel pieno dell’emergenza, non trascurando i malati cronici e fragili. «In questi mesi, leggendo gli obiettivi del PNRR siamo stati felici di riscontrare che sono esattamente in linea con il progetto sperimentale che stiamo già portando avanti dal 2019. Cosicché, la Casa della Salute delle Piagge per trasformarsi in Casa delle Comunità non dovrà fare altro – conclude il coordinatore sanitario territoriale di Firenze – che continuare a seguire i suoi stessi passi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici e PNNR, mozione al Consiglio nazionale FNOMCeO: «Coinvolgere i professionisti»
Bocciato, o meglio rimandato a settembre, il Documento “Agenas” sulle Case di Comunità, previste dalla Missione 6 Salute del Piano nazionale di ripresa e resilienza
Formazione mmg, ancora fermo il bando 2021-2024. Carenza di medici nelle grandi città
La denuncia del segretario Fimmg Silvestro Scotti: «Anche alcuni quartieri di Napoli sono scoperti. Ma le regioni continuano a rinviare il bando. Così rischiano di andare in sofferenza i soggetti fragili delle periferie». Anche nell’hinterland milanese mancano medici di medicina generale
Medicina di gruppo vs Case di Comunità: il modello che concilia prossimità e accentramento degli MMG
Nel sud della provincia di Padova, Giovanni Guastella racconta come funziona l’organizzazione: «C’è una sede centrale aperta h12 e tanti ambulatori nei paesi più piccoli. Noi ci dividiamo tra queste realtà»
Case di Comunità, da Nord a Sud la rivolta dei medici di famiglia: «Piccoli e medi centri penalizzati, guai a perdere la prossimità»
Da Palestrina a Castelfidardo, da Valle Cavallina a Borgofranco D'Ivrea, viaggio nelle realtà lontane dai grandi centri urbani dove la riforma prevista dal PNRR preoccupa
di Giovanni Cedrone, Federica Bosco e Chiara Stella Scarano
Progetto pilota a sostegno dei pazienti con stomia
Firmato accordo fra Regione Toscana e Associazione stomizzati toscani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva