Lavoro 7 dicembre 2017

AIOP Giovani per la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale. La ricerca

«È arrivato il momento per fare una valutazione seria ed efficace sul futuro del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Le scelte devono essere immediate e devono tener conto che la posta in gioco è altissima», ha affermato Gabriele Pelissero, Presidente AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) in occasione della presentazione della ricerca “Le sfide di oggi per […]

«È arrivato il momento per fare una valutazione seria ed efficace sul futuro del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Le scelte devono essere immediate e devono tener conto che la posta in gioco è altissima», ha affermato Gabriele Pelissero, Presidente AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) in occasione della presentazione della ricerca “Le sfide di oggi per la sanità di domani: l’evoluzione delle modalità di finanziamento dei sistemi sanitari nazionali” realizzata da AIOP Giovani in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

«Il nostro Servizio Sanitario Nazionale – si legge in una nota di AIOP – sta vivendo, al pari della gran parte dei sistemi sanitari internazionali, un periodo di forti pressioni dal punto di vista economico-finanziario: i costi crescono rapidamente e le risorse oggi disponibili non saranno più in grado, nel prossimo futuro, di sostenere la crescente ed esigente domanda di salute dei cittadini. La dimensione delle sfide amplifica ulteriormente l’urgenza e la necessità di accelerare la riflessione su come costruire il futuro dell’assistenza sanitaria nel nostro Paese, favorendo decisioni e scelte tempestive che ne garantiscano la sostenibilità».

«Per rispondere alla sfida della sostenibilità, la sanità italiana deve essere messa nelle condizioni di rispondere ai trend epidemiologici e demografici, tramite un’efficace programmazione e organizzazione dei servizi, garantendo una particolare attenzione alla gestione dei costi e allo sviluppo e all’integrazione dei sistemi di finanziamento oggi adottati. Alla luce di tali considerazioni, è stata effettuata una revisione estensiva della letteratura sul tema dell’evoluzione dei modelli di finanziamento dei sistemi sanitari con un focus specifico per alcuni Paesi: Canada, Francia, Germania, Italia, Regno Unito (UK), Spagna, Stati Uniti d’America (USA), Svezia».

«La ricerca promossa da Aiop Giovani – spiega la nota – rappresenta un tentativo di studiare in modo analitico le soluzioni implementate nelle differenti realtà da comparare e integrare in senso prospettico, provando a tracciare le linee di una sanità futura. Inoltre, è stata realizzata un’analisi comparativa dei trend sulle principali voci di spesa sanitaria e un’analisi previsionale, fino al 2030, sugli stessi trend di spesa. È innegabile che la sanità del futuro sia compatibile con l’universalità delle cure solo a patto di un radicale recupero di efficienza in un contesto di immutata efficacia. Infatti, in un quadro di crescente domanda di salute e protezione sociale, aumento dei costi, disponibilità fiscali ridotte e crescente mobilità di pazienti e professionisti all’interno dei Paesi membri dell’Unione Europea – dove la competizione tra sistemi sanitari è ormai realtà consolidata – emerge chiara la necessità di strategie decisionali efficaci, modelli organizzativi appropriati e sostenibili, nonché di adeguati strumenti di misurazione, valutazione e governo dei servizi e dell’innovazione».

Sulla base di quanto analizzato, ecco quali sono le leve sulle quali agire, secondo AIOP, in merito al necessario recupero di efficienza, un elemento che accomuna tutti i Servizi Sanitari presi in esame:

  • Utilizzo di dati e informazioni per trasformare i sistemi sanitari: l’informazione rappresenta un elemento essenziale in sanità e il libero accesso a essa consente scelte più appropriate sia a livello di organizzazione sanitaria sia a livello individuale, aumentando la qualità di vita dei pazienti/cittadini e la produttività dei sistemi sanitari. La condivisione di dati e informazioni ha il potenziale di trasformare la medicina e i sistemi sanitari; il modo migliore per la loro diffusione è il web, mediante la creazione di piattaforme e database open, consultabili sia da parte dei medici e dei professionisti della programmazione sanitaria sia da parte dei pazienti e dei cittadini.
  • Innovazione nell’accesso alla sanità: il concetto di sostenibilità dei sistemi sanitari non puٍ prescindere dalle modalità di accesso agli stessi. Estremamente rilevante è dunque il rinnovamento delle modalità di accesso alle cure, tali da risultare più vicine alle necessità del paziente, aumentando l’efficienza e riducendo gli sprechi.
  • L’importanza della prevenzione: la sostenibilità in sanità dipende dal peso della variabile salute. Normative attente alle problematiche di salute, pianificazione urbana, attenzione all’ambiente, scelte alimentari, educazione infantile e sviluppo professionale sono categorie su cui occorrerebbe agire per migliorare lo stato di salute e diminuire la conseguente domanda di accesso alle cure.
  • Una ridefinizione delle modalità di finanziamento dei sistemi che possano portare ad aggiornare, anche in relazione ai tre punti precedenti, le modalità di rimborso oggi presenti, tenendo conto della qualità e dei risultati di salute come elementi importanti quanto l’universalità e l’accesso alle cure.
  • La creazione di una Sanità di Valore ispirata dalla Value Based Health Care, per cui i costi della sanità devono essere sempre in funzione del bene e del benessere dei cittadini e certificati dalla misurazione dei risultati di salute raggiunti rispetto ai costi sostenuti per ottenerli.

LEGGI LA SINTESI DELLA RICERCA

Articoli correlati
Legge di Bilancio, le novità in sanità: più soldi per le liste d’attesa, rinvio del Patto per la salute e norme per assunzioni individuali
La manovra approda alla Camera e sono tanti gli emendamenti arrivati in Commissione Bilancio. Tra le proposte di modifica anche il cambio della contrattazione farmaceutica e più fondi per Cnr e l’Ebri fondato dalla Montalcini. Cittadini (Aiop) contro norma che limita pubblicità sanitaria
Liste d’attesa, Barbara Cittadini (AIOP): «Serve tavolo di confronto con Ministero per migliorare accesso a prestazioni»
«Le strutture sanitarie aderenti all’Associazione Italiana Ospedalità Privata (AIOP) sono parte integrante del Servizio sanitario nazionale e, quindi, sentono la responsabilità di dare risposta ai bisogni di salute dei cittadini, affrontando, tempestivamente, alcuni nodi ancora irrisolti, tra i quali il problema delle liste d’attesa». Lo dichiara Barbara Cittadini, Presidente Nazionale AIOP, in risposta all’invito del […]
Intesa Stato-Regioni, Barbara Cittadini (AIOP): «Soddisfatta del risultato ma serve un intervento più strutturale»
«Esprimiamo soddisfazione per l’intesa che la Conferenza delle Regioni ha raggiunto in merito alla ripartizione del Fondo sanitario 2018». Barbara Cittadini, come presidente nazionale AIOP precisa: «In rappresentanza delle oltre 500 strutture sanitarie e socio-sanitarie associate ad AIOP, ritengo che i 110,1 miliardi messi a disposizione dal Fondo, come quota indistinta, siano un traguardo, ma […]
Nuovo governo, Parente (Cattolica-Sigm): «Le sfide più importanti? Lotta alle diseguaglianze e copertura universale garantita per tutti»
«Nessun cittadino deve restare risposte alla necessità di assistenza, in questo pubblico e privato devono stringere alleanza» così Paolo Parente, medico di Sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma
AIOP Lazio, Faroni confermata alla presidenza fino al 2021: «Sanità privata sia interlocutore importante dello Stato»
Alla vicepresidenza l’ex numero uno dell’AIOP Calabria Massimo Miraglia. La neurologa è a capo del Gruppo Ini (Istituto neurotraumatologico italiano), presente con 10 strutture accreditate con il Ssn nel Lazio e in Abruzzo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...