Lavoro 15 Febbraio 2022 15:51

Aggressioni “social” contro i novax, OMCeO Palermo prende le distanze

Il presidente Amato: «Siamo contro la violenza in ogni sua forma, ma la misura è colma e i colleghi sono in burn out»

Aggressioni “social” contro i novax, OMCeO Palermo prende le distanze

Che i social siano stati, negli ultimi tempi, terreno di scontro tra le fronde novax e provax è un dato di fatto. Meno scontato è che nel mare magnum di commenti infuocati e invettive inappropriate contro i riottosi della vaccinazione ci siano talvolta, tra gli autori, degli iscritti agli Ordini professionali. In questo caso si parla dell’OMCeO di Palermo in cui, a seguito di segnalazioni circa la pubblicazione di commenti che inneggiavano a “misure estreme” contro i negazionisti del Covid-19 e del vaccino, il presidente Toti Amato, componente del direttivo nazionale FNOMCeO, ha subito preso le distanze da questo genere di comunicazione, affermando che «commenti fuori luogo offendono l’intera categoria medica e tutti gli altri professionisti che ogni giorno si dedicano con abnegazione a combattere il virus per garantire salute, oltre a ledere quel sano dibattito capace di alimentare una presa di coscienza sull’importanza della vaccinazione».

Una vicenda sulla quale, come si legge sul sito della FNOMCeO, l’Ordine palermitano sta già effettuando le dovute indagini per gli eventuali provvedimenti di assumere. Sanità Informazione ha raggiunto telefonicamente il presidente dell’OMCeO di Palermo Toti Amato per una disamina su quanto accaduto.

Presidente, che cosa è successo di preciso?

«Si è trattato di commenti poco avveduti che nulla c’entrano con la nostra professionalità. Oltre ad essere chiamati a mantenere un certo rigore formale, in quanto medici non possiamo inneggiare a nessun tipo di violenza, dal momento che la subiamo noi stessi in prima persona, quotidianamente. Siamo contro qualsiasi manifestazione violenta, professata o praticata. Il problema delle fronde anti-vaccino c’è e deve essere adeguatamente affrontato, sta a noi mantenere un decoro e un rispetto anche formale della nostra posizione e del DNA della nostra professione».

Quello che è successo dimostra che la misura è davvero colma…

«Sicuramente la misura è colma e la situazione è esasperante. Ormai si vive alla giornata: i medici di medicina generale sono allo stremo, gli ospedalieri completamente in burnout. Ho parlato con anestesisti e rianimatori, ormai hanno le lacrime agli occhi, non reggono più lo stress di vedere le persone morire continuamente, in circostanze in cui prima di intubarli raccolgono bigliettini, annotazioni, che sono saluti di commiato da parte di chi è consapevole che probabilmente quella sarà una strada senza ritorno. Dopo due anni tutto questo è straziante e logora anche gli equilibri più tenaci, è il dolore umano che esce allo scoperto e ci rende incredibilmente vulnerabili. È chiaro quindi che questi sfoghi, anche se non consoni nelle modalità e quindi non giustificabili, si configurano parte di questo stress».

Siamo ormai in una nuova fase della pandemia, secondo lei si placheranno gli animi o la frattura anche a livello sociale è ormai insanabile?

«Forse non insanabile, molto grave di certo. L’anno scorso anche abbiamo vissuto una fase in cui sembrava che le cose si stessero mettendo a posto, ma poi siamo ripiombati nell’incubo. Adesso a fare paura è soprattutto il disagio sociale, la cui pressione è acuita dal fatto che molte persone non ce la fanno più, moralmente, psicologicamente, economicamente, e la rabbia purtroppo esce fuori, non sempre nelle modalità più appropriate».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Omceo Pa: «Intimidazioni sui muri della sede. Raid nella notte dei no vax»
Il presidente Toti Amato: «Un attacco vile, già partite le denunce alle forze dell’ordine»
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Un approccio europeo per la presa in carico dei minorenni vittime di violenza assistita
Presentati a Milano i risultati di Children First, progetto europeo che mira a migliorare il livello di assistenza e di supporto in favore dei bambini vittime di violenza assistita
Over 50 non vaccinati: pioggia di sanzioni dall’Agenzia delle Entrate, ma c’è chi si oppone
Nelle prime settimane recapitate già 900 mila notifiche dall’Agenzia delle Entrate, molte le contestazioni all’ATS di riferimento da parte di chi ha l’esenzione, chi è stato vaccinato all’estero e chi è finito nella morsa della burocrazia. Avvocato Granara: «Possibile il ricorso al Giudice di pace, ma non conviene»
Guerra in Ucraina, lo choc delle violenze filmate e diffuse. Ma non è una novità
La psicologa spiega l'origine di fenomeni come la de-individuazione e l'effetto Lucifero, che portano l'essere umano a cambiare il suo comportamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali