Giovani 12 Settembre 2018

‘Involontario’: la web serie girata all’Istituto Nazionale Tumori. Lucchini (Presidente IRCCS): «Coniugare eccellenza medica a umanità»

Da settembre su MTV.it la prima serie girata interamente in un ospedale vero e in attività. «Strumento utile per avvicinare giovani a temi sociali» così Sergio Urbani, Presidente Fondazione Cariplo che ha firmato il progetto

Immagine articolo

Un set fatto di corsie e reparti, in cui sono stati coinvolti veri dottori, pazienti e volontari, che dividono la scena insieme ad attori professionisti. Si tratta di ‘Involontario’, una fiction in cinque puntate che confina con il reality e racconta le vicende del neolaureato Ettore (Francesco Meola), fattorino precario che si innamora di una giovane specializzanda (la cantante e youtuber Giulia Penna) e per conoscerla si improvvisa volontario per un’associazione attiva in ospedale.

«L’ospedale rappresenta una parentesi densa di emozioni profonde e di vita – spiega Enzo Lucchini, Presidente dell’Istituto Nazionale dei Tumori che ospita la serie -. Questa nuova iniziativa si inserisce bene nel nostro desiderio di essere un centro che sa coniugare l’eccellenza scientifica e curativa con l’umanità e la sensibilità: aprire le porte alla sinergia tra operatori della salute, volontari e pazienti, può creare la forza necessaria per far funzionare al meglio un meccanismo estremamente complesso, fatto non solo di cure mediche all’avanguardia, ma anche di interazioni umane».

«La web serie è uno strumento molto utile per parlare in modo diverso ai giovani e avvicinarli ai temi sociali» commenta Sergio Urbani, Direttore della Fondazione Cariplo, realtà filantropica tra le più importanti a livello internazionale, che ha firmato la web serie insieme alla onlus Officine Buone. «’Involontario’ non solo evidenzia l’importanza dell’impegno per gli altri ma valorizza il ruolo sociale della cultura anche attraverso i moderni testimonial che hanno messo a disposizione il loro talento per una buona causa. Nel corso delle puntate faranno da scenario ai protagonisti alcuni dei progetti che Fondazione Cariplo ha promosso nel corso degli anni come l’housing sociale di Via Cenni o i programmi di Ricerca scientifica».

«Molti pazienti ci hanno chiesto di fare da comparse e la serie è davvero ricchissima di storie ed emozioni vere, senza buonismo e senza retorica.” – dichiara Ugo Vivone, fondatore di Officine Buone -. Fare volontariato è figo e un prodotto come questo vuole essere pioniere nel presentare il sociale in una maniera nuova e di tendenza per i più giovani».

Il protagonista principale della serie entrerà in contatto con un progetto che non solo nella fiction ma nella vita reale è promosso da Officine Buone in collaborazione con SIAE, ovvero Special Stage: un talent che porta la musica in ospedale e in cui giovani musicisti emergenti si sfidano in corsia per far emergere il loro talento. Il trailer della serie è stato presentato in anteprima nel prestigioso Magna Graecia Film Festival di Catanzaro lo scorso 4 agosto, mentre la presentazione ufficiale del progetto sarà al Fuoricinema di Milano il 16 settembre. A seguire, poi la serie sarà disponibile per tutti su mtv.it, il sito ufficiale del brand di intrattenimento di Viacom Italia, azienda guidata dall’A.D. Andrea Castellari, che è media partner ufficiale del progetto.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Odontoiatria, operativa prima unità mobile in Lombardia. Seghezzi (ISI): «Attrezzata per emergenze o situazioni di calamità naturale»
Uno 'studio' medico mobile equipaggiato per effettuare visite di screening sul territorio, organizzare e partecipare ad iniziative di sensibilizzazione sui temi della prevenzione delle patologie del cavo orale, ma anche per rispondere ai bisogni della comunità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...