Università 8 Settembre 2020

Oggi il test per Professioni Sanitarie, tanti ragazzi con un sogno che sperano di non fermarsi

In 77 mila in tutta Italia hanno provato il test d’ingresso per i corsi di laurea in Professioni Sanitarie. Sanità Informazione è stata alla Sapienza di Roma per raccogliere le impressioni dei candidati

«L’ho trovato semplice, specialmente fisica e matematica» dice qualcuno. «Più fattibile rispetto al test di Medicina, li ho provati tutti per vedere se riesco a entrare in campo sanitario», aggiunge qualcun altro. I tanti ragazzi e ragazze escono ordinatamente dall’unico portale dell’Università La Sapienza di Roma, in un piazzale Aldo Moro presidiato da vigili e volontari. Hanno le mascherine che gli coprono il volto e i documenti tra le mani, dove nascondono anche le speranze di aver passato il test per le Professioni Sanitarie.

In molti hanno fatto la maturità quest’anno, dopo quasi un semestre di didattica a distanza. Sono abituati agli schermi e alle procedure di sicurezza. Vedendo in tv le immagini strazianti dei morti portati via dalla camionette militari non si sono fatti spaventare, hanno continuato a credere nel sogno di diventare infermieri, fisioterapisti, logopedisti o ostetrici. «Per aiutare ancora di più, ora che ce n’è così bisogno», aggiunge uno di loro, prima di dirigersi verso la madre che lo aspetta fuori dall’università.

I 60 QUESITI: CULTURA GENERALE LA PIÙ COMPLESSA

Concordano tutti i ragazzi che si fermano ai microfoni di Sanità Informazione nel dire che, dei 60 quesiti, le domande di chimica e biologia sembravano più semplici di quelle delle simulazioni. Altri parlano di nozioni basilari per matematica e fisica. Qualcuno si lamenta per le scelte di logica, «ragionamenti che necessitavano di molto tempo». Cultura generale si conferma la più complessa: le domande spaziavano dai precedenti Presidenti della Repubblica, al Ministero degli Esteri fino al nome dello scrittore morto di coronavirus, Luìs Sepulveda.

Oggi in Italia sono stati in 77.205 a provare il test per le 22 Professioni Sanitarie. Quasi il 33% dei candidati ha scelto le facoltà di infermieristica e infermieristica pediatrica, rispettivamente 16 mila e 200 posti. Quello che Barbara Mangiacavalli, presidente di Fnopi, ha definito «l’effetto Covid». Per cui tanti ragazzi, vedendo l’impegno degli infermieri, hanno sentito l’esigenza di rendersi utili. Tanti anche i candidati per fisioterapia e logopedia, con meno disponibilità di posti.

PROTESTE CONTRO IL NUMERO CHIUSO

«Il mio sogno è sempre stato quello di fare la logopedista – racconta una ragazza di 18 anni, appena diplomata – ma ci sono meno di 800 posti in tutta Italia, non sarà facile. È un peccato che il numero chiuso debba mettersi di traverso ai miei sogni, spero che un giorno lo aboliscano in favore di un metodo di selezione più giusto». Anche una mamma, che aspetta sua figlia, si unisce alla protesta contro il metodo di selezione dei candidati meritevoli: «Lei vorrebbe fare l’ostetrica, è così convinta che se non entra riproverà l’anno prossimo. Ma è giusto che una ragazza così motivata debba perdere un anno per un punto in meno o uno in più? Mi dispiacerebbe vederla rinunciare alle sue aspirazioni per il numero chiuso».

In Sapienza le procedure anti-Covid sembrano essere state d’effetto. «Eravamo distanziati e tutti hanno rispettato le regole per gli ingressi e le uscite», racconta una delle candidate. Gli ingressi scaglionati hanno provocato lunghe attese, lamenta però qualcuno. I gruppi entrati alle 8 di mattina hanno atteso quattro ore prima di cominciare la prova. «Io ero stanco e ho fatto fatica a concentrarmi – spiega uno dei ragazzi – ma capisco che erano necessità di sicurezza, spero migliorino nel tempo».

IN ATTESA DELLE GRADUATORIE

Ora non resta che attendere i risultati. Ma, dato che ogni ateneo gestiva i propri test, non c’è una data precisa per le graduatorie. Ogni università deciderà se gestirle per punteggio o per preferenza. Nel primo caso conterà numericamente lo studente migliore e poi a scendere, mentre nel secondo caso saranno le scelte ad essere più importanti rispetto ai punti accumulati. Se si rientra nella seconda preferenza la terza andrà automaticamente a decadere, mentre si potrà aspettare un eventuale scorrimento per la prima preferenza.

 

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
Covid-19, Tortorella (Consulcesi): «Chiamata alle armi per medici ma chiediamo rispetto per ex specializzandi e nuove regole all’Università»
Oggi scadono i termini del bando per arruolare personale da impiegare negli ospedali più in difficoltà. Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Sosteniamo l’iniziativa del Governo con una campagna senza precedenti per la pandemia con la forza del più grande big data italiano, ma pretendiamo il rispetto degli specialisti non pagati e di chi fa ricorso per entrare a Medicina: subito la soluzione con l’approvazione della nuova Manovra finanziaria»
«Abbiamo bisogno di giovani con zoccoli sanitari, non sneakers colorate». La provocazione social di Consulcesi
Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Migliaia di ragazzi hanno fatto la fila fuori agli Atenei dopo aver studiato e fatto sacrifici e meritano una selezione meritocratica e intanto il Covid ha messo in evidenza la mancanza di specialisti: Parlamento verso una nuova sanatoria per l’ondata di ricorsi»
«Sono iscritta a Medicina perché ho vinto il ricorso». Storie di studenti che hanno sconfitto il numero chiuso
Marina, Roberta e Rachele stanno per laurearsi, ma non dimenticano l’emozione provata quando sono diventate studentesse di Medicina. E ora consigliano di fare ricorso a tutti coloro che sono stati vittime di irregolarità il giorno del test
Disegno di legge sul numero chiuso a Medicina: «Ammesso con riserva chi ha fatto ricorso»
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «In Italia mancano 56mila medici. Arriva in Parlamento il Ddl che consentirà l’accesso con riserva a chi ha presentato ricorso al Tar. Gli aspiranti camici bianchi hanno tempo fino all’11 dicembre per presentare ricorso»
Emergenza Covid, mancano 56mila medici. Consulcesi: «Colpa dell’errata programmazione a partire dai test di Medicina»
Il presidente Massimo Tortorella: «Il problema della carenza cronica di operatori sanitari va affrontato a monte, cioè a partire dal sistema di selezione degli aspiranti professionisti sanitari»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli