Formazione 5 Settembre 2019 11:30

Test di Medicina, il rettore Luigi Dei (UniFi): «Laureati troppo vecchi a causa dell’imbuto formativo»

Il doppio imbuto formativo, all’ingresso e a metà percorso «ci porta ad avere dei medici con età media in ingresso professione troppo alta rispetto all’Europa», spiega il rettore dell’Università di Firenze, Luigi Dei che commenta il tanto discusso numero chiuso

Test di Medicina, il rettore Luigi Dei (UniFi): «Laureati troppo vecchi a causa dell’imbuto formativo»

Numero chiuso, borse di specializzazione e diritto allo studio: all’indomani del test di Medicina 2019, svoltosi il 3 settembre in tutta Italia, si accende il dibattito sulle criticità del sistema di formazione delle professioni sanitarie. Del resto, la storia si ripete: c’è chi lamenta uno sbarramento iniziale che premia più la fortuna del merito, se non peggio i “furbetti”; chi invece pone l’attenzione sul doppio imbuto informativo che bloccherebbe a metà percorso circa la metà degli studenti, molto spesso già avanti con l’età proprio per il test di accesso al primo anno.

«In genere abbiamo circa un 40% di accessi che non sono al primo tentativo», spiega il rettore dell’Università degli Studi di Firenze, Luigi Dei, interpellato proprio in occasione della prova che ha visto concorrere nelle aule di Fortezza da Basso quasi duemila ragazzi per poco più di trecento posti disponibili. «Questo è un po’ normale per la questione dell’imbuto – continua il rettore  -. Stando un anno in corsi di laurea abbastanza similari al corso di medicina si possono studiare quelle discipline che poi finiscono nel test e quindi è chiaro che al secondo o al terzo tentativo, se è stato fatto un anno di studi e approfondimento, c’è una maggiore probabilità di successo. Questo ovviamente porta anche a un limite: innalza l’età media dei laureati medici, perché evidentemente entrare a diciannove, a venti o a ventuno anni, visto che è un percorso anche molto lungo…Noi abbiamo sempre in testa sei anni, ma abbiamo sei più quattro o più cinque, perché un medico se non è specializzato, ovviamente non è ancora niente»

LEGGI: I MEDICI (VERI) SUPEREROI ITALIANI ALLE PRESE CON IL PRIMO NEMICO: IL NUMERO CHIUSO E LE TANTE IRREGOLARITÀ

«Il tema principale non è tanto il numero chiuso che peraltro quest’anno è incrementato di circa il 20%. Il problema è il doppio imbuto. Ci dovrebbe essere una programmazione per cui stabiliamo di quanti medici ha bisogno il Paese fra dieci anni, perché oggi qui concorrono quelli che saranno medici tra dieci anni, se va bene. A quel punto non ci dovrebbe essere il secondo imbuto con un’altra strozzatura al 50%, questo ovviamente non può funzionare. Ci porta ad avere dei medici con età media in ingresso professione troppo alta rispetto all’Europa».

Servirebbero più borse di studio e maggiori finanziamenti. «Sì, servirebbero più borse di specializzazione, questo è il grande tema. Il tema della specializzazione, a mio modo di vedere, è cruciale, oggi come oggi, del tema del primo accesso».

Articoli correlati
Numero chiuso a Medicina, Consulcesi: «Da imbuto a “voragine” formativa, abbiamo bisogno di più laureati»
Tra 5 anni, si avranno 20mila posti in specialità che non troveranno medici disponibili a occuparli
Le borse di specializzazione saranno troppe rispetto ai laureati. Anaao: «Spreco di oltre 2mila milioni di euro»
«Nel 2026-2027 si avranno 19.800 posti in specialità che non troveranno medici disponibili a occuparli. Reinvestire denaro per rendere la professione più appagante»
Professioni Sanitarie in Campania, in due atenei mancano i profili nell’organico dei corsi di laurea
L’allarme del presidente Ordine TSRM PSTRP Napoli Avellino Benevento Caserta: «A rischio la validità della formazione nei tirocini professionalizzanti»
Anche il CNEL contro il “numero chiuso” a Medicina, al Senato proposta di legge su orientamento e accesso ai corsi
Il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro sottolinea: «L’attuale sistema di accesso alle cosiddette ‘Professioni mediche deve essere immediatamente abbandonato in favore di un sistema più rispettoso dei diritti costituzionali»
di Francesco Torre
Test Medicina, piano B per 4 studenti su 5: oltre la metà rinuncia al sogno del camice
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «C'è un'altra strada, quella del ricorso, che porta all'ammissione alla Facoltà di Medicina». Poche settimane per partecipare al ricorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 gennaio, sono 330.836.470 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.545.953 i decessi. Ad oggi, oltre 9,66 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre