Formazione 5 Settembre 2019

Test di Medicina, il rettore Luigi Dei (UniFi): «Laureati troppo vecchi a causa dell’imbuto formativo»

Il doppio imbuto formativo, all’ingresso e a metà percorso «ci porta ad avere dei medici con età media in ingresso professione troppo alta rispetto all’Europa», spiega il rettore dell’Università di Firenze, Luigi Dei che commenta il tanto discusso numero chiuso

Immagine articolo

Numero chiuso, borse di specializzazione e diritto allo studio: all’indomani del test di Medicina 2019, svoltosi il 3 settembre in tutta Italia, si accende il dibattito sulle criticità del sistema di formazione delle professioni sanitarie. Del resto, la storia si ripete: c’è chi lamenta uno sbarramento iniziale che premia più la fortuna del merito, se non peggio i “furbetti”; chi invece pone l’attenzione sul doppio imbuto informativo che bloccherebbe a metà percorso circa la metà degli studenti, molto spesso già avanti con l’età proprio per il test di accesso al primo anno.

«In genere abbiamo circa un 40% di accessi che non sono al primo tentativo», spiega il rettore dell’Università degli Studi di Firenze, Luigi Dei, interpellato proprio in occasione della prova che ha visto concorrere nelle aule di Fortezza da Basso quasi duemila ragazzi per poco più di trecento posti disponibili. «Questo è un po’ normale per la questione dell’imbuto – continua il rettore  -. Stando un anno in corsi di laurea abbastanza similari al corso di medicina si possono studiare quelle discipline che poi finiscono nel test e quindi è chiaro che al secondo o al terzo tentativo, se è stato fatto un anno di studi e approfondimento, c’è una maggiore probabilità di successo. Questo ovviamente porta anche a un limite: innalza l’età media dei laureati medici, perché evidentemente entrare a diciannove, a venti o a ventuno anni, visto che è un percorso anche molto lungo…Noi abbiamo sempre in testa sei anni, ma abbiamo sei più quattro o più cinque, perché un medico se non è specializzato, ovviamente non è ancora niente»

LEGGI: I MEDICI (VERI) SUPEREROI ITALIANI ALLE PRESE CON IL PRIMO NEMICO: IL NUMERO CHIUSO E LE TANTE IRREGOLARITÀ

«Il tema principale non è tanto il numero chiuso che peraltro quest’anno è incrementato di circa il 20%. Il problema è il doppio imbuto. Ci dovrebbe essere una programmazione per cui stabiliamo di quanti medici ha bisogno il Paese fra dieci anni, perché oggi qui concorrono quelli che saranno medici tra dieci anni, se va bene. A quel punto non ci dovrebbe essere il secondo imbuto con un’altra strozzatura al 50%, questo ovviamente non può funzionare. Ci porta ad avere dei medici con età media in ingresso professione troppo alta rispetto all’Europa».

Servirebbero più borse di studio e maggiori finanziamenti. «Sì, servirebbero più borse di specializzazione, questo è il grande tema. Il tema della specializzazione, a mio modo di vedere, è cruciale, oggi come oggi, del tema del primo accesso».

Articoli correlati
Manovra, mille borse di specializzazione in più. Novità per precari della sanità e fondo apparecchiature
La Commissione Bilancio ha approvato l’estensione del termine (dal 30 giugno 2019 al 31 dicembre 2019) in cui maturare i requisiti per la stabilizzazione. I fondi per le apparecchiature saranno estesi anche ai pediatri di liberi di scelta oltre agli MMG. Due milioni per il registro tumori
Legge di Bilancio | FederSpecializzandi, Sigm, Movimento Giotto e Aim: «Non bastano 900 borse in più, ne servono 2mila»  
Nell'appello la richiesta di «affiancare le Regioni nel processo di pianificazione del fabbisogno di medici in risposta al bisogno di salute della popolazione, e, dall’altro, potenziare il sistema di accreditamento delle Scuole di Specializzazione»
Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»
Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continua in medicina». Tra i progetti di riforma anche l’aumento delle borse di specializzazione
Al via il 14° Forum Risk Management. Giannotti: «Ministro lancerà tavolo permanente con le professioni sanitarie»
“La sanità che cambia” è il titolo dell’edizione di quest’anno che si svolge alla Fortezza di Basso di Firenze e che vedrà oltre 1300 relatori. Tra le novità la prima Conferenza nazionale della fragilità
Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso
A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Lavoro

Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»

Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della...