Formazione 5 Settembre 2019

Test di Medicina, il rettore Luigi Dei (UniFi): «Laureati troppo vecchi a causa dell’imbuto formativo»

Il doppio imbuto formativo, all’ingresso e a metà percorso «ci porta ad avere dei medici con età media in ingresso professione troppo alta rispetto all’Europa», spiega il rettore dell’Università di Firenze, Luigi Dei che commenta il tanto discusso numero chiuso

Immagine articolo

Numero chiuso, borse di specializzazione e diritto allo studio: all’indomani del test di Medicina 2019, svoltosi il 3 settembre in tutta Italia, si accende il dibattito sulle criticità del sistema di formazione delle professioni sanitarie. Del resto, la storia si ripete: c’è chi lamenta uno sbarramento iniziale che premia più la fortuna del merito, se non peggio i “furbetti”; chi invece pone l’attenzione sul doppio imbuto informativo che bloccherebbe a metà percorso circa la metà degli studenti, molto spesso già avanti con l’età proprio per il test di accesso al primo anno.

«In genere abbiamo circa un 40% di accessi che non sono al primo tentativo», spiega il rettore dell’Università degli Studi di Firenze, Luigi Dei, interpellato proprio in occasione della prova che ha visto concorrere nelle aule di Fortezza da Basso quasi duemila ragazzi per poco più di trecento posti disponibili. «Questo è un po’ normale per la questione dell’imbuto – continua il rettore  -. Stando un anno in corsi di laurea abbastanza similari al corso di medicina si possono studiare quelle discipline che poi finiscono nel test e quindi è chiaro che al secondo o al terzo tentativo, se è stato fatto un anno di studi e approfondimento, c’è una maggiore probabilità di successo. Questo ovviamente porta anche a un limite: innalza l’età media dei laureati medici, perché evidentemente entrare a diciannove, a venti o a ventuno anni, visto che è un percorso anche molto lungo…Noi abbiamo sempre in testa sei anni, ma abbiamo sei più quattro o più cinque, perché un medico se non è specializzato, ovviamente non è ancora niente»

LEGGI: I MEDICI (VERI) SUPEREROI ITALIANI ALLE PRESE CON IL PRIMO NEMICO: IL NUMERO CHIUSO E LE TANTE IRREGOLARITÀ

«Il tema principale non è tanto il numero chiuso che peraltro quest’anno è incrementato di circa il 20%. Il problema è il doppio imbuto. Ci dovrebbe essere una programmazione per cui stabiliamo di quanti medici ha bisogno il Paese fra dieci anni, perché oggi qui concorrono quelli che saranno medici tra dieci anni, se va bene. A quel punto non ci dovrebbe essere il secondo imbuto con un’altra strozzatura al 50%, questo ovviamente non può funzionare. Ci porta ad avere dei medici con età media in ingresso professione troppo alta rispetto all’Europa».

Servirebbero più borse di studio e maggiori finanziamenti. «Sì, servirebbero più borse di specializzazione, questo è il grande tema. Il tema della specializzazione, a mio modo di vedere, è cruciale, oggi come oggi, del tema del primo accesso».

Articoli correlati
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Duemila posti in più, fondo ad hoc e meccanismo ‘recupera-borse’: ecco la riforma delle specializzazioni e della laurea abilitante targata M5S
Il pentastellato Manuel Tuzi ha presentato alla Camera il testo. Tra le novità un fondo che avrà un iban pubblico finanziabile da soggetti privati, da medici, da enti, fondazioni e federazioni in maniera trasparente. «Serviva un intervento strutturale che aumentasse la capacità formativa degli atenei oltre le 11.500 unità» sottolinea il deputato M5S
Emergenza urgenza: OMCeO Palermo a sostegno dei giovani laureati
Continua l’impegno dell’Ordine dei medici di Palermo per i giovani camici bianchi under 40, soprattutto per i neolaureati rimasti fuori dalla scuola in Medicina d’Emergenza-Urgenza perché impediti dal cosiddetto imbuto formativo. Grazie al partenariato con la Fnomceo, è stato realizzato a Villa Magnisi, sede dell’Omceo, il corso teorico-pratico sull’Emergenza-urgenza, coordinato da Antonio Iacono, responsabile del […]
Borse di specializzazione, quante saranno nel 2020? Facciamo chiarezza
Un mail bombing dell’associazione Giovani medici per l’Italia lancia l'allarme sul numero di contratti di specializzazione finanziati in Legge di Bilancio. Abbiamo chiesto chiarimenti a FederSpecializzandi
Manovra, mille borse di specializzazione in più. Novità per precari della sanità e fondo apparecchiature
La Commissione Bilancio ha approvato l’estensione del termine (dal 30 giugno 2019 al 31 dicembre 2019) in cui maturare i requisiti per la stabilizzazione. I fondi per le apparecchiature saranno estesi anche ai pediatri di liberi di scelta oltre agli MMG. Due milioni per il registro tumori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano