Formazione 5 Settembre 2019 11:30

Test di Medicina, il rettore Luigi Dei (UniFi): «Laureati troppo vecchi a causa dell’imbuto formativo»

Il doppio imbuto formativo, all’ingresso e a metà percorso «ci porta ad avere dei medici con età media in ingresso professione troppo alta rispetto all’Europa», spiega il rettore dell’Università di Firenze, Luigi Dei che commenta il tanto discusso numero chiuso

Test di Medicina, il rettore Luigi Dei (UniFi): «Laureati troppo vecchi a causa dell’imbuto formativo»

Numero chiuso, borse di specializzazione e diritto allo studio: all’indomani del test di Medicina 2019, svoltosi il 3 settembre in tutta Italia, si accende il dibattito sulle criticità del sistema di formazione delle professioni sanitarie. Del resto, la storia si ripete: c’è chi lamenta uno sbarramento iniziale che premia più la fortuna del merito, se non peggio i “furbetti”; chi invece pone l’attenzione sul doppio imbuto informativo che bloccherebbe a metà percorso circa la metà degli studenti, molto spesso già avanti con l’età proprio per il test di accesso al primo anno.

«In genere abbiamo circa un 40% di accessi che non sono al primo tentativo», spiega il rettore dell’Università degli Studi di Firenze, Luigi Dei, interpellato proprio in occasione della prova che ha visto concorrere nelle aule di Fortezza da Basso quasi duemila ragazzi per poco più di trecento posti disponibili. «Questo è un po’ normale per la questione dell’imbuto – continua il rettore  -. Stando un anno in corsi di laurea abbastanza similari al corso di medicina si possono studiare quelle discipline che poi finiscono nel test e quindi è chiaro che al secondo o al terzo tentativo, se è stato fatto un anno di studi e approfondimento, c’è una maggiore probabilità di successo. Questo ovviamente porta anche a un limite: innalza l’età media dei laureati medici, perché evidentemente entrare a diciannove, a venti o a ventuno anni, visto che è un percorso anche molto lungo…Noi abbiamo sempre in testa sei anni, ma abbiamo sei più quattro o più cinque, perché un medico se non è specializzato, ovviamente non è ancora niente»

LEGGI: I MEDICI (VERI) SUPEREROI ITALIANI ALLE PRESE CON IL PRIMO NEMICO: IL NUMERO CHIUSO E LE TANTE IRREGOLARITÀ

«Il tema principale non è tanto il numero chiuso che peraltro quest’anno è incrementato di circa il 20%. Il problema è il doppio imbuto. Ci dovrebbe essere una programmazione per cui stabiliamo di quanti medici ha bisogno il Paese fra dieci anni, perché oggi qui concorrono quelli che saranno medici tra dieci anni, se va bene. A quel punto non ci dovrebbe essere il secondo imbuto con un’altra strozzatura al 50%, questo ovviamente non può funzionare. Ci porta ad avere dei medici con età media in ingresso professione troppo alta rispetto all’Europa».

Servirebbero più borse di studio e maggiori finanziamenti. «Sì, servirebbero più borse di specializzazione, questo è il grande tema. Il tema della specializzazione, a mio modo di vedere, è cruciale, oggi come oggi, del tema del primo accesso».

Articoli correlati
Concorso Medici di Medicina Generale, in Lombardia si presentano in 750 per 174 posti
Tra i candidati prevale la convinzione che la medicina territoriale vada cambiata
di Federica Bosco
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
Specializzandi, delegazione Pd incontra Ministra dell’Università Messa: «Sensibile ai nostri temi»
«La data del prossimo concorso di specializzazione ad oggi risulta essere confermata per luglio 2021» annuncia la delegazione Pd composta da Paola Boldrini, Vice Presidente della comm. Igiene e Sanità al Senato e Stefano Manai, Responsabile della formazione sanitaria del PD
Università, Raffaele Calabrò è il nuovo vicepresidente della Crui
Eletto nelle passate settimane nella Giunta come rappresentante delle università non statali, con la nuova nomina a vicepresidente, il professor Calabrò sarà chiamato ad affrontare i temi di maggiore attualità del mondo universitario italiano, dai processi di internazionalizzazione alla terza missione e al rapporto con il mondo del lavoro
Numero chiuso Medicina: dal Consiglio di Stato via libera a frequenza corsi a chi è entrato con riserva
L’ordinanza 590/221 sottolinea l’«urgenza di proseguire gli studi». Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Ancora una volta si è dovuti passare per i Tribunali per ottenere il diritto allo studio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...