Formazione 16 Luglio 2021 14:56

Test d’ingresso per le facoltà di Medicina: “Al bando i dubbi!” con i consigli degli esperti

Cosa è importante sapere sul test d’ingresso per la facoltà a numero chiuso di Medicina nel live webinar di Consulcesi

Test d’ingresso per le facoltà di Medicina: “Al bando i dubbi!” con i consigli degli esperti

Sarà un’estate sui libri per gli aspiranti studenti alla Facoltà di Medicina e Odontoiatria e ogni anno, con la pubblicazione del bando d’ammissione, puntuali arrivano dubbi e incertezze sulla corretta lettura e interpretazione del testo. I legali Consulcesi, da oltre vent’anni punto di riferimento dei professionisti della sanità, danno dei suggerimenti agli aspiranti medici rispetto alla prova di ammissione al corso di laurea.

«Nei diversi anni di attività, abbiamo spesso preso in carico situazioni di esclusione dall’ammissione per vizi di forma legati al bando e, quindi, alla presentazione della documentazione necessaria. Per questo diamo delle risposte alle domande più frequenti al fine di aiutare tutti coloro che trovano difficoltà ad accedere all’iscrizione al test a numero chiuso di medicina», ha spiegato il Business Legal Manager Consulcesi Bruno Borin insieme a Sara Saurini, Legal Communication Manager, nel live webinar “Al bando i dubbi!”, organizzato da Consulcesi in occasione del periodo di presentazione delle domande al bando indetto dal Ministero dell’Università e della Ricerca lo scorso 25 giugno. Ecco alcune delle principali domande dei partecipanti:

Quando è perfezionata la domanda?

La domanda è da considerarsi conclusa e perfezionata solo con il pagamento della quota di iscrizione che potrà avvenire anche oltre il 22 luglio, data ultima per presentare la domanda, ma non oltre il 2 agosto. Le iscrizioni saranno invece aperte dal 30 giugno al 22 luglio 2021 alle ore 15. L’unica modalità di iscrizione è attraverso il portale Universitaly.it.

Com’è strutturata la prova?

La prova è unica per Medicina e Odontoiatria e identica in tutte le sedi d’esame. È composta da 60 quesiti a risposta multipla: cultura generale, logica, chimica, biologia, fisica e matematica. Il tempo è di 100 minuti ed è uno dei fattori più importanti per portare avanti con successo la prova. Si svolgerà venerdì 3 settembre alle ore 13.

Cosa fare prima della prova?

È bene monitorare il sito dell’ateneo in cui si andrà a svolgere la prova per informarsi circa le misure anti-contagio che verranno adottate il giorno del test, perché potrebbero inasprirsi se dovesse esservi un aumento dei contagi.

 Cosa ricordare il giorno della prova?

Il primo consiglio è di arrivare in largo anticipo, per potersi sottoporre alle misure anti Covid previste in ogni singola Facoltà evitando il rischio di non arrivare in tempo. Prima di uscire di casa, controllare i documenti di riconoscimento. Raccomandiamo ad ogni candidato di verificare l’integrità del plico contenente la prova e di denunciarne immediatamente l’anomalia qualora ve ne fosse bisogno.

 Come viene costruito il punteggio?

Come scritto nel bando, entreranno in graduatoria coloro che hanno ottenuto un punteggio uguale o superiore a 20. Ad ogni risposta esatta verranno assegnati 1,5 punti, ad ogni risposta errata verranno sottratti 0.4 punti, per ogni risposta omessa invece il punteggio sarà uguale a zero. Dove c’è un forte dubbio, meglio non rispondere. Il punteggio massimo è 90. In caso di parità viene dato un peso specifico ai diversi temi: pertanto attenzione alle domande cui rispondete, più peso alla logica e cultura generale e a seguire in ordine decrescente biologia, chimica, fisica e matematica. In caso di ulteriore parità, verrà scelto lo studente più giovane.

Cosa fare dopo la prova?

Viene definito il “giorno cruciale”, ovvero il 28 settembre, quello della pubblicazione della graduatoria. Da questa data potrete verificare la vostra posizione in graduatoria in cui potrete trovare accanto al vostro nominativo diverse diciture: assegnato, nel caso di superamento della prova a cui dovrete far seguire l’immatricolazione entro 4 giorni; prenotato, nel caso in cui si è rientrati nella seconda o terza scelta di facoltà inserita nella domanda. In entrambi i casi è necessario formalizzare, entro le ore 12,00 del quinto giorno successivo allo scorrimento della graduatoria, l’interesse a rimanere nella stessa altrimenti si rischia l’eliminazione dalla graduatoria stessa.

Il test a numero chiuso per l’accesso alle facoltà di Medicina resta un tema centrale per le attività di Consulcesi che, come ogni anno, continuerà a mettere a disposizione degli aspiranti medici il proprio team di esperti sia prima che dopo lo svolgimento della prova di ammissione.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Alzheimer, Gori (Consulcesi): «Aggiornamento è chiave per diagnosi precoce»
In occasione della Giornata Mondiale, Consulcesi lancia un nuovo corso ECM per sensibilizzare e aggiornare i camici bianchi sulle ultime novità
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola