Formazione 17 Settembre 2019 10:00

«Sistema irregolare e non meritocratico», la protesta contro il numero chiuso: «Così si smantella la sanità pubblica»

Gruppi di protesta contro il test di Medicina si sono riuniti alla Sapienza in occasione della prova. «La volontà politica è quella di tagliare sulla spesa pubblica e il numero chiuso favorisce questo taglio

«Sistema irregolare e non meritocratico», la protesta contro il numero chiuso: «Così si smantella la sanità pubblica»

«Il numero chiuso è un sistema non meritocratico che fa parte di un preciso disegno politico che mira a smantellare la sanità pubblica in favore dei privati». È questo, in sostanza, il messaggio lanciato da alcuni gruppi di protesta che si sono radunati alla Sapienza di Roma in occasione del test d’ingresso alla Facoltà di Medicina.

«Siamo qui perché il numero chiuso permette da anni di fare un taglio strutturale sulla sanità – spiega ai nostri microfoni Gianluca Lang del Fronte della Gioventù Comunista –. La volontà politica è quella di tagliare sulla spesa pubblica e il numero chiuso favorisce questo taglio. Quindi sostanzialmente serve a depotenziare il Ssn in favore di una riduzione della spesa pubblica che viene magari virata sul salvataggio di banche oppure sul rifinanziamento delle spese militari, che aumentano di anno in anno, mentre il servizio sanitario pubblico, che dovrebbe sostenere i cittadini, viene meno in favore di quello privato».

Ma il numero chiuso viene criticato ampiamente anche per le irregolarità che si ripetono ogni anno e che danno vita ad una valanga di ricorsi da parte degli studenti ingiustamente esclusi dalla graduatoria: «Ci hanno detto che è un test assolutamente meritocratico che premia chi è più capace, chi insomma che a fronte dei pochi posti merita di stare lì. La realtà non è questa – spiega ancora Lang – perché col merito ha pochissimo a che vedere. Chi magari ha studiato in una scuola più finanziata o uno che ha potuto fare tutti i corsi estivi preparatori, che costano anche migliaia di euro, hanno evidentemente delle possibilità in più di superare quel test, ma non è detto che meriti quel posto, perché non è una questione di capacità ma solo una questione economica. Poi esistono sicuramente altre irregolarità ma il problema principale è la barriera economica e di classe rappresentata dai test».

«Siamo qui per protestare contro il numero chiuso – spiega invece Riccardo Sala del Link Coordinamento Universitario – perché per noi è un’evidente dimostrazione di una volontà politica da parte dei Ministeri della Sanità e dell’Istruzione di definanziare completamente la filiera formativa, sia in medicina che in specializzazione. Personalmente e come organizzazione – continua Sala – siamo per l’abolizione di tutti i test d’ingresso a numero chiuso di tutte le università. È evidente che ad oggi non sia pensabile aprire medicina a tutti gli studenti e studentesse che vogliono farlo, ma il problema è semplicemente economico, di finanziamento e di strutture, docenti e tirocini. Evidentemente, fino a quando il Ministero dell’Istruzione non procederà ad un finanziamento strutturale e corposo all’interno delle Facoltà di Medicina, noi non potremo fare questo passo. Tutto ciò va a discapito del Paese intero, perché nel momento in cui non ci sono medici, come ci curiamo? Oppure in futuro, quando sarò in corsia con altri due colleghi a dover gestire 40 letti, come faremo? Non lo faremo, semplice. Siamo in una situazione di assoluta precarizzazione – conclude Sala –. Chi avrà i soldi potrà pagarsi la struttura privata, chi non li avrà marcirà negli ospedali pubblici che sono ormai alla decadenza totale».

Consulcesi mette a disposizione dei candidati il portale web www.numerochiuso.info e i propri social, per raccogliere testimonianze e fornire informazioni su come tutelarsi in caso di scorrettezze durante la prova. A loro disposizione ci sono anche 1000 consulenti consultabili gratuitamente attraverso il numero verde 800.189091.

Articoli correlati
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
«Ho le farfalle nello stomaco» non è solo una metafora: ce lo dicono le pillole furbe
Un nuovo studio italiano, coordinato dal Dipartimento di Psicologia della Sapienza e dal laboratorio IIT Neuroscience and Society, ha dimostrato l’esistenza di una correlazione tra lo stato fisiologico dell’apparato gastrointestinale e la consapevolezza del proprio corpo. La ricerca è pubblicata sulla rivista iScience
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...