Formazione 30 ottobre 2018

Ricerca e formazione, parlano i vincitori del Premio “SICPRE Giovani”

Il Premio, organizzato dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, è andato a 10 giovani promesse della chirurgia italiana. I lavori verranno pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale PRS GO

Ricerca, sviluppo e formazione in campo medico e sanitario sono da sempre al centro della visione di SICPRE (Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica). Visione che si concretizza con il lavoro di ogni giorno e con la nascita di iniziative volte a promuovere lavori e attività orientati in questo senso. Con SICPRE ha collaborato Consulcesi, contribuendo a finanziare con una donazione di 2.500 euro il Premio “SICPRE Giovani”, giunto alla sua quarta edizione. Dedicato agli Specializzandi e ai giovani Specialisti in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, il Premio “SICPRE Giovani” consiste nella pubblicazione dei 10 migliori lavori scientifici sulla prestigiosa rivista internazionale PRS GO, che dedica a questo evento una Special Issue. I premiati dell’ultima edizione sono i dottori Stefano Vitagliano, Francesco Marongiu, Marta Starnoni, Eva Kohlscheen, Giulia Boscaini, Michele Maruccia, Mauro Barone, Maria Servillo, Nicolò Favuzza e Andrea Lisa. I lavori scientifici pubblicati sono stati selezionati nell’ambito delle sessioni congressuali dedicate ai giovani, con criteri di valutazione che hanno permesso di individuare le presentazioni più interessanti e originali.

“Ho presentato uno studio sulla qualità della vita nelle pazienti sottoposte a mastectomia e ricostruzione mammaria – ci spiega il dottor Mauro Barone, tra i vincitori del premio –. Lo studio riguardava la simmetrizzazione del risultato, in modo tale da permettere alla paziente di riuscire a vestirsi e guardarsi allo specchio nel migliore dei modi, in maniera esteticamente gradevole. Abbiamo verificato come andando a fare una costruzione mammaria con protesi della mammella malata era necessario inserire una protesi anche all’altro seno, in modo tale da permettere ad entrambe le mammelle di invecchiare in maniera uguale, dando un buon risultato a lungo termine”. “Sono stato premiato per un abstract che riguardava il trattamento microchirurgico dell’infedema tramite una tecnica microinvasiva in cui un lembo linfonodale veniva prelevato dall’addome – ci spiega invece il dottor Michele Maruccia, altro vincitore del premio –, quindi riducendo i rischi di un’infedema secondario. In seguito viene trapiantato a livello dell’arto interessato, quindi con una tecnica che riduce i rischi di questo tipo di chirurgia che è l’infedema secondario”.

“Un premio come questo – spiega ancora il dottor Barone – è importante perché aiuta noi giovani  ad andare avanti e quindi a continuare la ricerca per dare miglior qualità e nuove aspettative ai pazienti. In Italia, in un momento in cui  mancano i fondi per la ricerca, un premio  del genere è fondamentale. Specialmente per noi giovani”. “Ad un giovane chirurgo – conclude infine il dottor Maruccia – questo tipo di premio offre una visibilità incredibile, ma soprattutto la possibilità di confrontarsi con un parterre di persone importanti che possono valutare lo studio di questo giovane che può rappresentare, per lui, un grande slancio per la carriera”.

Articoli correlati
Innovazione in sanità: al “Malta Blockchain Summit” nasce il futuro della digital identity
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech: «Con la Blockchain si certifica l’identità dei pazienti, del fornitore sanitario e del farmaco, escludendo falsificazioni e frodi»
“The Fire Within”, Claudio Liguori vince premio per studio su apnee ostruttive notturne. D’Angelo (OMCeO Salerno): «Così sosteniamo i giovani»
«Questo premio - sottolinea il Presidente dell’Ordine salernitano - lo diamo con la speranza che chi lo vince ritorni quanto prima nel suo territorio per restituire la parte di sacrifici che la comunità e la loro famiglia hanno sostenuto». Le borse di studio sono sostenute anche da Consulcesi
Chirurgia plastica, il neo presidente Sicpre Fasano: «Farò sentire i soci a casa loro, puntando su confronto e aggiornamento»
Adriana Cordova tira le somme della sua presidenza, appena terminata: «Ho cercato di rafforzare il ruolo di guida scientifica della società e organizzato percorsi diagnostico-terapeutici per i pazienti transessuali»
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...