Formazione 30 Ottobre 2018

Ricerca e formazione, parlano i vincitori del Premio “SICPRE Giovani”

Il Premio, organizzato dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, è andato a 10 giovani promesse della chirurgia italiana. I lavori verranno pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale PRS GO

Ricerca, sviluppo e formazione in campo medico e sanitario sono da sempre al centro della visione di SICPRE (Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica). Visione che si concretizza con il lavoro di ogni giorno e con la nascita di iniziative volte a promuovere lavori e attività orientati in questo senso. Con SICPRE ha collaborato Consulcesi, contribuendo a finanziare con una donazione di 2.500 euro il Premio “SICPRE Giovani”, giunto alla sua quarta edizione. Dedicato agli Specializzandi e ai giovani Specialisti in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, il Premio “SICPRE Giovani” consiste nella pubblicazione dei 10 migliori lavori scientifici sulla prestigiosa rivista internazionale PRS GO, che dedica a questo evento una Special Issue. I premiati dell’ultima edizione sono i dottori Stefano Vitagliano, Francesco Marongiu, Marta Starnoni, Eva Kohlscheen, Giulia Boscaini, Michele Maruccia, Mauro Barone, Maria Servillo, Nicolò Favuzza e Andrea Lisa. I lavori scientifici pubblicati sono stati selezionati nell’ambito delle sessioni congressuali dedicate ai giovani, con criteri di valutazione che hanno permesso di individuare le presentazioni più interessanti e originali.

“Ho presentato uno studio sulla qualità della vita nelle pazienti sottoposte a mastectomia e ricostruzione mammaria – ci spiega il dottor Mauro Barone, tra i vincitori del premio –. Lo studio riguardava la simmetrizzazione del risultato, in modo tale da permettere alla paziente di riuscire a vestirsi e guardarsi allo specchio nel migliore dei modi, in maniera esteticamente gradevole. Abbiamo verificato come andando a fare una costruzione mammaria con protesi della mammella malata era necessario inserire una protesi anche all’altro seno, in modo tale da permettere ad entrambe le mammelle di invecchiare in maniera uguale, dando un buon risultato a lungo termine”. “Sono stato premiato per un abstract che riguardava il trattamento microchirurgico dell’infedema tramite una tecnica microinvasiva in cui un lembo linfonodale veniva prelevato dall’addome – ci spiega invece il dottor Michele Maruccia, altro vincitore del premio –, quindi riducendo i rischi di un’infedema secondario. In seguito viene trapiantato a livello dell’arto interessato, quindi con una tecnica che riduce i rischi di questo tipo di chirurgia che è l’infedema secondario”.

“Un premio come questo – spiega ancora il dottor Barone – è importante perché aiuta noi giovani  ad andare avanti e quindi a continuare la ricerca per dare miglior qualità e nuove aspettative ai pazienti. In Italia, in un momento in cui  mancano i fondi per la ricerca, un premio  del genere è fondamentale. Specialmente per noi giovani”. “Ad un giovane chirurgo – conclude infine il dottor Maruccia – questo tipo di premio offre una visibilità incredibile, ma soprattutto la possibilità di confrontarsi con un parterre di persone importanti che possono valutare lo studio di questo giovane che può rappresentare, per lui, un grande slancio per la carriera”.

Articoli correlati
Si avvicina il test di Medicina 2019: «Per i ricorsi la soluzione è numerochiuso.info»
Con l’avvicinarsi del quiz tornano anche alla ribalta le irregolarità che spesso hanno dato seguito a numerosi ricorsi al TAR. In soccorso degli studenti arriva lo sportello gratuito di Consulcesi
Numero chiuso, il Consiglio di Stato riammette cento studenti esclusi per mancanza di posti
La sentenza mette in discussione la capacità ricettiva degli Atenei. Il Presidente Consulcesi, Massimo Tortorella: «A questo punto non si può credere neanche dell’esattezza del numero dei posti stabiliti per l’anno accademico 2019/2020. Di fronte a queste continue irregolarità Consulcesi è pronta a scendere in campo per tutelare il diritto allo studio dei futuri camici bianchi»
Torna Ebola in Congo, ecco i sintomi e come riconoscerla: i consigli del “paziente zero”
«Niente allarmismo, ma è importante che i medici italiani riconoscano la sintomatologia». Parla Fabrizio Pulvirenti, “paziente zero” e consulente del primo corso ECM FAD sul virus Ebola. On line anche “e-bola”, prima pellicola della collana dei Film Formazione, un nuovo modello di edutainment per aggiornarsi in maniera ancora più coinvolgente
Arriva la Sahariana: niente guide fake su internet: le 8 regole d’oro del medico per non rischiare
Bevande, alimenti e indumenti anti-colpo di calore: il vademecum di Consulcesi Club, in collaborazione con la dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista, per la sicurezza di bambini e adulti. Quali sono i sintomi del colpo di calore e come prevenirlo? Ecco i segnali da non sottovalutare
I giovani medici italiani “invecchiano” senza FaceApp. Consulcesi «Ogni anno in mille costretti alla fuga»
Il Presidente Massimo Tortorella: «La tentazione di andare a lavorare in Francia, Germania o Gran Bretagna, dove vengono offerti contratti migliori e carriere più rapide, è forte per tutti i nostri aspiranti specialisti: in Italia ci sono primari under 40? All’estero è la normalità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone