Formazione 22 Giugno 2016 16:03

Pietro Bartolo, dall’Orso d’Oro al Nobel a Lampedusa. «Un docufilm con Consulcesi per formare i medici»

Tortorella (Consulcesi) e il dottor Bartolo annunciano collaborazione in progetto formativo. FNOMCeO su obbligo ECM: «Non creare disorientamento e disagio nei professionisti della salute». Consulcesi: «Sforzo comune su innovazione e trasparenza»

Il tempo per mettersi in regola con l’obbligo ECM sta per scadere. I medici hanno fino al 31 dicembre 2016 per raccogliere tutti i 150 crediti del triennio, ma in tantissimi rischiano di non farcela. Solo poche settimane fa, il presidente della FNOMCeO Roberta Chersevani aveva commentato ai nostri microfoni che, al momento, circa la metà dei camici bianchi italiani non risultava in regola con l’obbligo ECM.

Un dato che è stato ripreso e commentato nella tavola rotonda “Formazione medica senza barriere”, che ha avuto luogo al Ministero della Salute e a cui hanno partecipato associazioni dei pazienti, istituzioni mediche, personalità scientifiche e stakeholder del settore, su iniziativa di Consulcesi Group. Una discussione che si è mossa tra le proposte per migliorare il livello di formazione e le innovazioni legate a FAD (Formazione a distanza) e “Film Formazione”. Dopo la tavola rotonda, la FNOMCeO è intervenuta sul tema e, in attesa di dati più certi sull’obbligo ECM, ha invitato Consulcesi e tutti gli intervenuti a non creare «disorientamento e disagio nei professionisti della salute» e a «non creare preoccupazioni eccessive nei cittadini». Alla nota FNOMCeO ha risposto anche Consulcesi sottolineando che «qualora i dati citati da FNOMCeO riportati da più organi di stampa non fossero in realtà corretti, saremo lieti di confrontarci sui dati reali, dando quindi una informazione corretta ai medici e ai cittadini, appena questi fossero disponibili. Da parte nostra – si può ancora leggere nel comunicato Consulcesi – abbiamo contribuito alla tavola rotonda illustrando proposte e soluzioni per garantire una formazione di qualità e facilmente fruibile per la classe medica è a compiere sforzi comuni con la FNOMCeO sulle proposte delle associazioni e delle realtà che rappresentano i pazienti intervenute all’incontro, Federanziani e Pazienti.it, che hanno chiesto metodi trasparenti per conoscere in tempo reale il livello formativo di tutti i medici italiani».

Numerose le personalità intervenute nel corso dell’incontro del 9 giugno. Tra questi, anche l’ex premier e presidente della fondazione “Italianieuropei”, Massimo D’Alema, secondo cui «se vogliamo mantenere uno standard qualitativo elevato in una situazione in cui, purtroppo, l’investimento in sanità tende a ridursi, abbiamo bisogno di medici altamente qualificati. In caso contrario – spiega – ci allontaneremo dagli standard europei». Per l’ex presidente del Consiglio è dunque necessario investire «perché la formazione è strettamente legata all’innovazione, ed entrambe sono condizioni necessarie per riuscire ad ottenere il controllo dei costi». Concetto, quello dell’investimento sull’innovazione, condiviso durante la tavola rotonda dallo stesso ministro Lorenzin. «Formazione e innovazione – spiega poi il presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella – sono le caratteristiche principali dei nostri corsi formativi, che sono all’avanguardia a livello europeo e mondiale. In particolare – spiega Tortorella – stiamo aprendo una nuova epoca attraverso i Film Formazione», ovvero delle pellicole cinematografiche collegate a corsi formativi per medici. Nel corso dell’evento è stato anche presentato il progetto “Sanità di Frontiera”, da cui nascerà un docufilm con cui formare i medici che andranno a lavorare a Lampedusa o in tutte le zone in cui è necessaria la presenza di personale sanitario capace di affrontare i problemi che si accompagnano ai fenomeni migratori.

«Protagonista di questo progetto – spiega ancora il presidente di Consulcesi – sarà il dottor Bartolo, che ci aiuterà a spiegare meglio qual è la situazione reale che si sta vivendo a Lampedusa sotto il profilo sanitario». Il dottor Bartolo, medico simbolo dell’accoglienza umana e sanitaria dei migranti a Lampedusa, nonché protagonista in “Fuocoammare”, il documentario vincitore dell’Orso d’Oro al Festival di Berlino, dal canto suo commenta il dato del 50% di medici in ritardo con la formazione, definendolo «sconfortante». «La formazione dei medici – spiega Bartolo – è alla base della professione, anche perché il mondo scientifico-sanitario è in continua evoluzione sotto tutti i punti di vista: da quello tecnologico, farmaceutico, diagnostico, e così via. È dunque ovvio e naturale che i medici debbano seguire passo dopo passo questa evoluzione, in modo da essere sempre pronti e competenti e riuscire a dare rispose esaustive e valide ai pazienti che, dal canto loro, chiedono di sapere se il medico a cui si rivolgono sia formato e aggiornato. Tutto ciò va fatto – continua Bartolo – anche e soprattutto in zone di frontiera come Lampedusa, dove io lavoro: ogni giorno vediamo persone che vengono dall’altra parte del mediterraneo e che portano con se patologie che, seppur non eccessivamente preoccupanti, vanno comunque affrontate e curate nel modo giusto. È dunque ovvio che, alla base di tutto ciò, ci debba essere una corretta formazione».

Articoli correlati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...