Formazione 16 Settembre 2019

Numero chiuso, Studenti indipendenti al Ministro: «Più posti al test e raddoppiare le borse di specializzazione»

Il Movimento studentesco ha protestato contro l’imbuto formativo e la carenza di posti per la specializzazione: «Ci viene detto dal Ministero che ci sono numeri programmati, a seconda del fabbisogno della salute del Paese, ma se guardiamo i nostri ospedali ci rendiamo conto che non è così». Irregolarità al test di ingresso, continuano le segnalazioni

di Federica Bosco
Immagine articolo

Medici senza futuro e futuro senza medici: questo è lo scenario ipotizzato dal Movimento studenti indipendenti, giovani camici bianchi e specializzandi che, in attesa di conoscere l’esito del test, che ha interessato oltre 68 mila studenti, per 11 mila posti, bocciano l’attuale sistema e chiedono al Ministro Speranza più risorse per la categoria.  Li abbiamo incontrati all’Università Bicocca il giorno del test di medicina. Mentre gli studenti in fila attendevano il loro turno per la registrazione, in un gazebo poco distante loro, in camice bianco, mascherina sul volto e striscioni in mano, richiamavano l’attenzione dei presenti con fischietto e megafono per dichiarare l’emergenza sanitaria.

Altro tema su cui sono puntati i riflettori è quello degli errori e irregolarità al test che sono stati segnalati in tutta Italia: Consulcesi, network legale leader nella tutela dei medici, segnala che sono già centinaia le segnalazioni raccolte sul portale w ww.numerochiuso.info, sui canali social e dai consulenti presenti fisicamente in diverse università in giro per l’Italia.

«Ci viene detto dal Ministero che ci sono numeri programmati, a seconda del fabbisogno della salute del Paese, ma se guardiamo i nostri ospedali ci rendiamo conto che non è così. – Dichiara uno degli studenti del sesto anno della Bicocca di Milano –  Se poi teniamo conto di quota 100 e dell’età anagrafica di molti medici, è evidente che nei prossimi anni andranno in pensione molti camici bianchi e non ci sarà il ricambio necessario per rendere efficiente il servizio sanitario, quindi il rischio di avere sempre liste di attesa più lunghe nella sanità pubblica è reale.  Al contempo esiste un altro grave problema che sono le borse di studio per gli specializzandi. L’ultima tornata di ammissione ha visto 20 mila candidati per 8 mila borse di studio, il che significa che molti studenti di medicina non riusciranno ad entrare nella scuola di specializzazione».

«Al Ministro Speranza  – continua lo studente – chiediamo che vengano raddoppiate tutte le borse di studio per affrontare questa emergenza e garantire il diritto alla salute di tutto il Paese. Ad oggi invece di fronte ad una carenza di organico in alcune Regioni vengono richiamati medici in pensione o, peggio ancora, affidati i turni a medici neoabilitati che non hanno una formazione specialistica e quindi all’interno del Pronto Soccorso si va a diminuire la qualità della cura».

«Come consiglio cico loro di affrontare questo percorso con la determinazione di chi vuole realizzare un obiettivo – conclude – Fare il medico è un lavoro molto impegnativo, ma di sicuro gratificante. I ragazzi devono assumersi la responsabilità di chiedere di essere formati per poter garantire un servizio sanitario di qualità».

Articoli correlati
Liste d’attesa, 500 milioni per azzerarle entro fine anno. Anche con servizi aperti di sera e nei weekend
La bozza del Dl Agosto individua gli strumenti per combattere le liste d’attesa che si sono allungate a causa del Covid: assunzioni, prestazioni aggiuntive, nuovi compiti agli specializzandi e acquisto di prestazioni dal privato
Speranza: «Distanziamento sui treni essenziale per non vanificare sforzi degli italiani»
Durante il question time alla Camera, il ministro della Salute classifica l'ordinanza del 1 agosto che ristabilisce il distanziamento sui treni come essenziale e prosegue: «Penso che dovremmo insistere su questa regola insieme alle regioni»
Facoltà di Medicina di Ferrara, ecco com’è andata la sperimentazione. Il rettore: «Test è sistema selettivo inidoneo»
All’Università di Ferrara primo anno con 600 studenti di Medicina, il triplo degli anni passati. Zauli: «Siamo riusciti a erogare lezioni frontali ed esercitazioni. Con il test d'ingresso selezioniamo in maniera non ottimale chi entra a Medicina e perdiamo per strada potenziali ottimi medici»
Chimici e Fisici incontrano il Ministro Speranza: focus su scuole di specializzazione, esame di stato e valorizzazione ruolo sanitario
Tra le proposte portate dalla Presidente della FNCF Nausicaa Orlandi e dal Segretario Daniela Maurizi le disposizione transitorie per la riforma del sistema ordinistico, l'attivazione di scuole di specializzazione, la definizione del trattamento economico per specializzandi di area non medica, la partecipazione ai tavoli di lavoro del Testo Unico sulla Sicurezza e potenziamento del ruolo nelle ARPA
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»