Formazione 11 maggio 2016

Numero chiuso medicina, parla il ministro: «La “rivoluzione francese” può aspettare»

Il titolare dell’Istruzione Stefania Giannini sgombera il campo: «Per il prossimo anno accademico il test resta così com’è, ma guardiamo sempre alla Francia dove c’è l’unico sistema formativo per i medici migliore del nostro»

Cambiare? Sì, ma non subito. La riforma secondo il modello francese dell’accesso alle facoltà universitarie a numero chiuso resta una prerogativa del ministro Stefania Giannini. Ma non è, almeno per il momento, in cima alla lista delle priorità.

Nonostante il capo dipartimento del MIUR, il professor Marco Mancini, abbia svelato alla stampa che negli uffici di viale Trastevere si stava portando avanti il progetto di sostituzione del test di ingresso con lo sbarramento del super-esame al termine del primo anno (come appunto succede in Francia), il ministro Giannini ha raffreddato gli animi rispondendo alle domande di Sanità informazione a margine degli Stati Generali della Ricerca. Per la titolare del dicastero di Istruzione, Università e Ricerca è necessario rivedere il sistema, pensando ad una soluzione più meritocratica, guardando a quello che ha definito l’ «unico sistema formativo migliore di quello italiano». Ma il prossimo autunno l’accesso alla facoltà di Medicina sarà regolato ancora dai contestati test, che continuano a produrre – per via dei ricorsi – migliaia di ammissioni in sovrannumero. Un problema alla base dell’imbuto formativo che alimenta il precariato e rischia di creare, come anticipato da sindacati attraverso ricerche, un esercito di medici disoccupati nei prossimi anni.

Ministro Giannini, a proposito di Università, il tema del numero chiuso è tornato centrale proprio nelle ultime settimane. Possiamo ipotizzare delle novità?
«Il numero chiuso non esiste in quanto tale. Esiste, invece, un numero programmato per alcuni corsi di laurea e Medicina è uno di questi. Per quest’anno il test, e lo abbiamo già ribadito, sarà quello che è già stato modificato, aggiornato ai nuovi bisogni lo scorso anno e tale resta. Poi la riflessione è sempre aperta. Io personalmente credo che sia un tema da rivedere».

Il capo dipartimento del Miur, il professor Marco Mancini, ha però anticipato che il ministero era tornato nuovamente al lavoro sull’ipotesi di una riforma ispirata al modello francese di cui si era già parlato lo scorso anno.
«Per il momento sono tutte idee, riflessioni, che possono essere fatte e aperte. Quello che interessa è mantenere il fatto consolidato che dopo la Francia, l’Italia è il miglior sistema di specializzazione e formazione medica al mondo».

Anche perché c’è un problema di ricorsi con migliaia e migliaia di riammissioni in sovrannumero ordinate dai Tribunali.
«Questo è innegabile, ma noi non possiamo fare politiche di alta qualità badando ai ricorsi. Noi dobbiamo, invece, prestare attenzione agli obiettivi di formazione e ad un diritto allo studio che deve essere sempre più meritocratico».

Articoli correlati
Riforma numero chiuso, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Modello francese dà troppa discrezionalità ai professori»
Il presidente dell’associazione si dice contrario all’abolizione dell’accesso programmato alle facoltà di Medicina senza l’aumento delle borse di specializzazione. Guicciardi ha dubbi anche sul sistema utilizzato in Francia, con uno sbarramento alla fine del primo anno: «Sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità. Anche la Francia lo sta rimettendo in discussione»
UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»
Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»
Numero chiuso a Medicina, Salvini rilancia l’abolizione. E sposa la proposta del rettore Unife Zauli che vuole sperimentare lo stop ai test
Il vicepremier, sui social, sottolinea: «Via il numero chiuso a Medicina: diritto allo studio e al lavoro per tanti ragazzi, diritto alla salute per tanti Italiani. Sono d'accordo!». Il Magnifico Rettore dell’ateneo di Ferrara propone che dal prossimo anno accademico la soglia di sbarramento non sia più il test d'ingresso, ma finire tutti gli esami del primo semestre del primo anno con una media non inferiore al 27
Abolizione Numero Chiuso, Consulcesi: «Alle parole seguano i fatti»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Bene le parole del vicepremier Salvini, ma e si cambino le regole fin dal prossimo anno accademico»
Fisioterapisti, dal bilancio Aifi 2018 record di iscritti e 78 eventi organizzati. Ecco analisi “sociale”
Il 2018 è stato un anno importante e «denso di avvenimenti»per l’Aifi (Associazione italiana Fisioterapisti).  «Il 2019 sarà un anno di transizione, in cui si intensificherà sempre di più l’attività di carattere tecnico scientifico e si ridurraà progressivamente quella deputata alla rappresentatività professionale, delegata all’ordine TSRM – PSTRP» fa sapere l’Aifi in una nota stampa. I […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...