Formazione 11 Maggio 2016

Numero chiuso medicina, parla il ministro: «La “rivoluzione francese” può aspettare»

Il titolare dell’Istruzione Stefania Giannini sgombera il campo: «Per il prossimo anno accademico il test resta così com’è, ma guardiamo sempre alla Francia dove c’è l’unico sistema formativo per i medici migliore del nostro»

Cambiare? Sì, ma non subito. La riforma secondo il modello francese dell’accesso alle facoltà universitarie a numero chiuso resta una prerogativa del ministro Stefania Giannini. Ma non è, almeno per il momento, in cima alla lista delle priorità.

Nonostante il capo dipartimento del MIUR, il professor Marco Mancini, abbia svelato alla stampa che negli uffici di viale Trastevere si stava portando avanti il progetto di sostituzione del test di ingresso con lo sbarramento del super-esame al termine del primo anno (come appunto succede in Francia), il ministro Giannini ha raffreddato gli animi rispondendo alle domande di Sanità informazione a margine degli Stati Generali della Ricerca. Per la titolare del dicastero di Istruzione, Università e Ricerca è necessario rivedere il sistema, pensando ad una soluzione più meritocratica, guardando a quello che ha definito l’ «unico sistema formativo migliore di quello italiano». Ma il prossimo autunno l’accesso alla facoltà di Medicina sarà regolato ancora dai contestati test, che continuano a produrre – per via dei ricorsi – migliaia di ammissioni in sovrannumero. Un problema alla base dell’imbuto formativo che alimenta il precariato e rischia di creare, come anticipato da sindacati attraverso ricerche, un esercito di medici disoccupati nei prossimi anni.

Ministro Giannini, a proposito di Università, il tema del numero chiuso è tornato centrale proprio nelle ultime settimane. Possiamo ipotizzare delle novità?
«Il numero chiuso non esiste in quanto tale. Esiste, invece, un numero programmato per alcuni corsi di laurea e Medicina è uno di questi. Per quest’anno il test, e lo abbiamo già ribadito, sarà quello che è già stato modificato, aggiornato ai nuovi bisogni lo scorso anno e tale resta. Poi la riflessione è sempre aperta. Io personalmente credo che sia un tema da rivedere».

Il capo dipartimento del Miur, il professor Marco Mancini, ha però anticipato che il ministero era tornato nuovamente al lavoro sull’ipotesi di una riforma ispirata al modello francese di cui si era già parlato lo scorso anno.
«Per il momento sono tutte idee, riflessioni, che possono essere fatte e aperte. Quello che interessa è mantenere il fatto consolidato che dopo la Francia, l’Italia è il miglior sistema di specializzazione e formazione medica al mondo».

Anche perché c’è un problema di ricorsi con migliaia e migliaia di riammissioni in sovrannumero ordinate dai Tribunali.
«Questo è innegabile, ma noi non possiamo fare politiche di alta qualità badando ai ricorsi. Noi dobbiamo, invece, prestare attenzione agli obiettivi di formazione e ad un diritto allo studio che deve essere sempre più meritocratico».

Articoli correlati
Palermo, gli ospedali privati aprono le porte agli studenti del liceo Cannizzaro
Gli ospedali privati di Palermo aprono le porte agli studenti del liceo scientifico Cannizzaro nell’ambito del progetto alternanza scuola lavoro. Ottanta ragazzi delle quarte e delle quinte hanno partecipato al percorso di orientamento e formazione condiviso da Aiop e Ordine dei medici, che si inserisce negli obiettivi del più ampio protocollo d’intesa, firmato alcuni mesi […]
Fake news in sanità, 1 italiano su 2 non le riconosce. Conte (FNOMCeO): «Serve attenzione alla qualità»
In campo per combatterle il portale della FNOMCeO “Dottore… è vero che?”. Il coordinatore del progetto Alessandro Conte: «Ben vengano tutte le iniziative che con fonti e con trasparenza fanno informazione in ambito salute»
di Cesare Buquicchio e Diana Romersi
Alcohol Prevention Day: rischio abuso per 8,6 milioni di consumatori. Adolescenti e anziani le categorie più colpite
Il professor Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol e del centro OMS dell’ISS a Sanità Informazione: «La prevenzione è da creare, manca il coordinamento tra gli interlocutori. Importante intervenire in maniera mirata». E mette in guardia i giovani: «È importante spiegare loro che i divieti di vendita sotto i 18 anni esistono per tutelare la loro salute fisica e psichica»
di Lucia Oggianu
Medicina Generale in Università, Stimamiglio (FIMMG): «MMG saranno relatori di tesi»
In Liguria il primo Dipartimento misto Università/Medicina del Territorio. Andrea Stimamiglio (FIMMG Liguria): «“Una casa comune” in cui si collabora ai fini di ricerche e sperimentazioni»
MMG, Noemi Lopes (Osservatorio Giovani FNOMCeO): «Inconcepibile percorso formativo così poco retribuito e che costringe il medico a spostarsi dalla sua Regione»
«La disparità economica di trattamento tra MMG e specializzandi si fa sentire e questo si ripercuote anche nella concezione del percorso formativo che noi continuiamo a difendere come separato dal corso di specializzazione universitaria» così l’ex segretario di Fimmg Formazione a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...