Formazione 11 Maggio 2016 15:59

Numero chiuso medicina, parla il ministro: «La “rivoluzione francese” può aspettare»

Il titolare dell’Istruzione Stefania Giannini sgombera il campo: «Per il prossimo anno accademico il test resta così com’è, ma guardiamo sempre alla Francia dove c’è l’unico sistema formativo per i medici migliore del nostro»

Cambiare? Sì, ma non subito. La riforma secondo il modello francese dell’accesso alle facoltà universitarie a numero chiuso resta una prerogativa del ministro Stefania Giannini. Ma non è, almeno per il momento, in cima alla lista delle priorità.

Nonostante il capo dipartimento del MIUR, il professor Marco Mancini, abbia svelato alla stampa che negli uffici di viale Trastevere si stava portando avanti il progetto di sostituzione del test di ingresso con lo sbarramento del super-esame al termine del primo anno (come appunto succede in Francia), il ministro Giannini ha raffreddato gli animi rispondendo alle domande di Sanità informazione a margine degli Stati Generali della Ricerca. Per la titolare del dicastero di Istruzione, Università e Ricerca è necessario rivedere il sistema, pensando ad una soluzione più meritocratica, guardando a quello che ha definito l’ «unico sistema formativo migliore di quello italiano». Ma il prossimo autunno l’accesso alla facoltà di Medicina sarà regolato ancora dai contestati test, che continuano a produrre – per via dei ricorsi – migliaia di ammissioni in sovrannumero. Un problema alla base dell’imbuto formativo che alimenta il precariato e rischia di creare, come anticipato da sindacati attraverso ricerche, un esercito di medici disoccupati nei prossimi anni.

Ministro Giannini, a proposito di Università, il tema del numero chiuso è tornato centrale proprio nelle ultime settimane. Possiamo ipotizzare delle novità?
«Il numero chiuso non esiste in quanto tale. Esiste, invece, un numero programmato per alcuni corsi di laurea e Medicina è uno di questi. Per quest’anno il test, e lo abbiamo già ribadito, sarà quello che è già stato modificato, aggiornato ai nuovi bisogni lo scorso anno e tale resta. Poi la riflessione è sempre aperta. Io personalmente credo che sia un tema da rivedere».

Il capo dipartimento del Miur, il professor Marco Mancini, ha però anticipato che il ministero era tornato nuovamente al lavoro sull’ipotesi di una riforma ispirata al modello francese di cui si era già parlato lo scorso anno.
«Per il momento sono tutte idee, riflessioni, che possono essere fatte e aperte. Quello che interessa è mantenere il fatto consolidato che dopo la Francia, l’Italia è il miglior sistema di specializzazione e formazione medica al mondo».

Anche perché c’è un problema di ricorsi con migliaia e migliaia di riammissioni in sovrannumero ordinate dai Tribunali.
«Questo è innegabile, ma noi non possiamo fare politiche di alta qualità badando ai ricorsi. Noi dobbiamo, invece, prestare attenzione agli obiettivi di formazione e ad un diritto allo studio che deve essere sempre più meritocratico».

Articoli correlati
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Università e Metaverso: un avatar aiuta a scegliere il corso di laurea
È online il primo servizio di orientamento universitario del Metaverso: un avatar a cura di AteneiOnline assisterà gratuitamente i più giovani nella scelta del percorso di studio.
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...