Formazione 13 Dicembre 2016

Numero chiuso, graduatorie riaperte? Il Miur apre uno spiraglio

Dopo le pronunce del Tar del Lazio e del Consiglio di Stato anche un’interrogazione parlamentare del M5S. Si va verso lo scorrimento dei candidati che avevano fatto ricorso dopo l’esclusione nei test del 2015. Ma il problema potrebbe ripresentarsi anche quest’anno

Nuovi spiragli per gli studenti esclusi nei test d’ingresso della facoltà di Medicina e Chirurgia. Nelle ultime ore sta infatti prendendo piede l’ipotesi di una riapertura delle graduatorie relative all’anno accademico 2015/2016. La prova in questione era stata caratterizzata da numerose irregolarità e una conseguente ondata di ricorsi che ha già portato il Tar del Lazio ad emanare sentenze favorevoli ai ricorrenti e, inoltre, ad una ordinanza del Consiglio di Stato in cui si riconosce una “disfunzione” nell’operato della macchina amministrativa. Sulla base, quindi, di queste pronunce, dopo mesi di stallo, dal Ministero della Pubblica Istruzione è trapelata la notizia di una possibile riapertura della graduatoria 2015. Una decisione che permetterebbe a numerosi candidati che hanno presentato ricorso di potersi immatricolare a Medicina e Chirurgia.

La riapertura delle liste di scorrimento era stata, ad ogni modo, oltre che da sindacati e pool di legali, anche dal Movimento Cinque Stelle attraverso un’interrogazione parlamentare rivolta al ministro della Pubblica Istruzione Stefania Giannini. «La riapertura delle graduatorie per l’accesso ai corsi di laurea in Medicina dovrebbe essere una priorità per il Miur eppure, nonostante le recenti sentenze del Consiglio di Stato e del Tribunale Regionale, tutto tace», ha dichiarato Francesco D’Uva, deputato M5S. Il pentastellato già a febbraio dello scorso anno, aveva posto l’accento sulla chiusura della graduatoria attraverso un’analoga interrogazione che denunciava come tale decisione «disponeva, altresì, la perdita di tutti i posti eventualmente non coperti».

Il problema rilevato nel 2015 e negli anni precedenti, è peraltro destinato a ripresentarsi anche quest’anno. Difatti il decreto ministeriale sulle modalità di accesso alle facoltà a numero chiuso nell’articolo 10 specifica che: «Gli eventuali posti che alla data della chiusura delle graduatorie dovessero risultare non coperti anche a seguito di rinunce successive all’immatricolazione non vengono riassegnati». Questa nozione, finora irremovibile, provoca un’ulteriore riduzione dei posti destinati agli aspiranti medici che dunque, vedono inevitabilmente calare le loro possibilità di successo. Una correzione alla norma è richiesta a gran voce da tanti studenti che, in molti casi, sono stati costretti ad agire per vie legali onde ribadire i loro diritti e denunciare graduatorie frutto di una prova d’accesso alterata da inesattezze e anomalie.

Articoli correlati
Test Medicina, al via le iscrizioni. Ecco la suddivisione di posti per ateneo
Ci si può iscrivere al test di Medicina dal primo al 23 luglio. Sono 13.072 i posti disponibili (1.500 in più rispetto allo scorso anno)
Report Almalaurea: il tasso di occupazione per le Professioni sanitarie torna a crescere, è saldo il primo posto in Italia
Occupati al 76%, con sei punti in più rispetto al 2017. Si mantengono alcune differenze tra gli atenei del nord e quelli del sud. L'incremento più importante va all'area Tecnica. I liberi professionisti la categoria più gratificata
Odontoiatria, 1231 posti all’università nel 20/21. Iandolo (CAO): «Tenere conto dei laureati all’estero nei fabbisogni»
Il presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale si dice preoccupato per i numeri troppo alti: «Se sforiamo quale sarà il loro destino? La disoccupazione»
Test Medicina 2020, ecco date, scadenze e materie. Per il Covid-19, novità sulle sedi in cui si svolgerà la prova
Tutte le informazioni per partecipare alla prova di ammissione per i corsi di laurea magistrale di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria, Medicina veterinaria e per i corsi di laurea delle Professioni sanitarie
Numero Chiuso, Gasparri (Forza Italia): «Sistema dei quiz va rivisto, serve verifica sul campo»
Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, oltre a proporre un meccanismo che riformi l’accesso all’università, chiede di intervenire sull’imbuto formativo: «In questo momento il bisogno di sanità è crescente. bisogna far coincidere domanda e offerta dei percorsi formativi. Dobbiamo ascoltare i giovani»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)