Formazione 13 Dicembre 2016

Numero chiuso, graduatorie riaperte? Il Miur apre uno spiraglio

Dopo le pronunce del Tar del Lazio e del Consiglio di Stato anche un’interrogazione parlamentare del M5S. Si va verso lo scorrimento dei candidati che avevano fatto ricorso dopo l’esclusione nei test del 2015. Ma il problema potrebbe ripresentarsi anche quest’anno

Nuovi spiragli per gli studenti esclusi nei test d’ingresso della facoltà di Medicina e Chirurgia. Nelle ultime ore sta infatti prendendo piede l’ipotesi di una riapertura delle graduatorie relative all’anno accademico 2015/2016. La prova in questione era stata caratterizzata da numerose irregolarità e una conseguente ondata di ricorsi che ha già portato il Tar del Lazio ad emanare sentenze favorevoli ai ricorrenti e, inoltre, ad una ordinanza del Consiglio di Stato in cui si riconosce una “disfunzione” nell’operato della macchina amministrativa. Sulla base, quindi, di queste pronunce, dopo mesi di stallo, dal Ministero della Pubblica Istruzione è trapelata la notizia di una possibile riapertura della graduatoria 2015. Una decisione che permetterebbe a numerosi candidati che hanno presentato ricorso di potersi immatricolare a Medicina e Chirurgia.

La riapertura delle liste di scorrimento era stata, ad ogni modo, oltre che da sindacati e pool di legali, anche dal Movimento Cinque Stelle attraverso un’interrogazione parlamentare rivolta al ministro della Pubblica Istruzione Stefania Giannini. «La riapertura delle graduatorie per l’accesso ai corsi di laurea in Medicina dovrebbe essere una priorità per il Miur eppure, nonostante le recenti sentenze del Consiglio di Stato e del Tribunale Regionale, tutto tace», ha dichiarato Francesco D’Uva, deputato M5S. Il pentastellato già a febbraio dello scorso anno, aveva posto l’accento sulla chiusura della graduatoria attraverso un’analoga interrogazione che denunciava come tale decisione «disponeva, altresì, la perdita di tutti i posti eventualmente non coperti».

Il problema rilevato nel 2015 e negli anni precedenti, è peraltro destinato a ripresentarsi anche quest’anno. Difatti il decreto ministeriale sulle modalità di accesso alle facoltà a numero chiuso nell’articolo 10 specifica che: «Gli eventuali posti che alla data della chiusura delle graduatorie dovessero risultare non coperti anche a seguito di rinunce successive all’immatricolazione non vengono riassegnati». Questa nozione, finora irremovibile, provoca un’ulteriore riduzione dei posti destinati agli aspiranti medici che dunque, vedono inevitabilmente calare le loro possibilità di successo. Una correzione alla norma è richiesta a gran voce da tanti studenti che, in molti casi, sono stati costretti ad agire per vie legali onde ribadire i loro diritti e denunciare graduatorie frutto di una prova d’accesso alterata da inesattezze e anomalie.

Articoli correlati
Numero chiuso, De Filippo (IV): «Emendamento a legge di Bilancio per far entrare chi ha fatto ricorso»
Tra i provvedimenti allo studio, anche un ulteriore aumento delle borse di specializzazione. Di Maio (IV): «Allargare le possibilità di accesso alla professione medica»
Covid-19, Tortorella (Consulcesi): «Chiamata alle armi per medici ma chiediamo rispetto per ex specializzandi e nuove regole all’Università»
Oggi scadono i termini del bando per arruolare personale da impiegare negli ospedali più in difficoltà. Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Sosteniamo l’iniziativa del Governo con una campagna senza precedenti per la pandemia con la forza del più grande big data italiano, ma pretendiamo il rispetto degli specialisti non pagati e di chi fa ricorso per entrare a Medicina: subito la soluzione con l’approvazione della nuova Manovra finanziaria»
«Abbiamo bisogno di giovani con zoccoli sanitari, non sneakers colorate». La provocazione social di Consulcesi
Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Migliaia di ragazzi hanno fatto la fila fuori agli Atenei dopo aver studiato e fatto sacrifici e meritano una selezione meritocratica e intanto il Covid ha messo in evidenza la mancanza di specialisti: Parlamento verso una nuova sanatoria per l’ondata di ricorsi»
«Sono iscritta a Medicina perché ho vinto il ricorso». Storie di studenti che hanno sconfitto il numero chiuso
Marina, Roberta e Rachele stanno per laurearsi, ma non dimenticano l’emozione provata quando sono diventate studentesse di Medicina. E ora consigliano di fare ricorso a tutti coloro che sono stati vittime di irregolarità il giorno del test
Disegno di legge sul numero chiuso a Medicina: «Ammesso con riserva chi ha fatto ricorso»
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «In Italia mancano 56mila medici. Arriva in Parlamento il Ddl che consentirà l’accesso con riserva a chi ha presentato ricorso al Tar. Gli aspiranti camici bianchi hanno tempo fino all’11 dicembre per presentare ricorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli