Formazione 9 Agosto 2016

“No Limits”, il Film Formazione che sfida i limiti della disabilità

Sport, nuove tecnologie ed oggi anche un Film Formazione. Ecco i nuovi strumenti a disposizione dei medici italiani per il trattamento e la cura clinica e psicologica dei pazienti affetti da disabilità motoria

Combattere disinformazione e pregiudizi sulla disabilità attraverso un film. Gianluca Spinello, attore affetto da paraplegia, spiega con queste parole qual è l’obiettivo di “No limits”, il nuovo lavoro cinematografico a cui ha preso parte in qualità di protagonista. La pellicola è indirizzata ai camici bianchi (ma anche a chiunque voglia semplicemente saperne di più sull’argomento) ed è collegato ad un corso di formazione (realizzato dagli stessi attori) che vale 8 crediti ECM, utili per completare l’obbligo formativo in scadenza per tutti i medici il 31 dicembre 2016. Dietro la macchina da presa c’è Christian Marazziti (già regista di “e-bola”) e vede la partecipazione di Sara Zanier (“Misstake”, “Una notte agli studios” e “All’improvviso un uomo”), oltre ovviamente quella di Spinello (che si è anche occupato della produzione).

«Il film – spiega ai nostri microfoni – nasce per informare le persone su quelli che possono essere i disagi della disabilità e le modalità di superamento dei limiti in determinate situazioni, quindi la possibilità di avere una vita relativamente dinamica e serena anche dopo aver subito una lesione grave. Abbiamo voluto realizzarlo perché in Italia si fa poca formazione su quelle che possono essere le possibilità di recupero da una lesione del genere, così come sono scarse le informazioni riguardanti i vari sport, i percorsi riabilitativi, e in definitiva tutto quel che riguarda, in generale, la paraplegia». La pellicola e il relativo corso sono dunque degli strumenti che gli operatori sanitari hanno a disposizione per curare al meglio la propria formazione, così come richiesto in maniera sempre più insistente dai pazienti. «Molto spesso – conferma Spinello – il paziente viene lasciato in balia di se stesso e, dunque, sta a lui cercare informazioni, curiosità o qualsiasi cosa sia utile per affrontare la propria patologia. Così come alle volte è difficile avere informazioni su quelli che sono il grado di preparazione e la formazione del proprio medico curante». Per l’attore si tratta di un aspetto «difficile da tollerare» perché è «molto importante avere idea di quello che è stato il percorso formativo del medico, sia per una questione di tranquillità personale che per una maggiore facilità nella scelta del professionista più adeguato». In questo senso una maggiore trasparenza risulta «fondamentale» anche per abbattere «qualsiasi barriera tra il medico curante e il paziente».

Il corso FAD si compone di tre moduli tematici, ripartiti in sette lezioni: il primo modulo ripercorre le patologie causa di disabilità e la relativa classificazione, il secondo propone un approfondimento su nuove tecnologie e su un particolare esoscheletro (un sistema integrato di verticalizzazione che consente al soggetto paraplegico di camminare in autonomia); il terzo, infine, è dedicato al ruolo fondamentale che sport e attività fisica giocano nel trattamento della patologia. “No Limits”, insieme agli altri Film Formazione, ai corsi di specializzazione, ai corsi medici interattivi e ai video corsi di lingua, compone il catalogo ECM più ricco del web, fruibile gratuitamente per 9 mesi per tutti i medici sulla piattaforma Consulcesi Club all’indirizzo www.corsi-ecm-fad.it. Per informazioni e per tutti gli altri servizi è possibile contattare il numero verde 800.122.777 o consultare il sito www.consulcesi.it.

Articoli correlati
Formazione ECM, Consulcesi: «Solo pochi in regola, rischio danno per tutta la categoria»
Dopo la presa di posizione dell’associazione CODICI che punta il dito sul mancato aggiornamento professionale dei medici, interviene il Presidente del network legale Massimo Tortorella: «Emblematico che si arrivi a pensarlo, così si mina la credibilità di un’intera categoria votata all’eccellenza. Forte attenzione mediatica dopo il servizio-denuncia di Striscia, gli impegni assunti dal presidente FNOMCeO Anelli sui controlli spazzeranno via dubbi e critiche»
Ex specializzandi, OMCeO Roma plaude a nuovi rimborsi. Magi: «Diritti riconosciuti sono buona notizia. Ora serve alleanza medici-pazienti»
Il Presidente dell’Ordine dei medici più grande d’Europa ha partecipato alla cerimonia di consegna dei risarcimenti ai camici bianchi ex specializzandi tutelati da Consulcesi. «Oggi è una bella giornata. I singoli cittadini da soli sono sempre la parte più debole, per questo difenderli è importante. Ora bisogna fare in modo che cittadini e medici ritornino ad avere quel rapporto che avevano una volta»
Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»
L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato al risarcimento perché ha violato la giurisprudenza dell'Unione europea e dell'Italia», sottolinea l’avvocato. La materia è anche oggetto di un Master alla Luiss
Ex specializzandi, lo Stato paga altri 12 milioni di euro a 400 medici. Il Lazio è la Regione più rimborsata
Antonio Magi (Presidente OMCeO Roma): «Importante il lavoro di Consulcesi Group a tutela dei diritti dei medici ex specializzandi. In un momento particolarmente difficile per la professione conforta sapere che ci sono professionisti in grado di far rispettare le leggi e i regolamenti posti in essere in ambito Ue». Andrea Tortorella (AD Consulcesi): «Continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici con nuove soluzioni e servizi esclusivi sulla nostra rinnovata piattaforma web e con l’innovazione della tecnologia Blockchain anche gli operatori sanitari italiani potranno certificare la loro formazione»
Contenzioso medico-paziente, Rossi (OMCeO Milano): «Patient satisfaction? Se c’è certificazione allora può aiutare»
«Nessuno deve poter pensare che i dati possono essere in qualche modo drogati», spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi. La soluzione è stata proposta da Consulcesi durante l'evento milanese “Responsabilità professionale e arbitrato della salute”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano