Formazione 8 Aprile 2019 18:32

Milano, all’Università Vita Salute San Raffaele il primo master in terapia ricreativa

È una forma di supporto alle persone che soffrono di patologie gravi e croniche allo scopo di migliorare la risposta dei bisogni fisici, emotivi, psicologici e ricreativi stessi – spiega il Professor Roberto Cavallaro

di Federica Bosco

Ha preso il via il 28 marzo all’Università Vita Salute San Raffaele di Milano il primo master di terapia ricreativa. Nato negli Stati Uniti questo percorso formativo realizzato grazie alla collaborazione con Dinamo Camp Onlus e Dinamo Accademy punta alla formazione teorica e pratica di operatori in grado di migliorare la funzionalità motoria, sociale e cognitiva dei pazienti attraverso attività sportive, musicali ed artistiche.

«È una forma di supporto alle persone che soffrono di patologie gravi e croniche allo scopo di migliorare la risposta dei bisogni fisici, emotivi, psicologici e ricreativi stessi – spiega il Professor , medico chirurgo, psichiatra associato all’Università Vita Salute San Raffaele – Condurre una buona qualità di vita migliora anche gli esiti delle patologie, figuriamoci quando sono croniche e invalidanti».

Dove nasce questo progetto? «È riconosciuto negli Usa un corso di laurea e master con 19mila iscritti che lavorano in varie strutture per migliorare la qualità della vita in termini di attività sportive di recupero funzionale, di arte terapia, di miglioramento fondamentale di capacità idonee del soggetto per un problema neurologico od oncologico nell’infanzia – spiega Cavallaro – In Italia c’è una mancanza in questa direzione, mentre c’è una delle strutture più importanti a livello internazionale che è Dynamo Camp che ha portato avanti in questi anni programmi di terapia ricreativa per centinaia di questi ragazzi, per cui ora ci ha chiesto di fare un corso come esiste in altre parti del mondo, per cui psicologi, fisioterapisti, infermieri acquisiranno il master di terapia ricreativa che in una prima parte utilizzerà le risorse cliniche del San Raffaele per vedere chi sono i pazienti che hanno queste problematiche, come si curano e quali sono i migliori ambienti per migliorare la qualità della cura e ovviamente lezioni frontali che vanno dalla psicologia dell’infanzia, della salute, la riabilitazione motoria e psicologica, alla pediatria, oncoematologia e neurologia. In una seconda parte ci saranno lezioni di due settimane di terapia ricreativa che saranno fatte a Dynamo Camp ad Limestre e saranno tenute da due docenti dell’Università americana e ci saranno seicento ore di tirocinio e una tesi che riguarderà un singolo soggetto o tematiche organizzative nell’ambito dell’anno in cui il corso si realizzerà».

Grazie al supporto di Novartis e Bmw group, il sodalizio dell’università Vita Salute San Raffaele e Dinamo Camp permetterà a molti giovani di intraprendere un percorso multidisciplinare post-laurea nelle materie sanitarie con l’obiettivo avere una formazione accademica in un ambito di primaria importanza nella cura di paziente con malattie psichiatriche, oncologiche e degenerative.

«L’Obiettivo – continua Cavallaro – è iniziare a dare un nome a delle professionalità che sono state ben allevate da alcune realtà italiane in particolare Dynamo Camp ma non hanno formazione accademica che invece è opportuno che abbiano per lavorare al meglio in questo senso».

Articoli correlati
Università San Raffaele: pubblicati i bandi per l’ammissione ai corsi di laurea per le professioni sanitarie
Sono stati pubblicati i bandi dell’Università Vita-Salute San Raffaele relativi alle ammissioni all’anno accademico 2019/2020 dei corsi di laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia. I test si svolgeranno con la modalità computer based presso le sedi nazionali del centro Selexi Test Center tra l’1 e il 12 marzo 2019 e sarà possibile iscriversi online fino alle […]
Il professor Enrico Gherlone è il nuovo rettore dell’Università Vita-Salute San Raffaele. L’intervista a Sanità Informazione
Il professore è stato votato all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione dell’università. Ai nostri microfoni evidenziava la necessità di implementare l’offerta di odontoiatria pubblica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio, sono 112.116.627 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.485.601 i decessi. Ad oggi, oltre 212,15 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...