Formazione 13 Maggio 2019

Medicina Generale in Università, Stimamiglio (FIMMG): «MMG saranno relatori di tesi»

In Liguria il primo Dipartimento misto Università/Medicina del Territorio. Andrea Stimamiglio (FIMMG Liguria): «“Una casa comune” in cui si collabora ai fini di ricerche e sperimentazioni»

Immagine articolo

La medicina generale approda in università con il primo Dipartimento misto Università/Medicina del Territorio realizzato in Liguria, presso l’Università di Genova. Il progetto ha lo scopo di «coordinare la realtà universitaria e territoriale ai fini didattici e di ricerca», grazie a un percorso unitario volto a favorire la qualità e la capacità formativa. Per l’occasione abbiamo raggiunto telefonicamente Andrea Stimamiglio, segretario FIMMG Liguria.

Segretario, si tratta della prima esperienza in Italia. In cosa consiste?

«Innanzitutto, faccio presente che in quasi tutte le nazioni europee esistono dei veri e propri dipartimenti universitari di medicina di famiglia. Questo in realtà non è un vero e proprio Dipartimento universitario, nel senso che ad oggi nessun medico di famiglia è un universitario in Italia. Si tratta di una specie di “casa comune”, quindi un dipartimento misto dove ci sono gli universitari, ci sono i tutor – medici di famiglia – e ci sono anche rappresentati degli ordini dei medici attraverso la FROM, la Federazione regionale ordine dei medici e anche la Regione Liguria tramite l’assessore delegato. Quindi è intanto un primo passo, una casa comune in cui ci si parla e si collabora ai fini di ricerche e sperimentazioni, ma anche ai fini di funzioni che ad oggi sono prettamente universitarie, come per esempio il fatto di poter fare da relatore o correlatore a tesi di laurea oppure di fare delle lezioni agli studenti del quinto e del sesto anno. Questo è nato da un’esigenza degli studenti che iniziavano a chiedere di poter fare tesi di medicina di famiglia o iniziavano a chiedersi al quinto e al sesto anno, che cosa fosse la medicina di famiglia. Non dimentichiamo che in realtà, ad oggi, non c’è nessuna materia nel corso di medicina che parli della medicina di famiglia e viceversa: molte decine di studenti, fatto l’esame di Stato, decidono di diventare medici di famiglia un po’ al buio».

LEGGI: MEDICI DI FAMIGLIA, È ANCORA POLEMICA SU NORME PER PRECARI. NOEMI LOPES (FIMMG): «VIGILEREMO, BASTA SVILIRE FORMAZIONE MMG»

Questo è quindi un primo approdo della Medicina Generale in Università…

«Sì, forse ciò che ha contribuito alla nascita di questo dipartimento è stata una novità: ad oggi l’esame di Stato che comprende anche un esame pratico con internato, era un esame che si faceva post laurea. Invece è uscita una legge che dal 2021 anticiperà l’internato, si dovrà fare pre-laurea. C’è differenza, nel senso che prima era un qualcosa che si faceva dopo l’università, oggi invece si fa nel periodo universitario e quindi per quanto riguarda la frequenza presso la medicina di famiglia, l’Università di Genova ci ha chiesto una mano per l’organizzazione e quindi è scattata la richiesta di collaborazione per funzioni che teoricamente sarebbero prettamente universitarie».

Uno studente di medicina al sesto anno, cosa dovrebbe sapere per scegliere consapevolmente di diventare medico di famiglia?

«Oggi è una scelta al buio, nel senso che non c’è nessun seminario che illustri quali sono le caratteristiche della medicina di famiglia. Quindi quello che uno studente dovrebbe sapere lo dovrebbe sapere soprattutto in maniera pratica. Dovrebbe venire nei nostri studi e vedere che cosa succede. Da noi c’è una prima risposta ad esigenze molto diverse della popolazione. Possono avere un disturbo ortopedico, cardiovascolare oppure gastroenterologico, capita di tutto e molto spesso può essere anche un disagio psicologico o addirittura problemi sociologici. Un esempio può essere un mio paziente che non sapeva cosa fare con la moglie affetta da demenza, non riusciva a metterla in nessuna struttura e quindi mi ha chiesto un aiuto a me che sono il suo medico di famiglia. Mi sono trovato quindi a risolvere una situazione non dal punto di vista medico, perché la signora è già in terapia, ma da un punto di vista socio-assistenziale. La medicina di famiglia è molto complessa, ma non è la somma di tutte le singole specializzazioni, anche perché noi non possiamo essere specialisti in tutto. Tuttavia, è una prima risposta ad esigenze variegate e complesse».

Si pensa già di esportare questa esperienza fuori dalla Liguria?

«Sorprendentemente mi hanno telefonato da tutta Italia per capire come avevamo fatto. Credo che se un’esperienza simile di collaborazione partisse in due, tre, quattro Regioni, forse si potrebbe provare a fare una specie di bozza d’intesa anche a livello nazionale che vada bene per tutte le regioni».

Articoli correlati
Aggressioni al personale sanitario, Tommasa Maio (FIMMG): «Subito status pubblico ufficiale per medici»
Presentato al 76° Congresso FIMMG un 'video-denuncia': i camici bianchi che lavorano di notte il bersaglio principale
Il camper #adessobasta fa tappa al Congresso FIMMG. Scotti: «Garantiamo l’assistenza anche nei piccoli centri»
VIDEO | Il mezzo ha al suo interno tutti gli strumenti di un moderno studio 3.0. In occasione del Congresso FIMMG siamo saliti a bordo per mostrarvelo
di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
Congresso Fimmg, in sette mesi mille medici di famiglia ‘esperti’ in spirometrie
Quasi mille medici di famiglia ‘formati’ in 7 mesi. È il bilancio del progetto “Accademia di spirometria” presentato in occasione del 76° Congresso nazionale FIMMG-Metis, in corso a Villasimius (Cagliari). L’iniziativa, realizzata da Metis con il contributo non condizionante di Menarini, punta ad avere medici di famiglia ‘esperti’ nell’esecuzione della spirometria . «Il progetto, attraverso […]
Superamento test numero chiuso? Speranza: «Va affrontato, tra le questioni fondamentali»
Lo ha ribadito il ministro della Salute, Roberto Speranza, a margine del 76esimo Congresso della Fimmg che si sta svolgendo in Sardegna. Di ieri, la notizia della sentenza del Consiglio di Stato che ha riammesso circa 250 studenti esclusi per mancanza di posti
di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
#iomivaccino, al Congresso Fimmg medici testimonial della campagna di sensibilizzazione sulle vaccinazioni
Il 72% dei medici di medicina generale dichiara di essersi vaccinato per l'influenza. Maio (Fimmg): "È soprattutto con l’esempio e la relazione continua che il medico di famiglia combatte i falsi miti e le menzogne che circolano su ogni campagna vaccinale”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...