Formazione 13 Maggio 2019

Medicina Generale in Università, Stimamiglio (FIMMG): «MMG saranno relatori di tesi»

In Liguria il primo Dipartimento misto Università/Medicina del Territorio. Andrea Stimamiglio (FIMMG Liguria): «“Una casa comune” in cui si collabora ai fini di ricerche e sperimentazioni»

Immagine articolo

La medicina generale approda in università con il primo Dipartimento misto Università/Medicina del Territorio realizzato in Liguria, presso l’Università di Genova. Il progetto ha lo scopo di «coordinare la realtà universitaria e territoriale ai fini didattici e di ricerca», grazie a un percorso unitario volto a favorire la qualità e la capacità formativa. Per l’occasione abbiamo raggiunto telefonicamente Andrea Stimamiglio, segretario FIMMG Liguria.

Segretario, si tratta della prima esperienza in Italia. In cosa consiste?

«Innanzitutto, faccio presente che in quasi tutte le nazioni europee esistono dei veri e propri dipartimenti universitari di medicina di famiglia. Questo in realtà non è un vero e proprio Dipartimento universitario, nel senso che ad oggi nessun medico di famiglia è un universitario in Italia. Si tratta di una specie di “casa comune”, quindi un dipartimento misto dove ci sono gli universitari, ci sono i tutor – medici di famiglia – e ci sono anche rappresentati degli ordini dei medici attraverso la FROM, la Federazione regionale ordine dei medici e anche la Regione Liguria tramite l’assessore delegato. Quindi è intanto un primo passo, una casa comune in cui ci si parla e si collabora ai fini di ricerche e sperimentazioni, ma anche ai fini di funzioni che ad oggi sono prettamente universitarie, come per esempio il fatto di poter fare da relatore o correlatore a tesi di laurea oppure di fare delle lezioni agli studenti del quinto e del sesto anno. Questo è nato da un’esigenza degli studenti che iniziavano a chiedere di poter fare tesi di medicina di famiglia o iniziavano a chiedersi al quinto e al sesto anno, che cosa fosse la medicina di famiglia. Non dimentichiamo che in realtà, ad oggi, non c’è nessuna materia nel corso di medicina che parli della medicina di famiglia e viceversa: molte decine di studenti, fatto l’esame di Stato, decidono di diventare medici di famiglia un po’ al buio».

LEGGI: MEDICI DI FAMIGLIA, È ANCORA POLEMICA SU NORME PER PRECARI. NOEMI LOPES (FIMMG): «VIGILEREMO, BASTA SVILIRE FORMAZIONE MMG»

Questo è quindi un primo approdo della Medicina Generale in Università…

«Sì, forse ciò che ha contribuito alla nascita di questo dipartimento è stata una novità: ad oggi l’esame di Stato che comprende anche un esame pratico con internato, era un esame che si faceva post laurea. Invece è uscita una legge che dal 2021 anticiperà l’internato, si dovrà fare pre-laurea. C’è differenza, nel senso che prima era un qualcosa che si faceva dopo l’università, oggi invece si fa nel periodo universitario e quindi per quanto riguarda la frequenza presso la medicina di famiglia, l’Università di Genova ci ha chiesto una mano per l’organizzazione e quindi è scattata la richiesta di collaborazione per funzioni che teoricamente sarebbero prettamente universitarie».

Uno studente di medicina al sesto anno, cosa dovrebbe sapere per scegliere consapevolmente di diventare medico di famiglia?

«Oggi è una scelta al buio, nel senso che non c’è nessun seminario che illustri quali sono le caratteristiche della medicina di famiglia. Quindi quello che uno studente dovrebbe sapere lo dovrebbe sapere soprattutto in maniera pratica. Dovrebbe venire nei nostri studi e vedere che cosa succede. Da noi c’è una prima risposta ad esigenze molto diverse della popolazione. Possono avere un disturbo ortopedico, cardiovascolare oppure gastroenterologico, capita di tutto e molto spesso può essere anche un disagio psicologico o addirittura problemi sociologici. Un esempio può essere un mio paziente che non sapeva cosa fare con la moglie affetta da demenza, non riusciva a metterla in nessuna struttura e quindi mi ha chiesto un aiuto a me che sono il suo medico di famiglia. Mi sono trovato quindi a risolvere una situazione non dal punto di vista medico, perché la signora è già in terapia, ma da un punto di vista socio-assistenziale. La medicina di famiglia è molto complessa, ma non è la somma di tutte le singole specializzazioni, anche perché noi non possiamo essere specialisti in tutto. Tuttavia, è una prima risposta ad esigenze variegate e complesse».

Si pensa già di esportare questa esperienza fuori dalla Liguria?

«Sorprendentemente mi hanno telefonato da tutta Italia per capire come avevamo fatto. Credo che se un’esperienza simile di collaborazione partisse in due, tre, quattro Regioni, forse si potrebbe provare a fare una specie di bozza d’intesa anche a livello nazionale che vada bene per tutte le regioni».

Articoli correlati
Contratto medici e accordo MMG, il dissenso dello SMI: «Trattative con SISAC interrotte, forti dubbi anche su rinnovo dirigenza medica»
Il Sindacato dei Medici Italiano guidato da Pina Onotri conferma la sospensione delle trattative con SISAC. E contesta anche l’accordo sulla specialistica ambulatoriale: «Penalizza i medici over 43 anni impedendone, di fatto, la stabilizzazione del posto di lavoro»
ACN Medicina Generale, SMI interrompe trattativa. Il segretario Onotri: «No ad accordo a zero risorse»
Il Sindacato dei Medici Italiani (SMI) ha interrotto le trattative in SISAC sul rinnovo del contratto nazionale dei medici di medicina generale. Il sindacato, in una nota, annuncia che ritornerà al tavolo delle trattative «solo dopo la verifica dell’atto di indirizzo da parte del Governo». «Chiediamo chiarezza su quale sia l’entità dei fondi da destinare […]
Medici di Famiglia, FIMMG proclama stato di agitazione. Il segretario Scotti: «Defiscalizzazioni e ‘microteam’, aspettiamo risposte su ACN»
Il Segretario della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale rilancia le proposte del sindacato per chiudere l’Accordo collettivo nazionale: «Incominciamo a ragionare su un team di fiducia, che copre l’arco orario, dando le dovute risposte e smistando le varie richieste» spiega Scotti, che poi chiede anche la decontribuzione per l’assunzione del personale. E non esclude lo sciopero: «Se nessuno ci risponde ci faremo le vacanze»
di Diana Romersi e Giovanni Cedrone
ACN medicina fiscale, Petrone (Segretario settore Inps-Fimmg): «Puntiamo alla fidelizzazione del medico con l’Inps»
Importanti novità riguardanti i medici fiscali sono emerse dall’incontro tra i vertici dell’Istituto e i sindacati per la stipula del primo ACN per la medicina fiscale convenzionata Inps. «Siamo soddisfatti, l'Inps ha accettato tutte le richieste di tutela che chiederemo anche per quel dovrà essere in tempi brevissimi l’ACN per i Medici Convenzionati Esterni» così Alfredo Petrone
Emicrania, Tedeschi (Sin): «Per adeguata prescrizione dei nuovi farmaci necessario formare neurologi e MMG»
Il presidente eletto della Sin: «Si tratta di terapie altamente specifiche, anticorpi che bloccano direttamente il CGRP, la sostanza che scatena l’attacco di emicrania. Non agiscono sull’episodio acuto, ma lo prevengono»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...