Formazione 7 Febbraio 2020

La realtà aumentata rivoluziona la formazione medica. Arriva il corso FAD “sulla scena del crimine”

Una nuovissima modalità di aggiornamento consente ai medici di analizzare reperti e prove (a partire da casi realmente accaduti) e fornisce tutte le nozioni necessarie per districarsi al meglio nelle principali branche della criminalistica

La realtà aumentata arriva in soccorso della medicina, non solo in sala operatoria, ma anche nella formazione. Grazie a questa nuova tecnologia è infatti diventato possibile immergersi letteralmente nella materia di studio attraverso l’utilizzo di visori hi-tech. Un approccio innovativo che è stato già sperimentato dal provider Sanità In-Formazione, in collaborazione con Consulcesi Club, per il corso ECM “Sulla scena del crimine. Dalla procedura penale alla genetica forense”. Il corso (partito come residenziale e poi diventato FAD) permette infatti ai partecipanti di vestire i panni del criminalista e calcare di persona la scena del crimine a partire da casi realmente accaduti, con un modulo consultabile attraverso un visore Hi Tech.

Il corso permette di acquisire le fondamenta delle procedure penalistiche, offrendo una panoramica che va dalla definizione dei casi reali fino all’esecuzione dei provvedimenti giudiziari. Inoltre si promette di fornire nozioni ed informazioni pratiche nelle principali branche della criminalistica con sessioni teoriche che consentiranno ai partecipanti di orientarsi con competenza nei vari ambiti professionali.

«Trovo questo corso davvero molto interessante – spiega Roberta Corsi, medico legale che ha preso parte al progetto formativo –, anche perché si tratta di materie che tutto sommato conosco, ma grazie a questo programma posso aggiornarmi sempre di più ed essere al passo con i tempi».

LEGGI ANCHE: IL MEDICO SULLA SCENA DEL CRIMINE, ARRIVA IL PRIMO CORSO IN REALTA’ AUMENTATA

L’evoluzione della materia è talmente rapida e costante che oggi è possibile risolvere casi anche molto datati, ed è dunque fondamentale essere sempre aggiornati con le ultime novità: «Negli ultimi anni si è avuta un’evoluzione enorme – spiega invece Marina Baldi, genetista e docente – infatti tutti i casi vecchi che vengono ripresi e analizzati trovano quasi sempre una soluzione perché spesso si riesce a trovare tracce di persone insospettabili. Allora in quel caso si può ricostruire la dinamica in maniera diversa. Si riescono ad ottenere profili – continua – anche da tracce piccolissime, anche da una singola cellula. Si sta arrivando ad avere una temporizzazione del Dna come deposizione. Insomma, nel nostro campo ci sono una serie di novità che stanno emergendo ed è fondamentale aggiornarsi»

«Devo dire che il corso è molto interessante – fa eco la dottoressa Carla Riganti – e rappresenta senza dubbio un’innovazione in un panorama complesso qual è quello che viene affrontato oggi. Riuscire a creare e a mantenere elevata l’attenzione dei partecipanti è certamente l’obiettivo principe di chiunque faccia formazione, e devo dire che questo corso raggiunge pienamente l’obiettivo».

Secondo il Prof. Nicola Caprioli, docente del corso, «la formazione deve essere fatta con elementi oggettivi: se io devo insegnare ad una persona come si lavora con il sangue, devo necessariamente utilizzare del sangue. Anche da un punto di vista sanitario, però, non è così semplice. Quindi avere la possibilità di traslare questo tipo di formazione all’interno di un contesto virtuale ci dà dei vantaggi perché ci permette di lavorare in estrema sicurezza e di verificare a posteriori l’attività che è stata fatta».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, è siciliano il primo progetto di biocontenimento: online corsi su vestizione e svestizione
Nato in collaborazione con il ministero della Salute e dalla sinergia fra assessorato della Salute della Regione siciliana, Ordine dei medici di Palermo, Asp di Trapani e Asp di Ragusa, “Health Biosafety Training” è rivolto a tutti i soggetti coinvolti nella gestione di un’emergenza sanitaria
Emergenza Coronavirus, picco della Formazione a Distanza: + 40%. Burnout il corso più seguito
La metodologia interattiva più utilizzata quella del “Paziente Virtuale”: le simulazioni e la realtà immersiva superano Film Formazione ed Ebook. Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Il messaggio degli operatori sanitari è chiaro: anche in emergenza la formazione resta un valore. Continueremo ad investire nella tecnologia, la Fad non è più un’alternativa, ma l’unica soluzione»
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...