Formazione 7 Febbraio 2020

La realtà aumentata rivoluziona la formazione medica. Arriva il corso FAD “sulla scena del crimine”

Una nuovissima modalità di aggiornamento consente ai medici di analizzare reperti e prove (a partire da casi realmente accaduti) e fornisce tutte le nozioni necessarie per districarsi al meglio nelle principali branche della criminalistica

La realtà aumentata arriva in soccorso della medicina, non solo in sala operatoria, ma anche nella formazione. Grazie a questa nuova tecnologia è infatti diventato possibile immergersi letteralmente nella materia di studio attraverso l’utilizzo di visori hi-tech. Un approccio innovativo che è stato già sperimentato dal provider Sanità In-Formazione, in collaborazione con Consulcesi Club, per il corso ECM “Sulla scena del crimine. Dalla procedura penale alla genetica forense”. Il corso (partito come residenziale e poi diventato FAD) permette infatti ai partecipanti di vestire i panni del criminalista e calcare di persona la scena del crimine a partire da casi realmente accaduti, con un modulo consultabile attraverso un visore Hi Tech.

Il corso permette di acquisire le fondamenta delle procedure penalistiche, offrendo una panoramica che va dalla definizione dei casi reali fino all’esecuzione dei provvedimenti giudiziari. Inoltre si promette di fornire nozioni ed informazioni pratiche nelle principali branche della criminalistica con sessioni teoriche che consentiranno ai partecipanti di orientarsi con competenza nei vari ambiti professionali.

«Trovo questo corso davvero molto interessante – spiega Roberta Corsi, medico legale che ha preso parte al progetto formativo –, anche perché si tratta di materie che tutto sommato conosco, ma grazie a questo programma posso aggiornarmi sempre di più ed essere al passo con i tempi».

LEGGI ANCHE: IL MEDICO SULLA SCENA DEL CRIMINE, ARRIVA IL PRIMO CORSO IN REALTA’ AUMENTATA

L’evoluzione della materia è talmente rapida e costante che oggi è possibile risolvere casi anche molto datati, ed è dunque fondamentale essere sempre aggiornati con le ultime novità: «Negli ultimi anni si è avuta un’evoluzione enorme – spiega invece Marina Baldi, genetista e docente – infatti tutti i casi vecchi che vengono ripresi e analizzati trovano quasi sempre una soluzione perché spesso si riesce a trovare tracce di persone insospettabili. Allora in quel caso si può ricostruire la dinamica in maniera diversa. Si riescono ad ottenere profili – continua – anche da tracce piccolissime, anche da una singola cellula. Si sta arrivando ad avere una temporizzazione del Dna come deposizione. Insomma, nel nostro campo ci sono una serie di novità che stanno emergendo ed è fondamentale aggiornarsi»

«Devo dire che il corso è molto interessante – fa eco la dottoressa Carla Riganti – e rappresenta senza dubbio un’innovazione in un panorama complesso qual è quello che viene affrontato oggi. Riuscire a creare e a mantenere elevata l’attenzione dei partecipanti è certamente l’obiettivo principe di chiunque faccia formazione, e devo dire che questo corso raggiunge pienamente l’obiettivo».

Secondo il Prof. Nicola Caprioli, docente del corso, «la formazione deve essere fatta con elementi oggettivi: se io devo insegnare ad una persona come si lavora con il sangue, devo necessariamente utilizzare del sangue. Anche da un punto di vista sanitario, però, non è così semplice. Quindi avere la possibilità di traslare questo tipo di formazione all’interno di un contesto virtuale ci dà dei vantaggi perché ci permette di lavorare in estrema sicurezza e di verificare a posteriori l’attività che è stata fatta».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Covid, terapie intensive al collasso: mancano all’appello 4mila specialisti
L'esperto propone: Consulcesi Club lancia nuovo corso di formazione su cure intensive con lo specialista Mauro Dauri (Tor Vergata): «Contro carenza medici in terapia intensiva, formare e coinvolgere specialisti afferenti ad altre discipline come accade in Usa e Europa»
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Per quanto riguarda il Dossier Formativo di gruppo quali sono i soggetti abilitati a costruirlo?
I soggetti sono i seguenti: Per le Aziende Sanitarie, Pubbliche e Private o per le strutture universitarie: L’Ufficio formazione ovvero uno o più delegati, il responsabile della didattica, il responsabile del gruppo delle singole Unità operative, Per gli Ordini, i Collegi, rispettive Federazioni nazionali e Associazioni maggiormente rappresentative delle professioni sanitarie: il Presidente, il legale […]
‘Più credibili del dottor Google’: da Consulcesi i 7 passi per migliorare la comunicazione medico-paziente
Con la pandemia i pazienti di dr Google sono raddoppiati. Complice la paura di recarsi dal proprio medico e anche il desiderio quasi ossessivo di diagnosi lampo, il web è diventato il primo posto dove si cerca aiuto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...