Formazione 26 Gennaio 2024 18:18

I neurochirurghi del futuro addestrati come astronauti. Intervista a Paolo Nespoli, testimonial del progetto

L’astronauta: “L’addestramento è studiato affinché si apprenda come gestire la paura: può congelare il cervello, ma un momento di panico non è ammissibile né nello spazio, dove si può mettere a repentaglio la propria incolumità e quella di tutto il team, né in sala operatoria, dove c’è in gioco la vita del paziente”

I neurochirurghi del futuro addestrati come astronauti. Intervista a Paolo Nespoli, testimonial del progetto

L’addestramento degli astronauti diventa un modello per la formazione dei neurochirurghi del futuro, per favorire lo sviluppo di competenze trasversali e il lavoro di squadra necessario ad affrontare situazioni complesse e ad alto rischio, in sala operatoria come nello spazio. Accade grazie al progetto Astro-Nets – Astronauts for Neurosurgery Training Scheme -, di cui è testimonial l’astronauta Paolo Nespoli, che ha trascorso nello spazio 313 giorni nell’arco di tre differenti missioni. In un’intervista a Sanità Informazione, racconta perché addestrare un neurochirurgo come un’astronauta può migliorare la performance in sala operatoria

 

 

La gestione impeccabile degli imprevisti

“In sala operatoria, come nello spazio – spiega l’ingegnere Nespoli – si lavora in team. Il neurochirurgo, come l’astronauta, ha bisogno di coordinarsi con tutti i professionisti che operano al suo fianco. Deve nascere una sinergia perfetta che permetta di trovare soluzioni immediate e, soprattutto, efficaci in caso di imprevisti. L’addestramento dell’astronauta è studiato affinché si apprenda come gestire la paura: il panico può congelare il cervello, ma un momento di cedimento non è ammissibile né nello spazio, dove si può mettere a repentaglio la propria esistenza e quella di tutto il team, né in sala operatoria, dove c’è in gioco la vita del paziente”. Prima di programmare un addestramento è necessario focalizzare i limiti di ogni singolo partecipante: “Gli addestratori spingeranno i propri allievi sempre un po’ più in alto, fino a superare, gradualmente, il limite individuale – sottolinea l’astronauta -. Quando l’obiettivo sarà raggiunto senza intoppi, allora l’addestramento avrà avuto un buon esito”.

Un anno di addestramento

Il progetto Astro-Nets è nato dalla collaborazione tra l’Istituto Neurologico Besta, la scuola di specializzazione in Neurochirurgia dell’Università degli Studi di Milano, la Fondazione Heal che sostiene la ricerca neuro-oncologica e Deep Blue, l’azienda italiana selezionata dall’Agenzia Spaziale Europea per l’addestramento della nuova classe di astronauti. “Nelle varie fasi delle missioni spaziali, incluso il lancio, non ho mai provato paura – spiega Nespoli – perché ero consapevole sia della preparazione degli altri membri del team sia del mio livello di preparazione personale e professionale. Come paziente mi sono affidato senza paura alle mani degli  esperti neurochirurghi del Besta avendo piena fiducia nelle loro capacità. Per questo ritengo fondamentale che i giovani neurochirurghi seguano questo corso al fine di acquisire la necessaria preparazione personale e professionale”. Il training del progetto, che durerà dodici mesi, userà simulatori e tecnologie avanzate e punterà allo sviluppo di abilità non tecniche oltre che all’adattamento a situazioni impreviste, affrontando temi come la comunicazione, il lavoro di squadra, la leadership, la gestione del conflitto e l’errore umano

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...