Formazione 15 Febbraio 2017

“Governare la complessità” in Sanità: la nuova sfida dei big data

Al Forum dell’Associazione Italiana di Medicina e Sanità Sistemica presentato l’approccio innovativo. Il presidente ASSIMIS Christian Prestipino: «Più centralità al paziente, protagonista e partner delle cure insieme a medici adeguatamente formati a sfruttare le potenzialità della tecnologia»

Trasformare la complessità dei sistemi sanitari e della medicina in una opportunità. Come? Attraverso i big data. È emerso questo dal primo Forum sulla Sanità di Sistema, organizzato a Roma dall’ASSIMIS (Associazione Italiana di Medicina e Sanità Sistemica). Nella duegiorni al Centro Direzionale Unicredit si sono confrontati oltre 100 esperti nazionali ed internazionali di 40 discipline differenti che, partendo dalle proprie esperienze, hanno trovato un’ampia convergenza sulla centralità del paziente.

«Nel corso dei lavori – spiega Christian Pristipino, presidente ASSIMIS si è posta l’attenzione su quanto la complessità possa diventare opportunità in Medicina. In particolare abbiamo focalizzato come la complessità stia rallentando la Medicina in vari settori, come in quello della farmacologia in cui stanno emergendo minori farmaci perché non si riescono a trovare target adeguati. Abbiamo notato come i costi stiano salendo vertiginosamente e come gli approcci complessi alla Medicina e alla Sanità possano in realtà migliorare questo approccio, trovando nuovi target nell’interazione tra gli approcci più che nei singoli processi isolati. È quindi un cambiamento di paradigma che si può applicare anche alla relazione medico-paziente. Il paziente diventa protagonista insieme al medico e da paziente diventa partner del medico per costruire insieme una cura più efficace. Inoltre abbiamo portato dei dati che hanno mostrato, per esempio, come le organizzazioni sanitarie nelle quali si investono più risorse non necessariamente sono quelle che funzionano meglio. Questo avviene perché i sistemi sanitari sono come i sistemi viventi. Hanno bisogno di un approccio più ampio, non riduzionista, non focalizzato sui singoli aspetti ma presi nella loro complessità. Devono essere letti per essere targettizzati in modo sistemico attraverso delle tecniche specifiche e, contemporaneamente, bisogna trovare i nodi critici di queste reti per poter intervenire e avere efficacia».

In questo contesto quello del paziente diventa un ruolo chiave nell’ambito di una medicina che diventa partecipativa. Si crea una nuova forma di rappresentatività dei pazienti stessi sia a livello clinico che di ricerca perché arrivano a poter collaborare con il personale sanitario anche mettendo a disposizione tutti una serie di dati biologici, clinici, genetici e biochimici, che dovranno essere poi abbinati a parametri psico-socio-ambientali. Una profilazione complessa che porta all’acquisizione di quei big data fondamentali per questo rivoluzionario cambio di prospettiva.

Un sistema innovativo che richiede anche una adeguata formazione del personale sanitario.

«La formazione – prosegue Prestipino –  assume una posizione importantissima in questo nuovo approccio. Si arriva ad un ribaltamento della lente della medicina che da divisionista diventa integrativa. In questo contesto, inoltre, le istituzioni hanno un ruolo centrale e riteniamo significativo aver riscontrato una forte apertura sia nella FNOMCeO sia nell’Istituto Superiore di Sanità (Iss)».

L’Italia si candida, dunque, ad un ruolo di primo piano all’interno di questo nuovo approccio alla sanità e alla medicina ricercato in tutto il mondo. «All’estero, però, – conclude il presidente dell’ASSIMIS – dobbiamo continuare a guardare per le politiche di finanziamento. L’ex presidente di Stati Uniti Barack Obama ne aveva fatto una priorità, in particolare riguardo la medicina di precisione. Più in generale in tutti i principali Paesi ci sono notevoli investimenti che servirebbero anche in Italia per poter stare al passo con i tempi».

Articoli correlati
Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione
A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): "Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità"
«Assunzioni straordinarie e potenziamento percorsi formativi», la ricetta del premier Conte per la Sanità
«Questo progetto politico segna l'inizio di una nuova stagione riformatrice», ha spiegato all'inizio del suo intervento il premier Giuseppe Conte
Autismo, al via il primo Corso di Alta Formazione presso l’ISS
Sono 100 i dirigenti medici neuropsichiatri, psichiatri e psicologi che saranno formati e aggiornati attraverso il primo Corso Analisi del comportamento applicata al disturbo dello spettro autistico organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità. La prima lezione si è tenuta oggi in ISS ma saranno coinvolte anche le sedi della IULM di Milano e dell’Università Federico II di Napoli […]
Investimenti e formazione ECM, il neoministro Speranza riparte dal manifesto di Leu sulla Sanità
“Il rafforzamento del personale non potrà prescindere da un intervento su formazione e aggiornamento professionale” è quanto si legge nei punti programmatici presentati in occasione delle elezioni del 4 marzo
Scuole di specializzazione, in tante senza accreditamento. Mazzacane (Cisl Medici Lombardia): «Urgono scelte oculate»
Il dato emerge dallo studio dell’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica e coinvolge atenei da nord a sud d’Italia. «Questo genera una fuga di camici bianchi verso l'estero. Opportuno rivedere tutto il sistema con una nuova sinergia tra Sistema Sanitario e Università» sostiene Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali